giovedì , 5 Dicembre 2019

Cani, gay e Transpecie

“Ho sceso il cane” è una frase bellissima! E’stata riconosciuta corretta dall’accademia della crusca, dell’avena e della farina tipo 00, tutte insieme. Significa: sono uscito con il mio amico.

Il cane è il miglior amico del’uomo, e, il migliore amico del cane è un uomo gay.

Nel periodo estivo dove purtroppo i nostri figli a quattro zampe vengono abbandonati, io decanterò le lodi e i vantaggi dell’avere un cane e quanto essi ed il mondo LGBT siano legati.

Che i cani adottati da un gay o da una coppia gay siano molto fortunati lo si sa, vengono viziati e trattati come dei principi/principesse, anche se a volte i padroni esagerano con gli orpelli tanto da farli sembrare  delle Moira Orfei  con il pelo. Vero che, spesso, non avendo figli facciamo il transfert sui nostri amici animali e li trattiamo come prole. Ci sono negozi attrezzatissimi con vestiti, cucce da nababbi e pranzi a 5 stelle formato scatoletta, tendiamo ad umanizzare il nostro cane ed a riversare il nostro affetto su di lui, in assenza di un partner o di un figlio. Non c’è nulla di male, ma lo facciamo per noi stessi, per avere la sensazione di prenderci cura di qualcuno. Ad una cane basterebbero un osso ed uno scatolo vuoto per giocare oltre che il nostro insostituibile affetto.

L’omosessualità nel mondo animale è materia controversa e non certa, pare che i nostri cani possano essere gay, ma da cosa lo si capisce? Difficile dirlo con esattezza, non avendo l’uso della parola non ci possiamo aspettare un ” dog coming out”. I cani sono spontanei nelle loro azioni, e se si avvicinano  in modo “sessualmente sospetto” ad un esemplare dello stesso sesso non si può certo dire che siano gay, gli stereotipi della società e della contorta mente umana non possono essere rapportati ad esseri liberi come gli animali.

Spesso i cani maschi provano a  montare quelli dello stesso sesso solo per manifestare il proprio essere dominante.

Infine esiste una poco nota connessione tra mondo canino e uomini, la Transpecie. Ci sono persone che con la crescita si accorgono di non essere umane al 100%, spesso sentono di essere affini ad una categoria animale e tendono ad immedesimarsi in esso. Si parla di uomo cane. Ci sono umani che decidono di vivere e comportarsi come cani, uscire al guinzaglio con il loro padrone, mangiare in una scodella, ricevere le carezze. Spesso questo comportamento ha anche un risvolto sessuale, gli uomini cane in questione hanno anche rapporti intimi con il loro padrone. Sottile la linea di confine tra un caso di transpecie ed un semplice gioco sessuale di sottomissione, forse solo più spinto del normale sadomaso, e non è questa la sede opportuna per entrare nel dettaglio.

La comunità dei cuccioli,  come si fanno chiamare, cresce e pian piano si fa strada  per uscire allo scoperto nella società, persone normalissime ma con una doppia vita che molti non vogliono più nascondere.

In tutti i modi, se amate gli animali ed il vostro cane è davvero come un figlio, fratello, amico, che sia gay o no non ci deve interessare. L’amore che ci darà sarà sempre meraviglioso.

Il simbolo per l’orgoglio gay canino è un triangolo rainbow rovesciato.

I canili sono pieni di cuccioletti in attesa di una famiglia, adottateli!

Please follow and like us:

Biografia Carlo Kik Ditto

Carlo Kik Ditto
Autore dei romanzi "La pecora Rosa"e "Crazy Bear Love" e "A Destra dell'Arcobaleno",Carlo Ditto con la sua ironia e il suo tono sempre sopra le righe,riesce a raccontare in modo davvero unico,la quotidianetà.Nella sua rubrica "L'angolo della Pecora Rosa",accompagnerà i nostri lettori nel mondo LGBT.

Check Also

“Onlyfans” il porno fai da te raccontato da G.

Oggi il porno è fai da te, tutti abbiamo una cellulare e quelli di nuova …