Accadde oggi:Auguri alla splendida Angela Luce

Muove i suoi primi passi partecipando alla Piedigrotta Bideri,all’età di quattordici anni,con la canzone Zi Carmilì.Ultima diva della canzone napoletana,esordisce al cinema nel 1956 con Ricordati di Napoli per poi prendere parte a film di spessore con Letto a tre piazze,Signori si nasce,lo straniero e il Decameron del maestro Pasolini,che le fece vincere il Premio Reggia d’Oro della città di Caserta.In totale le sue apparizioni cinematografiche sono più di ottanta e può vantare di aver lavorato con i più grandi attori come Mastroianni,Gassman,Manfredi,Sordi,Tognazzi,De Sica e ovviamente Totò.Anche come cantante Angela Luce si fa notare vincendo Un disco per l’estate nel 1973 con la canzone “La casa del Diavolo” e bissando il successo nel 1975 con “Cara amica mia”.Và ricordato “Sò Bammenella ‘e coppe ‘e Quartiere” di Viviani,che fu presentato al Festival dei Due Mondi di Spoleto.Questa canzone,infatti,scrive il nome di Angela Luce come unica artista al mondo ad essere presente nell’Archivio storico della Canzone Napoletana,con la doppia esecuzione della stessa canzone.Poliedrica ed esplosiva,sul palco,anche a Teatro è riuscita ad imporre il suo talento,fu scritturata,infatti,non ancora ventenne da Eduardo De Filippo,interpretando per il maestro molti ruoli significativi e di spessore,arrivando in seguito ad essere la protagonista della commedia Il contratto.Altre collaborazioni teatrali la videro protagonista con Peppino De Filippo e Nino Taranto fino a giungere al festival di prosa più celebre,il Wiesbaden in Germania e recitare al famosissimo Old Vic di Londra.Senza dimenticare le sue interpretazioni al Coliseum di Buenos Aires o al teatro Hellinger di New York.Una carriera ricca di successi,che ne fa un artista a 360° e sopratutto una donna viva,verace,la pura rappresentazione di Napoli.

Please follow and like us:

Biografia Redazione

Avatar

Check Also

“I MISTERI DELLA ROTONDA DIAZ”L’solotto di San Leonardo, l’isola che non c’è

L’ex isola di San Leonardo a Chiaia faceva parte di un gruppo di isolette napoletane scomparse che sorgevano …