giovedì , 14 dicembre 2017

Il cibo “BORN IN THE U.S.A.”

Qualunque posto al mondo si visiti, non importa quale sia il cibo tipico del luogo, con le sue tradizioni e culture, non importa quanto siano orride le cibarie del luogo di viaggio, fin quando vi è un fast foodnei paraggi a salvarci, ogni posto è casa.

La cara vecchia America, oltre a sfornare grandi colossal e tendenze, culinariamente parlando, nonostante non abbia una veraantica cucina tradizionale, col la creazione dei fast food ha dato origine ad un’era rivoluzionaria, capace di condizionare il modo di mangiare e di vivere il cibo, addirittura di paesi lontani. La cucina degli States non è di certo al primo posto di quelle più salutari al mondo, ma si guadagno il primato in merito alla loro bontà. Una bontà che spesso viene scopiazzata e riproposta in diversi parti del mondo. Persino in Italia, da qualche tempo, spuntano ristoranti/fast food che propongono ogni genere di cibaria americana, cercando, in malo modo su certi punti, di imitare una cucina diversa dalla nostra, spesso commettendo errori banali.

Quando si pensa all’America (culinaria) pensiamo subito agli Hot Dog,pollo fritto, al doppio cheeseburger e immancabilmente alla Coca-cola. Condizionati sì dalla televisione, ma certamente non lontani dalla realtà. Uno degli alimenti più consumati negli USA è appunto il pollo, che tiene testa alla carne di manzo, che sia esso fritto, glassato, bollito o arrostito, viene consumato in grandissime quantità. Tra le varie salse di loro creazione, ogni pasto assume un singolare sapore seppur con ingredienti semplici. Famosi per il modo sregolato di nutrirsi, gli americani della loro cucina non ne hanno mai fatto grande mistero e neanche un vanto verso l’estero. In ogni stato degli USA però, possiamo trovare diversi modi di reinventare il cibo e di renderlo più personalizzato e tradizionale. In Kansas City troviamo delle cotolette di maiale affumicate e speziate in salsa agrodolce, in Rhode Island gli hot dog vengono speziate alla più non posso, come in Virginia, dove accanto agli hot dog è solito accompagnare diversi tipi di verdure, quali carote, cavoli ed insalata con salsa yogurt.

Nel Maryland, invece, vengono prodotti i famosi tortini di granchio, delle polpette di granchio dove vengono aggiunti pane ed uova. Oppure, pietanza tanto amata, il Friedcatfish dell’ Arkansas, cioè il pesce gatto fritto. Cosa che invece osano i newyorkesi è la rielaborare della famosissima pizza, cercando, banalmente, di darle un carattere che non le appartiene.

Ma non è solo fritto, bibite gassate, caramelle con una quantità di zucchero addirittura vietate in Europa e salse speziate, la cucina statunitense ha creato in verità qualcosa che, su certi punti è sfuggita di mano, ma ha fatto sì di creare una nuova tendenza, la Cake Design. Cercare di rendere non solo gustose le torte preparate, ma saziarsi nel solo guardarle con tanto di arte di preparazione. Ma nonostante ciò, la tradizionale torta di mele resterà sempre il loro must indiscusso.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Rosaria Ianniciello

Check Also

Tra Shakespeare, double-decker bus e tea – Facciamo un salto in Inghilterra.

Uno degli Stati più amato ed odiato al mondo, l’Inghilterra mantiene saldi tanti primati, facendo …