giovedì , 14 dicembre 2017

Silvana De Mari e il sesso AriAno

Gentilissimi lettori della mia rubrica.

Oggi ci addentriamo a commentare alcune dichiarazioni della dottoressa,nonché scrittrice e blogger, Silvana De Mari.

Non so se ne siete al corrente, la signora nei giorni passati ha fatto alcune dichiarazioni sui gay, sul loro modo di vivere e sul sesso anale .

La notizia ha sollevato un polverone gay-mediatico.

Premetto che non ho il piacere di conoscere la signora De Mari in persona, quindi ,mi attengo a ciò che i giornali riportano.

In sostanza  ha  dichiarato che i gay non esistono poi ,contraddicendosi ,ha affermato che sono la  nuova”razza ariana” e che  il sesso anale è una pratica di iniziazione satanica oltre che dannoso.

Anal-izzi(AMO) la questione.

Il punto ,secondo lei, è che i gay riescono quasi ad imporsi prepotentemente  con le loro scelte di vita , intentendo,essi  sono  talmente convinti e convincenti che quasi passano per esseri primari(ariani) a discapito degli etero. Da qui la definizione razza ariana, credo intenda la supremazia dei bianchi europei all’ epoca delle persecuzioni antisemite . Razza ariana  uguale razza primaria , un po come se la forze persuasiva dei gay a farsi accettare ,sdoganandosi, li facesse superare la normalità degli etero e , paradossalmente, sarebbero i gay “normali” e gli etero quasi strani e sbagliati. Quasi un lavaggio del cervello dove i gay riuscerebbero a far passare il loro mondo allegro e colorato come  normale .

Da qui le dichiarazioni sul sesso anale…”E’ sbagliato”!!! In quanto certe parti del corpo servono solo ad una funzione e non ad altre,è pure  dannoso per il proprio corpo, addirirttura una pratica satanica,amici cari, non più le corna e bruciare la bibbia, oggi il nuovo trend satanico è il sesso anale. Già alcuni rappresentanti,rispettabilissimi, del clero avevano millantato che i cataclismi fossero colpa dei gay e dei loro matrimoni,ma scomodare satana mi sembra un pelino ardito…. Quindi se non fatto con attenzione il sesso anale ,che si fa,il bidè nell’acquasantiera?Nelle dark room devono chiamare l’esorcista?

ASSURDO……..

Infine,come se non fosse abbastanza, afferma che i gay “non esistono”.  PUFFFF.!!Il Esattamente.«L’omosessualità non esiste […] C’è una sola sessualità e persone biologicamente perdenti che la rifiutano.

Questa frase detta da un medico è interessante, è risaputo che l’ omosessualità è sempre esistita anche nel mondo animale.  Si, siamo tutti uguali ma la sfera sessuale ci influenza tutta la vita quando è “diversa” dalla maggior parte della società. La differenza tra me ed un etero è solo sessuale,ma questo particolare mi colloca in una categoria a se stante e mi influenza, malgrado tutto, su parecchie scelte. Ma è sempre la società  a creare differenze

Sul sesso anale satanico e dannoso mi viene da ridere, certo la dottoressa si definisce ultra-cattolica quindi mi sovviene l’ associazione con l’espressione  ultra-omofoba, il sesso anale è meno dannoso delle sue esternazioni, in quanto non fomenta odio..

Mia cara dottoressa, come le viene in mente di fare certe esternazioni?Essere equiparati agli altri non significa prevaricare, per farsi accettare bisogna lottare ed alcuni lo fanno con più enfasi degli altri.Il mio spazio di libertà finisce quando inizia quello del mio vicino. Se lei si sente prevaricata è un problema suo. Non dovrebbe estenarlo, in quanto medico.  Spieghi e consigli il sesso anale “sicuro”, lei è un medico aiuti il prossimo ,non crei polveroni inutili.

Ovvio i medici ,in coscienza, e la lobby gay non si sono fatti attendere chiedendo le scuse e la radiazione dall’ albo medico della signora. Fatto bene.

Rimpiango la dottoressa Giò.

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Carlo Kik Ditto

Carlo Kik Ditto

Autore dello splendido romanzo “La pecora Rosa”,Carlo Ditto con la sua ironia e il suo tono sempre sopra le righe,riesce a raccontare in modo davvero unico,la quotidianetà.Nella sua rubrica “L’angolo della Pecora Rosa”,accompagnerà i nostri lettori nel mondo LGBT.

Check Also

Aziz la star bulgara che rompe tutti gli schemi

Siamo abituati a pensare che le città all’est dell’Europa soffrano ancora di un’arretratezza economica e …