martedì , 16 ottobre 2018

Parliamo di razze: Il Cocker

Il cocker è un cane di taglia media selezionato in Inghilterra nell’800 appartenente all’ottavo raggruppamento delle razze per la Federazione Cinofilia Italiana, ovvero “riporto in acqua” (come i Labrador ed i Golden) dotato delle caratteristiche zampe palmate, infatti (eccetto rari casi) è un abile nuotatore; appartiene, ovviamente alla sezione dei “cani da caccia”.

Climbert & Kaleesi 

In origine veniva chiamato “cocking spaniel”, per la sua capacità, con il fastidioso abbaio, di far alzare in volo le beccacce.

In seguito negli Stati Uniti d’America è stata fatta una selezione per dare origine al Cocker Americano, di taglia inferiore, con il muso leggermente più prognato e che presenta un pelo più folto e cotonato rispetto all’originario inglese.

È una razza dall’aspetto fortemente neotenico: l’adulto è molto simile al cucciolo, caratterizzato da un aspetto tenero e buffo, inoltre anche il carattere conserva la gioiosità tipica dei “piccoli”.

Kaleesi & Climbert 

Gli esemplari possono avere diverse colorazioni:

Unicolore (nero; rosso; fulvo; fegato), multicolore (bicolore; nero e bianco; arancione e bianco; fegato e bianco; limone e bianco), tricolore (nero, bianco focato; marrone, bianco con focature), roano (blu roano; arancione roano; limone roano; fegato roano; blu roano focato; fegato roano focato).

Kaleesi & Climbert 

Come tutti i cani da caccia ha un forte istinto gregario, ma non lasciamoci ingannare, pur essendo tendenzialmente docile, con una scorretta gestione e mancata socializzazione potrebbe manifestare problematiche dovute alla sua testardaggine che inducono i proprietari meno “decisi” a viziarlo eccessivamente rendendolo un despota.

Se invece correttamente educato può essere collaborativo e paziente; si tratta di veri “coccoloni” che risentono fortemente della solitudine, sicuramente non è la razza idonea per chi non ha tempo da dedicare.

Eden

Può convivere benissimo con altri cani ed altre specie, attenzione però a quelli con spiccato istinto predatorio, soprtattutto nella convivenza con i volatili.

Le debolezze di questa delicata razza sono la displasia è la nefropatia familiare, una malattia genetica; altre problematiche sono quelle dovute agli occhi e le orecchie, punti estremamente delicati che andrebbero sempre tutelati.

Kaleesi

Fondamentale, oltre all’acquisto in un serio allevamento o da una cucciolata in casa o, ancora meglio, adottando in un Rescue di Razza (che ci garantisce una garanzia per evitare o già conoscere la presenza di problematiche genetiche) è la toelettatura ed il grooming quotidiano.

L’alimentazione va concordata con il veterinario, sono delicati, ma estremamente golosi, diventano degli stalker a tavola con i loro occhioni languidi; attenzione anche a lasciare succulenti bocconi vietati in giro… se vogliono arrivano ovunque!

 

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Le adozioni “speciali” della Tana del Bianconiglio

Oggi ne abbiamo veramente per tutti i gusti, “canari” e “gattari” fatevi avanti: ACHIRA Lei …