sabato , 23 Febbraio 2019

Dermatomicosi nel Coniglio ed Adozione

Le condizioni di scarsa igiene, soprattutto in allevamenti intensivi o per animali in stato di abbandono, sono la situazione ideale per il proliferare di funghi; in animali delicati come i conigli, poi, le dermatomicosi, diventano di difficile eradicazione.

Questa lunga e fastidiosa cura delle spore fungine è dovuta al fatto che sono estremamente resistenti al calore ed ai disinfettanti con una potenziale persistenza nell’ambiente di circa 18 mesi.

E’ il follicolo pilifero che viene invaso dal fungo, infatti esso si nutre dei carboidrati e della cheratina dei peli in accrescimento, ecco perchè in fase di svezzamento o di muta si verificano più facilmente dermatomicosi.

Il contagio può avvenire sia per via diretta (contatto tra animali) che via indiretta (accessori, gabbie ecc.) coinvolgendo maggiormente testa, zampe ed unghie.

La dermatomicosi è facilmente riconoscibile dai seguenti sintomi: alopecia e chiazze arrossate circolari, forfora, eczema, prurito, dimagrimento e deperimento.

Se si verifica uno di questi sintomi, occorre recarsi immediatamente dal veterinario esperto in esotici e non convenzionali.

IN ADOZIONE

Marina prima e dopo la micosi

Aiutateci a trovare una bella adozione fatta di libertà h 24 e di amore incondizionato.

Buttata come un oggetto vecchio in strada con femore rotto e micosi, questa splendida coniglietta ariete, è stata operata curata e adesso sta bene. È dolcissima e meriterebbe una famiglia che la faccia ricredere sulla bontà umana, magari che abbia già un maschietto castrato col quale fare un inserimento.

Vogliamo per lei una famiglia consapevole ed esperta di conigli (o neofita, ma disposta ad imparare la corretta gestione, sicuramente che non la voglia come “regalo per bambini”), che sappia darle le attenzioni che merita.

Marina si trova a Napoli. Verrà affidata sterilizzata con controlli pre e post affido.

Per info Connie WhatsApp 3394407754

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Chernobyl: il ritorno di alcune specie animali

Nell’aprile del 1986 tutti sanno cosa successe a Chernobyl nella famosa centrale nucleare e dei …