venerdì , 17 agosto 2018

La figura della mamma nella poesia napoletana

Come ormai da consuetudine, in Italia e in molteplici paesi dell’Occidente, la seconda domenica di maggio – che quest’anno cadrà il 13 – si celebrerà la Festa della Mamma.

Anche noi di Senza Linea vogliamo allora contribuire a rendere omaggio a questa figura importantissima per la vita di ognuno di noi, e vogliamo farlo proponendo la lettura di quattro componimenti poetici di altrettanti autori di particolare pregio. Parliamo, non a caso, di Salvatore Di Giacomo, Raffaele Viviani, Eduardo De Filippo e Totò; veri e proprio mostri sacri della letteratura e della cultura partenopea, nella quale l’immagine e il ruolo della madre non potevano che essere centrali.

 

SALVATORE DI GIACOMO

‘A mamma

Chi tene ‘a mamma
è ricche e nun ‘o sape;
chi tene ‘a mamma
è felice e nun ll’apprezza
Pecchè ll’ammore ‘e mamma
è ‘na ricchezza
è comme ‘o mare
ca nun fernesce maje.
Pure ll’omme cchiù triste e malamente
è ancora bbuon si vò bbene ‘a mamma.
‘A mamma tutto te dà,
niente te cerca
E si te vede e’ chiagnere
senza sapè ‘o pecché…
T’a stregne ‘mpiette
e chiagne ‘nsieme a te!

 

RAFFAELE VIVIANI

‘A Mamma

‘A Mamma è n’ata cosa: ‘o cereviello,
ll’asse d’a casa, ‘o sciato, ll’armunia;
è chella ca cumanna ‘a cumpagnia:
sta ‘ncapa ò capo ‘e casa, è nu cappiello.

Attuorno tene sempe nu ruciello,
abbada a mille cose, fa ‘a Maria;
e si nun sbatte pè na malatia,
va ascianno sempe ll’ago cu ‘o rucchiello.

A chi nu punto, a chi na cera storta,
a chi nu vaso, a chi n’avvertimento.
E se capisce ‘a mamma quanno è morta,

quanno nun ce sta cchiù sta scucciantona:
ca pare ca t’accide ogne mumento
e, doppo nu minuto, te perdona.

 

EDUARDO DE FILIPPO

Mamma mia

Mamma mia, te tengo attuorno
d’ ‘a matina nfin’ a sera;
vierno pare Primmavera
mò ca staje sempre cu me.
Si fa viento tu me parle,
mmiez’ ‘o mare sento: “Figlio!”.
Si me serve nu cunziglio,
dint’ ‘o scuro viene tu.
Mamma mia, mamma mia bella…
Quanta vote penzo a quanno
se pò dì ca dint’ a n’anno
ce vedevemo sì e no!
Giuvinotto me sentevo
capuzziello, preputente…
Te sò figlio overamente
mò ca nun te tengo cchiù.

 

TOTÒ

A cchiù sincera

Tengo na ‘nnammurata
ca è tutt’ ‘a vita mia.
Mo tene sittant’anne, povera mamma mia!
Cu chella faccia ‘e cera,
sotto ‘e capille janche,
me pare na sant’Anna
cu ll’uocchie triste e stanche.
Me legge dint’ ‘o penziero,
me guarda e m’anduvina
si tengo nu dulore
si tengo quacche spina…

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Angelo Potenza

Angelo Potenza
Nato a Potenza nel 1993. Dopo aver conseguito la maturità classica nella si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza della Università Federico II di Napoli, dove attualmente vive."La Storia, la scrittura e il mondo dell'informazione sono le mie passioni più grandi. E poi, naturalmente, c'è Napoli, insieme a tutta la nostra terra, a far da sfondo non solo agli occhi ma ad ogni pensiero."

Check Also

” A’ Vita”: Eduardo De Filippo e l’esperienza della vita

“Napule è ‘nu paese curioso: | è ‘nu teatro antico, sempre apierto. | Ce nasce …