Accusato di molestie, si è suicidato prof del liceo Vico

Si è suicidato, ieri 15 giungo, nella sua residenza di Quarto, con colpo di pistola ( a quanto pare, legalmente detenuta) al petto, un professore del liceo classico Giambattista Vico, a Napoli. Vincenzo Auricchio, 53 anni, insegnava matematica ed era finito agli arresti domiciliari, in quanto accusato di aver avuto dei rapporti sessuali con due sue allieve, le quali, all’epoca dei fatti, erano quindicenni. La denuncia era partita dal padre di una delle due giovani, il quale avrebbe scoperto, sul telefono della figlia, delle chat a sfondo sessuale scambiate proprio con il suo insegnante. Il docente, difeso dal suo legale, aveva respinto le accuse, sostenendo di non aver mai inviato quei messaggi partiti dal suo account.

La notizia del suicidio ha creato molto sgomento nei conoscenti dell’uomo che, come insegnante, era molto stimato sia dai colleghi che dagli allievi. Alcuni, pure sui social, hanno parlato di “parole infamanti” e di “gogna mediatica da parte dei giornalisti”, aspetti che avrebbero appunto indotto il professore all’estremo gesto.

Ovviamente, non sta a noi stabilire la verità, dato che su di essa può far luce solo la magistratura, e non possiamo minimamente entrare nel merito delle accuse che hanno portato all’arresto dell’uomo; di certo, nell’eventualità in cui questi si fosse realmente macchiato di tale reato, era giusto che pagasse la pena. Al tempo stesso, riflettiamo però, al di là di questo caso specifico, sul fatto che da parte di tutti noi – soprattutto per quanto attiene gli operatori dell’informazione – ci debba essere  tanta prudenza nell’affrontare gli episodi di cronaca, che spesso sono molto delicati. Prima di esprimerci in maniera definitiva, aspettiamo sempre che la giustizia faccia il suo regolare corso, e dosiamo le parole.

Please follow and like us:

Biografia Angelo Potenza

Angelo Potenza
Nato a Potenza nel 1993. Dopo aver conseguito la maturità classica nella si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza della Università Federico II di Napoli, dove attualmente vive."La Storia, la scrittura e il mondo dell'informazione sono le mie passioni più grandi. E poi, naturalmente, c'è Napoli, insieme a tutta la nostra terra, a far da sfondo non solo agli occhi ma ad ogni pensiero."

Check Also

Napoli, un nuovo Centro vaccinale nel Real Bosco di Capodimonte

Dopo i ritardi e le battute d’arresto verificatesi in tutta Italia e nell’Unione, la campagna …