lunedì , 15 ottobre 2018

Adozione: una scelta “d’amore”

A tutti noi è capitato di acquistare un animale, spesso travolti dall’onda emozionale, dall’inesperienza o da un capriccio; personalmente, con il senno di poi e con l’esperienza, è una scelta che non ripeterei: per ogni animale acquistato ci sono milioni di cessioni ed abbandoni che vengono ignorati, quindi spero che questo sia uno spunto di riflessione, anche per tanti colleghi commercianti.

  1. Garanzie: quando acquisti un animale in un negozio spesso ti vengono date informazioni approssimative circa la provenienza, l’età, il sesso e la corretta gestione (basti pensare ai conigli ed a tutti quei negozi che li danno omaggio con una gabbia o che inventano il sesso perché difficilmente leggibile in tenera età). Un’associazione o un ente sicuramente si è rivolto ad un veterinario e agli ex proprietari (ove possibile) e saprà tutto ciò che concerne l’animale.
  2. È una “tratta” con tanto di “deportazioni”: Per guadagnare su un animale l’unica soluzione è acquistarlo a minor prezzo possibile e spendere meno possibile per il mantenimento! Inoltre le persone sono portate ad acquistare animali “piccoli e teneri” quindi tolti il prima possibile alla madre… con i conseguenti problemi caratteriali e fisici dell’accrescimento
  3. Perché non sempre si vigila su determinate situazioni: Se gli enti di controllo garantissero REALMENTE il benessere animale, probabilmente molti negozi pieni di esemplari esotici privi di certificazione o di animali in condizioni di salute discutibile ecc. non sarebbero ancora aperti!
  4. Perché dal negozio non si “salva”: <<Era in pessime condizioni, non potevo lasciarlo li, l’ho comprato>>, <<ho convinto il negoziante a darmelo ad un prezzo basso>>… e domani? Quel posto vuoto da chi verrà occupato? I negozianti giocano sul fattore emozionale per guadagnare su qualcosa che pensano di non vendere.. non acquistare quel soggetto particolare è un danno economico per il negoziante e magari un incentivo al desistere dalla vendita.
  5. Per le conseguenze future: anche poche settimane con alimentazione sbagliata o in una gabbia piccola, magari con delle grate o una lettiera non idonea, in un contesto promiscuo e ha conseguenze e ripercussioni a vita sia dal punto di vista caratteriale che fisico.
  6. Moralmente è scorretto: che prezzo ha la vita, si può quantificarne il costo di un essere vivente? Comprereste mai, per assurdo un bambino?
  7. Non siamo “razzisti”: i negozi privilegiano le mode del momento, ma l’adozione è un atto d’amore e non deve essere dettata da caratteristiche estetiche, quanto più di compatibilità del sistema famiglia con quel determinato soggetto.
  8. Un negoziante non è un esperto del benessere animale: potrebbe in alcuni eccezionali casi essere un appassionato, ma certo non può essere un tuttologo; ad esempio perché dovrei consigliare un alimentazione che va contro il mio interesse economico ma a pro della salute dell’animale?
  9. Motivazione: vi è mai capitato di raggiungere subito un obiettivo e quindi perderne interesse? Per decidere di condividere la propria vita con un compagno a 4 zampe ci vuole un’altissima motivazione, la stessa che ci spingerà ad accudirlo anche in momenti di rabbia, noia, debolezza ecc. I volontari testano queste caratteristiche prima di affidare un animale proprio per evitare che venga poi nuovamente ceduto.
  10. Non bisogna avere fretta: spesso sentiamo dire (anche con una certa spocchia) “vabbè se non me lo volete dare me lo vado a comprare, se devo aspettare tanto”, non si tratta del capriccio o del gioco, dell’avere tutto e subito, ma di una vita che dipenderà da noi, per la quale si deve e si può aspettare!Quindi se volete quella razza di quella specie fate una scelta intelligente: rivolgetevi ai Rescue o acquistate in un allevamento d’eccellenza, ma in quel caso non badate a spese!

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Le adozioni “speciali” della Tana del Bianconiglio

Oggi ne abbiamo veramente per tutti i gusti, “canari” e “gattari” fatevi avanti: ACHIRA Lei …