Acari: Questioni “Rognose” tutto quello che bisogna sapere

Nel 2018 cadiamo nell’errore di credere che alcune patologie siano state debellate, in realtà occorre sempre e comunque fare “prevenzione” proprio come per il caso dei “pidocchi a scuola” nei bambini.
Anche se la nostra casa è pulitissima dobbiamo tenere presente che alcuni parassiti possono comunque venire a contatto con i nostri pet: gli acari.
Purtroppo, vista la sensibilità alimentare sviluppata negli ultimi anni dagli animali domestici, siamo subito portati a pensare che, una zona di alopecia ed un grattamento continuo, siano la causa di un’allergia o intolleranza alimentare sottovalutando l’origine più scontata come pulci, zecche o un’infestazione da acari.
Sarcoptes Scabiei e demodex canis sono i nomi scentifici degli acari che trasmettono rispettivamente la rogna sarcoptica (o scabbia) e la rogna rossa.


La malattia può essere trasmessa sia da oggetti che dal contatto diretto con la pelle e per diventare sintomatica ci vogliono poco meno di 6 settimane.
Ovviamente questi acari proliferano in ambienti dove regna promiscuità e scarsa igiene e possono colpire molte specie (volatili, canidi, lagomorfi, felini, roditori ecc.) uomo compreso,; ma basta un soggetto infetto a fare da ceppo.
I sintomi sono: forte prurito, perdita di pelo, cuniculi cutanei ed in alcuni casi eruzioni che deformano la normale “linearità” della superficie cutanea, un chiaro esempio è la patologia che viene chiamata nel coniglio “naso a pinocchio”.


I farmaci più efficaci sono quelli contenenti permetrina (ad uso esterno) e l’ivermectina per via endemica.
Per i nostri pet, come sempre la soluzione migliore è la prevenzione:
– Coprire sempre con antiparassitario i pet che lo richiedono (gatti e conigli anche se non escono da casa, l’acaro predilige naso, orecchie e zampe!).
– Pulire con aspirapolvere anche tappeti e cucce.
– Disinfettare lettiere, fondi di gabbie e voliere.
– Se si ha il dubbio di un’infestazione da acari chiedere subito un consulto con un veterinario esperto.

Non affidatevi al web o ai rimedi fai da te; le infestazioni da acaro sono “rognose” (concedete il gioco di parole) ma di semplice cura, basta solo costanza e determinazione. Se sottovalutate e lasciate a se stesse, non solo provocano indescrivibili fastidi e dolori nei nostri amici, ma possono consumarli portandoli alla morte.

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

La Saiga dal grosso naso

La natura sa stupirci in tanti modi, ci sono esseri viventi che nemmeno la più …