venerdì , 20 luglio 2018

Arriva la Primavera depuriamoci naturalmente

Nella stagione primaverile si vedono spuntare fiori  e piante. Tra le tante specie selvatiche che nascono in questo periodo ce ne sono alcune commestibili come il tarassaco e l’ortica, l’asparago o il carciofo. Non è un caso che tutte queste piante abbiano proprietà depurative e che la natura ce le offra proprio a primavera.

Questa stagione è considerata dai cinesi la fase in cui l’energia dell’Universo ritorna alla terra per la rigenerazione. Per loro questo passaggio si riflette soprattutto sul fegato. Il fegato è l’organo emuntore per eccellenza insieme ai reni e alla pelle. Attraverso di loro il nostro sangue viene ripulito dalle sostanze nocive che ci arrivano dall’esterno. Quindi in primavera è utile stimolare il loro drenaggio, utilizzando la fitoterapia.

Il carciofo (Cynara scolymus), ne è un esempio. Esso rappresenta una pianta digestiva e depurativa del fegato, contiene alcuni principi amari (cinarina, cinopicrina)che stimolano la secrezione gastrica e diversi polifenoli tra cui flavonoidi e derivati dell’acido caffeico che promuovono la produzione e la secrezione di bile da parte del fegato. Rappresentano una fonte preziosa di sali minerali,  vitamina C e vitamine del gruppo B, in particolare B1 e B3. Contengono inoltre vitamina K, ritenuta utile nella prevenzione dell’osteoporosi. Sono inoltre una fonte di ferro e di rame, elementi impiegati dall’organismo nella produzione di cellule del sangue. Per sfruttare al meglio questo effetto è necessario  utilizzare l’estratto acquoso ottenuto dalle foglie.100 grammi di carciofi apportano al nostro organismo soltanto 47 calorie, naturalmente le calorie aumentano a seconda dei condimenti  che utilizziamo. E’ preferibile non usare il carciofo se si soffre di ulcere gastriche o di calcoli biliari.

Un’Asteracea come il carciofo è il cardo mariano (Sylibum marianum) che offre oltre all’effetto depurativo anche un’attività epatoprotettiva,  antiossidante, utilizzato per migliorare il flusso di latte delle puerpere, come antidoto per il veleno dei serpenti. I costituenti attivi sono un gruppo di flavolignani chiamati nel loro complesso con il nome di Silimarina. Il capostipite di questa famiglia è la Silibina che incrementa la produzione di glutatione epatico, contribuendo così alla difesa antiossidante del fegato. La raccolta spontanea dei cardi è ancora oggi una pratica molto usata in Italia, meglio evitare le aiuole ed i terreni che fiancheggiano le strade a intenso traffico. In questo caso è preferibile rivolgersi agli erboristi o ai farmacisti che possono fornirvi estratti purificati di cardo.  Attenzione ai pazienti affetti da ipertensione, perché il cardo contiene anche tiramina, una molecola che stimola la secrezione di dopamina, adrenalina e noradrenalina aumentando così la pressione arteriosa.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Giuseppina Nesta

Giuseppina Nesta
Farmacista, esperta in piante medicinali, fitoterapia, cultrice di omeopatia, specializzata in Scienze della Nutrizione, Nutrigenetica, Farmacista Vegano, Pman Cosmetico.Entusiasta della professione che cerca di difendere e coltivare, vivendo la farmacia in tutti i suoi aspetti.

Check Also

Il sistema linfatico: la rete che attraversa il corpo umano

I liquidi nell’organismo, in particole nelle braccia e nelle gambe, hanno due strade per tornare …