venerdì , 23 febbraio 2018

Al Trianon va in scena “Tutto il mare o due bicchieri?”, la nuova opera di Eduardo Tartaglia

Una nuova “operazione san Gennaro” al centro dell’ultima commedia di Eduardo Tartaglia, in scena al Trianon Viviani da giovedì 15 febbraio prossimo.

Il comico è l’autore, il regista e il protagonista – con Veronica Mazza – di Tutto il mare o due bicchieri?, una commedia in due tempi che prende le mosse dal trafugamento del più prezioso tesoro di san Gennaro: ovvero le ampolle che raccolgono il sangue del santo patrono di Napoli.

Condotte dal vicecommissario di Polizia Ercole Portone, le indagini sono rese più difficili a causa delle testimonianze sconclusionate e involontariamente esilaranti del frastornato Angiolino Spertoso, aiutante del sagrestano nonché unico testimone, spalleggiato dalla moglie Lucia Ianuaria, affetta tra l’altro dalla sindrome di Tourette, e dall’amico Gerardo Stanco, logorroico e in perenne conflitto con sintassi e grammatica.

Di qui una ridda di ipotesi investigative: dal terrorismo islamico al gesto dimostrativo della camorra, dall’azione di un mitomane al furto a scopo estorsivo… Per poi scoprire che chi si è impossessato del preziosissimo sangue ha lo scopo folle di clonare san Gennaro: vuole estrarre, cioè, una cellula dal liquido posto nell’ampolla per riprodurre vivo e vegeto il Santo in carne e ossa. Ne conseguono tanti interrogativi e tentativi di risposte giocati sul filo del paradosso: san Gennaro potrebbe assumere le vesti di un vero e proprio supereroe dotato di super poteri a difesa della città? oppure essere un guaritore su scala mondiale collegato via internet con l’intero universo?

Questa commedia – solo apparentemente grottesca e surreale – presenta ancòra una volta tutti i tratti distintivi e le caratteristiche più tipiche della drammaturgia di Tartaglia che si inscrive nel solco della grande tradizione teatrale partenopea. Giudicato dal pubblico e dalla critica come «l’esponente più vicino alla lezione eduardiana della fiorente scuola napoletana contemporanea», l’autore nuovamente mette in luce la sua particolare capacità di affrontare temi di grande impatto sociale e civile con la leggerezza tipica dello scrittore comico. Questa alchimia di coniugare la serietà degli argomenti narrati con la capacità di costruire personaggi e situazioni divertenti è alla base di tanti suoi successi, come Ci sta un Francese, un Inglese e un Napoletano e La valigia sul letto – le cui affermazioni teatrali sono state bissate con gli omonimi film prodotti e distribuiti dalla Medusa nel 2008 e nel 2010 – e Questo bimbo a chi lo do?, anch’esso ormai prossimo a essere trasposto dal palcoscenico al grande schermo).

Nello spettacolo prodotto da Commedia futura, in collaborazione con la diciassettesima edizione del premio Massimo Troisi promosso dal Comune di San Giorgio a Cremano, Tartaglia e Mazza, rispettivamente nelle parti di Angiolino Spertoso e Lucia Ianuaria, sono affiancati in scena da Stefano Sarcinelli, che interpreta il vicecommissario Ercole PontoneFranco Pinelli, nei panni di Gerardo Stanco, e Pino L’Abbate, in quelli del dottor Pranzacena.

Le scene sono firmate da Luigi Ferrigno, mentre i costumi da Nunzia Russo. Le musiche sono di Paolo Coletta.

Tutto il mare o due bicchieri? andrà in scena al Trianon Viviani tutti i giorni da giovedì 15 a lunedì 19 febbraio. Le rappresentazioni sono tutte serali, alle 21, tranne quella di domenica 18 febbraio che è pomeridiana, alle 18.

Prosegue, intanto, la possibilità di sottoscrivere al Trianon Viviani un abbonamento a sette spettacoli a scelta tra questo e i prossimi nove titoli in cartellone. Gli abbonamenti possono essere acquistati presso il botteghino del teatro (aperto tutti i giorni: dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13:30 e dalle 15:30 alle 19; la domenica dalle 10 alle 14), o nelle prevendite convenzionate riportate nel sito istituzionale www.teatrotrianon.org. I prezzi partono da 85 euro.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Giuseppe Improta

Check Also

Tiny Dynamite al Teatro La Giostra. L’intervista al regista Bruno Tramice

“Per vivere bisogna rischiare di morire e per amare bisogna rischiare di perdere” Dal 20 …