venerdì , 17 Gennaio 2020

Animali: ritorno alla “quotidianità” dopo le feste

La lunga pausa dal tran-tran quotidiano delle feste natalizie è finita e ci ritroviamo rilanciati nella frenetica vita lavorativa e nello stress; sembra ieri che ci ingozzavamo a tavola per ore e facevamo maratone di film melensi sul divano, ed oggi siamo nuovamente in ufficio, in negozio, al cantiere, insomma si ricomincia… ed i nostri animali?

Si perché per più di una settimana, ci hanno visti più presenti, hanno subito invasioni di amici e parenti, hanno ricevuto bocconi extra, giochi e concessioni straordinarie e d’improvviso torniamo ad essere iper-eccitati, veloci, severi e stanchi.

Agli occhi dei nostri cani, gatti, conigli, criceti, pappagalli e chi più ne ha più ne metta, dobbiamo sembrare dei pazzi, e proprio come succede a noi, che abbiamo la “depressione post vacanze”, loro potrebbero sentirsi disorientati, trascurati e manifestare comportamenti insoliti, strani; si perché l’incoerenza li manda in confusione.

Ricordiamo che gli animali vivono la loro vita con costanza, abitudini giornaliere, rituali; come riportarli alla “normalità”? Con pazienza, costanza, gentilezza e soprattutto gradualmente.

Ecco alcuni esempi utili da mettere in pratica:

  • Se passavate molto tempo con il cagnolino, prima di andare a lavoro, almeno nei primi giorni, fate il sacrificio di svegliarvi con un leggero anticipo e dedicategli una passeggiata più lunga del solito, lasciategli qualcosa che lo intrattenga (ossi, kong ecc.).

  • Se al pappagallo dedicavate ore di interazione, nella voliera (che sia debitamente ampia) inserite più giochi (atossici e naturali) del solito e nuove attività da svolgere.

  • Se garantivate libertà h 24 al coniglietto perché potevate vigilare costantemente per la sua sicurezza, che non vi venga in mente ora di recluderlo in una gabbia o un recinto quando non ci siete, ma rendete una camera o tutta casa “a prova di coniglio”.

  • Se il gatto riposava con voi al caldo sul divano per lunghe ore, fate in modo da lasciargli un vostro indumento li dove riposavate insieme, una copertina e numerosi giochi coi quali potersi “sfogare”.

Per la maggior parte dei nostri pets, l’assenza, o comunque la privazione della nostra presenza è vissuta come una punizione, un qualcosa di incomprensibile, ecco perché è fondamentale essere molto comprensivi e se ci sono comportamenti insoliti segnalarli al nostro veterinario che ci saprà indirizzare correttamente.

Noi pretendiamo che comprendano tante cose: quando siamo stanchi, la domenica mattina, le feste, il rientro a lavoro, le vacanze, e loro spesso lo fanno, perché possiedono un’intelligenza sensibile ed hanno con noi un rapporto empatico profondo, ma ogni tanto cerchiamo di “metterci nei loro panni” e proviamo a fare un passo noi “umani” nella loro direzione!

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

A capodanno chi ama gli animali non spara!

Ogni anno, con l’avvicinarsi della notte di San Silvestro, chi ama gli animali è terrorizzato …