giovedì , 14 dicembre 2017

Per il Maggio dei Monumenti una grande iniziativa dell’associazione APN

Maggio-dei-Monumenti-2016[1]

XXII EDIZIONE DEL MAGGIO DEI MONUMENTI  2016 – COMUNE DI NAPOLI

“OPERA ESPOSITIVA PRESEPIALE”

“UN RE – UNA CAPITALE – UN PRESEPE”

Salone delle Colonne – Real Casa Santa dell’Annunziata

Ora 9:30 – 18:30 – Ingresso Gratuito

Il Comune di Napoli dedicherà il “Maggio dei monumenti 2016, al trecentesimo anniversario della nascita di Carlo di Borbone ed al 700 musicale ed artistico napoletano.

L’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli ha promosso questo evento espositivo, con il coinvolgimento dell’Associazione Presepistica Napoletana.L’opera espositiva, richiama eventi storici e antropologici legati a Carlo di Borbone Re di Napoli, rappresentati nelle scene presepiali del settecento e dello stesso Re, la cui personale passione per l’allestimento del Presepe, diede un forte impulso e permise un’ampia diffusione di questa secolare tradizione elevandola ad arte.Il progetto, non sarà il classico presepe, ma utilizzerà parti sceniche presepiali inseriti in una strutturata di 3,60 x 3,60 mt contornata da una base inferiore di didascalie che descrivono le scene. Le scene sono suddivise  con pannelli figurativi come fondo, e manufatti rappresentativi del richiamo storico, che insieme a Pastori, animali e ad accessori, inducano nell’osservatore, una visione dinamica e parlante del racconto. Un racconto suddiviso in quattro scene, non totalmente estranee l’una con l’altra, che rappresenterà i costumi popolari, i momenti, i personaggi importanti, nel periodo di reggenza a Napoli del Re Carlo.Si avrà la scena degli orientali, come richiamo della venuta di Hacji Hüseyn Effendi (pastore realizzato in base al dipinto del pittore Bonito) inviato straordinario della Porta Ottomana nella pubblica udienza dal Re Carlo di Borbone nel Palazzo Reale di Napoli e dalla venuta dei Re Magi.Si avrà la scena che richiama l’importanza del domenicano Padre Rocco (pastore realizzato) e delle sue opere svolte nel popolo ed il rapporto con il presepe condiviso con Il Re Carlo.Si avrà la scena che richiama gli architetti del Re quali il Vanvitelli, Fuga, Medrano, Canevari, Sanfelice, Garafa Duca di Noja, (tutti realizzati in base ai ritratti dipinti) con gigantografia della sua nota mappaSi avrà un richiamo degli scavi di Ercolano, e possiamo dire che a Carlo di Borbone dobbiamo l’invenzione dell’archeologia Europea.

Tutti elementi che sono presenti nelle scenografie del presepe settecentesco napoletano, per le quali si cerca in questa occasione, di darne una spiegazione storica.

La dedizione di molti artisti, il sostegno di soci volontari, l’intera associazione con il suo patrimonio tecnico, artistico e culturale offrirà alla città di Napoli ed al turismo un evento espositivo innovativo rispetto alla tradizione natalizia. Sono stati realizzati oltre 60 pastori, diversi animali, accessori e minuterie. L’evento può attivare anche, rapporti di collaborazione con altre associazioni, impegnate nelle visite guidate, inserendoci nel loro percorso ed alle quali possiamo offrire assistenza.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Luciana Pasqualetti

Luciana Pasqualetti

Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l’approssimazione.

Check Also

“In punta di piedi” al Teatro De Filippo di Portici uno spettacolo per abbattere le barriere sociali

“Momenti Napoletani“ Mercoledì 6 Dicembre ore 18 Teatro De Filippo Portici Il 6 Dicembre, presso …