venerdì , 20 luglio 2018

POETE’ presenta: Il Numero Uno di Francesco Mangiacapra

Giovedì 4 Maggio 2017

ore 18.30           

Chiaja Hotel De Charme – via Chiaia 216

 

POETE’
PERCHE’ QUI LA CULTURA E’ DI CASA

Presenta

Il Numero Uno

Confessioni di un marchettaro

di Francesco Mangiacapra

con Mario Gelardi

(Iacobelli)

Interverranno:

Francesco Mangiacapra e Mario Gelardi

Antonello Sannino

(Ass. Radicali Napoli Ernesto Rossi)

Letture di Simone Fiorillo

Modera Claudio Finelli

 

“La storia di Francesco Mangiacapra è unica. Quando ho incontrato a Napoli questo avvocato diventato prostituto sono stato travolto dalla forza della sua testimonianza. Il suo racconto senza veli è spiazzante. Mangiacapra spiega come la prostituzione oggi possa essere una scelta. Parla di marketing e di valore degli individui. ‘Ho preferito vendere il corpo a giusto prezzo piuttosto che svendere il cervello’, racconta. ‘Si crede spesso erroneamente – aggiunge – che il denaro ricavato dalla prostituzione sia guadagno facile. Si tratta piuttosto di denaro veloce, non certamente facile. Altrimenti chiunque si prostituirebbe!’. Il suo racconto, lucido e brutale, senza ipocrisia, è una critica radicale al capitalismo post-industriale e alla globalizzazione dell’economia. anche una severa testimonianza sulle attuali politiche che hanno abbandonato alla disoccupazione di massa l’Europa del Sud e in particolare il Sud Italia. In questa economia alla deriva, dove i titoli di studio non hanno valore, disoccupazione giovanile corrode la morale e dove l’ascensore sociale è bloccato, Mangiacapra ha creato, oserei dire, la sua start-up sessuale unipersonale. E non ne fa mistero. Bisogna leggere Mangiacapra senza giudicarlo. È una testimonianza nuda e cruda come il mondo che descrive. È anche un testo politico. Quello di un prostituto politico.” (Frédéric Martel).

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Redazione

Check Also

Coppia respinta. Discriminazione omofoba a Bacoli

Dopo il caso della giovane lesbica respinta ad un colloquio di lavoro a Roma, perché …