mercoledì , 18 ottobre 2017

Micosi ai piedi: cosa sono e come combatterle

La micosi ai piedi, ovvero il cosiddetto piede d’atleta, non è una problematica che riguarda solo gli sportivi ma può colpire tutti coloro che camminano scalzi in ambienti umidi come docce, piscine, spogliatoi pubblici, palestre, o che indossano scarpe che impediscono ai piedi di respirare. Si tratta di un’infezione della pelle di origine fungina (tinea pedis) che si può sviluppare in corrispondenza delle pieghe cutanee o degli spazi interdigitali dei piedi. I sintomi possono essere diversi e l’infezione si può estendere ad aree diverse.

Si possono distinguere tre tipi di micosi:

1. Micosi tra le dita dei piedi: solitamente si sviluppa tra il quarto ed il quinto dito poiché in questa zona si può accumulare fino al 98% dell’umidità.

2. Micosi alla pianta del piede: può espandersi ed arrivare a interessare i bordi laterali e i talloni, detta anche micosi a mocassino

3. Micosi alle unghie dei piedi: se non monitorato può estendersi anche lungo i bordi naturali delle unghie.

A prescindere dall’area colpita dal fungo, negli stadi iniziali la pelle del piede risulta arrossata e squamosa, per poi diventare umida e maleodorante, in alcuni casi possono formarsi anche delle vescichette con contenuto acquoso, generalmente localizzate lungo la pianta del piede e sui bordi delle dita.

L’insorgenza della micosi ai piedi può essere inoltre favorita da un indebolimento delle difese immunitarie e dalla presenza di alcune patologie quali diabete, problematiche circolatorie, ma non solo. A causare il rischio dello sviluppo e della diffusione dell’infezione ci sarebbero anche fattori esterni come:

tenere addosso calze e scarpe umide per lungo tempo, camminare scalzi nei luoghi umidi; l’utilizzo di materiali sintetici e non traspiranti, l’utilizzo di calzature troppo strette.

I funghi del piede si nutrono di cheratina, ovvero la proteina che compone e protegge unghie, capelli e lo strato corneo della pelle. Attaccando lo strato corneo della pelle la tinea pedis apre la strada a microorganismi di altro tipo che possono provocare tagli e c’è il rischio di infezioni profonde.

Allora quali sono le regole che possono prevenire e combattere le micosi ai piedi?

Esistono alcuni accorgimenti che, se adottati con costanza, possono aiutarci a prevenire le micosi ai piedi o a liberarcene più in fretta dopo la comparsa.

Vediamoli.

La regola numero uno , spesso trascurata, è l’autoispezione, ovvero il controllo dei piedi, specie negli spazi tra un dito e l’altro per notare anche un cambiamento del colore dell’epidermide, che può essere spia che qualcosa non va. In questo modo si potranno prendere dei provvedimenti con l’aiuto del medico ed evitare che una piccola infezione possa estendersi.

Tenere sempre i piedi asciutti, curare quindi l’igiene, facendo attenzione ad asciugare bene i piedi, passando l’asciugamano tra un dito e l’altro. Chi soffre di un’intensa sudorazione ai piedi, per mantenerli asciutti può passarvi sopra del borotalco o cosmetici naturali in polvere dal potere assorbente e deodorante, per favorire l’eliminazione dell’umidità. Scegliere le scarpe giuste, specie col caldo estivo, favorire l’utilizzo di calzature realizzate con materiali traspiranti tipo il cuoio, anche nella scelta dei calzini, preferire quelli realizzati con materiali naturali tipo cotone e lino.

Mai scalzi nei luoghi pubblici, indossare sempre delle ciabattine anche sotto la doccia.

Detergenti delicati, poiché l’igiene è fondamentale per prevenire l’insorgenza di micosi, ma bisogna farla senza l’utilizzo di detergenti troppo aggressivi poichè potrebbero alterare il pH della pelle , che è una delle barriere naturali più importanti contro le aggreesioni esterne.

Non grattarsi, per quanto possa essere fastidioso il prurito, è bene evitare di grattarsi, grattare la zona colpita potrebbe infatti ritardare la guarigione e provocare piccole lesioni, che a loro volta possono favorire infezioni.

In presenza di micosi è possibile trarre giovamento da pediluvi in acqua e bicarbonato. Il bicarbonato infatti svolge un’azione purificante, sulle aree colpite dal fungo, ovviamente dopo il pediluvio è bene asciugare con cura i piedi.

Difronte ad una micosi già sviluppata , un valido aiuto può arrivare dall’uso topico dell’olio essenziale tea tree oil ( malaleuca alternifolia); quest’olio ha un effetto antivirale e germicida per cui lo si utilizza in tutti i tipi di infezione, anche di origine fungina con un notevole succeeso.

Ovviamente se il problema della micosi ai piedi è esteso e fatica a risolversi velocemente è bene evitare l’autodiagnosi e sentire il parere del medico.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Giuseppina Nesta

Giuseppina Nesta
Farmacista, esperta in piante medicinali, fitoterapia, cultrice di omeopatia, specializzata in Scienze della Nutrizione, Nutrigenetica, Farmacista Vegano, Pman Cosmetico.Entusiasta della professione che cerca di difendere e coltivare, vivendo la farmacia in tutti i suoi aspetti.

Check Also

La lunga storia del bicarbonato!!!

Il bicarbonato di sodio, noto anche come baking soda o sale di Vichy, è una …