sabato , 25 novembre 2017

La melatonina: un valido aiuto per dormire

Sono circa 9 milioni gli italiani che soffrono di insonnia e riposare il giusto tempo è fondamentale poiché molte funzioni dell’organismo come ad esempio la produzione di alcuni ormoni ed il consolidamento della memoria avvengono proprio durante il sonno.

Per molti agosto è il mese di vacanze in luoghi lontani o vicini e talvolta con fusi orari diversi dal nostro, che possono creare inconvenienti come il jet-lag e le conseguenze sono affaticamento, malessere e cattivo umore durante il giorno. Il jet-lag può essere causato non solo dal cambiamento di fuso orario ma anche da caldo intenso, stress e modifiche delle abitudini; tutti questi aspetti alterano i ritmi sonno veglia, impedendoci di addormentarci naturalmente.

Ma che cos’è la melatonina?

E’ un ormone prodotto dalla ghiandola pineale, posizionata nella parte più profonda del cervello. Questa ghiandola secerne melatonina in base alla luce. Poco dopo l’inizio dell’oscurità,viene rilasciata melatonina, che raggiunge la massima concentrazione nel sangue tra le due e le quattro di notte, per poi ridursi verso le prime ore del mattino, poiché la luce inibisce la secrezione di melatonina. Oltre ad essere prodotta dal corpo, la melatonina può essere assunta, mediante integratori sia per ridurre il tempo necessario a prendere sonno e sia per limitare gli effetti del jet-lag.

Ma come si assume la melatonina?

Quando il nostro corpo, non è in grado di produrla, perché la ghiandola pineale non riceve i segnali di luce e buio necessari, è possibile trovarla in diversi integratori sottoforma di pastiglie, spray o gocce. Solitamente la si trova nella forma pura, in alternativa può essere arricchita con erbe (camomilla, melissa, passiflora) che ne potenziano l’effetto. In altri prodotti può essere invece associata al magnesio, utile per contrastare stress e stanchezza, oppure al triptofano (utile per la produzione di serotonina e melatonina ) e vitamina B. Per sortire il suo effetto basterà assumerne 1 mg poco prima di coricarsi.

Tuttavia per favorire il relax e la qualità del sonno, basterà osservare delle semplici regole, come ad esempio:

Tenere lontani dal letto computer e telefoni;

L’ambiente della camera deve essere silenzioso, buio e con una temperatura ideale;

Sarebbe bene per quanto possibile coricarsi e svegliarsi quasi sempre negli stessi orari, anche nel weekend o in vacanza;

Evitare abbuffate specie la sera, per non appesantire la digestione, lo stesso vale per gli alcolici (che pur essendo un sedativo, ha un’azione molto rapida);

Evitare di fare pisolini durante la giornata;

Evitare l’esercizio fisico nelle 2-3 ore che precedono il sonno, poiché al contrario il corpo non avrebbe tempo necessario per tornare in uno stato di relax.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Giuseppina Nesta

Giuseppina Nesta

Farmacista, esperta in piante medicinali, fitoterapia, cultrice di omeopatia, specializzata in Scienze della Nutrizione, Nutrigenetica, Farmacista Vegano, Pman Cosmetico.Entusiasta della professione che cerca di difendere e coltivare, vivendo la farmacia in tutti i suoi aspetti.

Check Also

Rosa canina: proprietà e benefici

La rosa canina è un arbusto  della famiglia delle rosacee, che può superare anche i …