mercoledì , 19 Dicembre 2018

Giusy Tufano: costumista, imprenditrice, organizzatrice di eventi

Per la rubrica “Volti di Napoli” Senzalinea incontra Giusy Tufano. Giusy è un’ affermata  costumista teatrale, ma negli anni la sua passione per il cinema, il cosplay e la cultura giapponese l’hanno spinta a realizzare diversi progetti. Da eventi cosplay ad un maid cafè* itinerante, Giusy è ormai un punto di riferimento per gli appassionati campani, ma il suo futuro è forse lontano Napoli, ma la porterà a realizzare i suoi sogni di bambina….
Buongiorno Giusy, innanzitutto puoi raccontarci come è  nata la tua passione per il mondo dello spettacolo?
Ho sempre avuto un grande amore per il cinema. Da piccola guardando i grandi colossal in costume o i video di Michael Jackson e affini ,mi chiedevo da dove venissero quei vestiti così splendidi e scintillanti, ne restavo ipnotizzata. In realtà non pensavo subito ad un mestiere correlato, la vedevo una cosa troppo distante e difficile per me. Abiti così meravigliosi , chi? Io? Impossibile. Ho iniziato a pormi il problema concreto verso i 16-17 anni.
Studiavo alla scuola di fumetto Comix a Napoli perché mi piaceva disegnare, cominciai a capire che qualcosa non andava quando passavo più tempo a pensare cosa mettergli che alle azioni che dovevo disegnare . In un secondo momento ho aperto un negozio e  successivamente, dopo 6 anni di attività, l’ho chiuso per dedicarmi unicamente al lavoro di laboratorio costumi.
Qual’ è stata la tua “formazione” lavorativa?
Come si dice “mi sono fatta da sola”, anche se nel tempo ho seguito lezioni private di sarte professioniste ed ho avuto  innumerevoli esperienze lavorative e partecipato a tantissimi concorsi. Ho realizzato lavori er cosplayer, cantanti, ballerine di burlesque, danzatori, pattinatori , attori, spose, bambini, donne, drag queen, acrobati, artisti di strada…perfino animali.
Questa è stata per me la “scuola” più importante,  non ho mai potuto mostrare il famoso “pezzo di carta” di cui molta gente si fregia con giusta causa o che a volte se ne fa scudo,  ma la pressione costante e la continua presenza di stimoli , mi hanno fatto comprendere i miei limiti e le mie infinite possibilità. Ed è questo il mio tesoro personale.
In ambito lavorativo quali sono state le tue maggiori soddisfazioni?
Riuscire a vivere di questo lavoro per me è una grande rivalsa sull’attuale crisi del nostro paese e della nostra terra, ogni abito che realizzo per me è una soddisfazione sempre nuova, soprattutto se l’abito viene utilizzato in spettacoli, vedi il tuo lavoro  “prendere vita”. Non c’è soddisfazione migliore.
Quando hai iniziato a lavorare nel mondo “cosplay”?
Durante un’edizione  del Comicon (quella del 2004), lavoravo in uno stand. Si iniziavano a vedere molte  persone in costume che non solo li indossavano, ma interpretavano il personaggio per tutto il tempo,quindi mi venne subito voglia di provarci anch’io . All’inizio li ho realizzati per me ed i miei amici, di li a poco iniziai ad accettare commissioni facendo sempre più pratica. Era come se i personaggi che avevo sempre sognato di vestire nei film, fossero a portata di mano. Ringrazierò sempre il mondo cosplay per questa possibilità!
Hai organizzato anche alcuni eventi legati al cosplay, puoi parlarci di questa tua esperienza?
 I miei possono essere considerati raduni semi professionali.Per me gli eventi sono fiere come il Comicon o il Romics. I problemi organizzativi non mancano. Da quelli puramente economici (è sempre difficile trovare fondi),a quelli burocratici (autorizzazioni,carte, Napoli è una città storica quindi bisogna sempre stare attenti a come muoversi). Chi di guadagnarci  è fuori strada. La fatica è molta e le entrate praticamente nulle. Quello che sicuramente non ha prezzo è l’entusiasmo di chi ci mette anima a corpo per organizzare questi eventi e gli appassionati che regalano sempre tante soddisfazioni .Per questo possiamo ritenerci ricchi.
Hai introdotto il concetto di maid cafè* giapponese nella realtà partenopea con il Kawaii Coffee Shop, puoi parlarci di questa esperienza?
Quella del Kawaii Coffee shop è una bella cosa, perché è diversa da altri tipi di lavori ,per me è come avere un’altra famiglia, mi sento con i ragazzi anche quando non possiamo vederci, condividendo gioie e dolori. E’ come se avessi altri fratelli e sorelle. In realtà non siamo stati i primi, ma l’unione e l’amicizia  è il nostro successo. Un’attività del genere non è semplice da far funzionare a Napoli, ma a parte le  fiere, ci adattiamo ai gusti e alle necessità dei nostri clienti.
* Il maid cafè è un tipo di caffetteria in stile manga dove si è serviti da giovani “maid”, vestite in pizzo di stile vittoriano e francese di fine ‘800 ed eleganti “butler”.

Cosa vedi nel tuo futuro?

Molte cose che probabilmente mi porteranno a lasciare Napoli in futuro. Mi spiace se sarò costretta a lasciare la mia terra, la amo moltissimo, ma è il prezzo da pagare per un giusto obiettivo. Il mio sogno del cinema è sempre più vicino…

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega , tornato sulla terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Nell' ultimo anno scrive su Senzalinea di tecnologia e soprattuto di Cosplay. Ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega..

Check Also

ComixPlay It’s Christmas time 2018

Come da tradizione Senzalinea parteciperà domani al ComixPlay It’s Christmas time, ecco cosa ci ha scritto …