domenica , 29 Marzo 2020

“Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile conflitto. EMDR: la soluzione possibile”,

Marina Balbo presenta “Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile
conflitto. EMDR: la soluzione possibile”, in cui tratta, grazie alla sua
pluridecennale esperienza medica nel campo dei disturbi
dell’alimentazione, tutti quegli aspetti riguardanti il mondo
dell’alimentazione e lo fa in modo chiaro e completo, riuscendo a
rispondere a tutti quei “perché” che riguardano lo sviluppo delle
diverse patologie e a quei “come” questi fattori possono essere
identificati, gestiti e curati.

«La desiderabilità sociale, soprattutto delle donne, è diventata il
criterio attraverso cui accettarsi o sentirsi inadeguati (Miller, 2019)
e tutto ciò che va oltre la semplice apparenza diventa superfluo. Si
tende a giudicare l’altro non per le qualità interiori, ma sulla base
della fisicità. […]».

Il libro di Marina Balbo, Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile
conflitto. EMDR: la soluzione possibile, edito da Mimesis, è il frutto
del lavoro che l’autrice compie da più di vent’anni, un impegno costante
per lo studio e la lotta ai disturbi alimentari. Con questo volume,
Marina Balbo vuole raggiungere un pubblico vasto, al fine di mettere a
disposizione di tutti la sua esperienza e per far comprendere i rischi
di una scorretta alimentazione. Non si tratta però di un libro che parla
di diete, ma è qualcosa di più importante, poiché l’autrice indaga
innanzitutto le cause della disfunzione alimentare e fornisce uno
strumento di autoaiuto per tutti coloro che soffrono di disturbi
alimentari. La sua lunga esperienza ha permesso la definizione di un
trattamento, l’EMDR, ovvero Desensibilizzazione e rielaborazione
attraverso i movimenti oculari, particolarmente indicato per curare
soggetti con disturbi alimentari causati da traumi. Il trattamento
proposto da Marina Balbo ha ricevuto il riconoscimento dell’ambito
scientifico e si prefigura come lo strumento migliore per la cura di
questi disturbi, ma prima di approdare al trattamento, l’autrice compie
un vero e proprio excursus storico sui disturbi alimentari e su come
essi siano cambiati nel tempo, divenendo sempre più complessi e gravi.
In una società in cui domina il modello perfetto di fisicità, in cui la
donna, in particolar modo, è il soggetto più bombardato da immagini di
bellezza, si è riscontrato un aumento di questi disturbi, causati da
scarsa autostima, ma anche da stress e fattori traumatici. Marina Balbo,
con questo libro, ha saputo spiegarci, grazie ad uno stile chiaro e
accessibile anche ai non addetti ai lavori, tutti gli aspetti, positivi
e negativi, riguardanti il mondo dell’alimentazione e lo fa in modo
semplice ed esaustivo. Inoltre, l’autrice riporta esempi concreti, le
diagnosi, i disturbi e le ricerche più importanti sull’argomento, con un
vero e proprio focus sulla realtà psicologica delle persone che
presentavano tali problematiche. L’ultima parte del libro è, invece,
rivolta ai terapeuti. Marina Balbo propone una guida pratica per gli
specialisti della materia, in modo da inserire questo trattamento nelle
loro pratiche cliniche. Il libro è anticipato da una prefazione di
Isabel Fernandez, in cui scrive: «il trattamento con EMDR è stato
riconosciuto in tutto il mondo come una psicoterapia evidence-based per
il disturbo postraumatico da stress sulla base di oltre 44 studi
controllati e randomizzati. Una delle caratteristiche più importanti di
questo libro è la descrizione dell’approccio EMDR e di come possa essere
adattato alle disfunzioni in campo alimentare, dato che lo stress
relazionale e la traumatizzazione sono dei riconosciuti fattori di
rischio per i disturbi alimentari». Questo volume, dunque, si prefigura
come uno strumento efficace sia per i pazienti che per i terapeuti e gli
specialisti dell’alimentazione.

TRAMA. Un difficile rapporto con il cibo è presente non solo tra gli
adolescenti ma anche negli adulti. Spesso è il sintomo di un dolore
profondo che nasce da problematiche di controllo, bassa autostima, colpa
e vergogna, che possono provenire da eventi critici o traumatici vissuti
nel corso della vita o in giovane età. Questo libro ha l’obiettivo di
aiutare il lettore a comprendere il difficile rapporto con il cibo e le
cause sottostanti ai sintomi che lo mantengono. L’autrice propone il
testo come un kit di attrezzi di base con gli elementi essenziali per
aumentare la conoscenza, la consapevolezza, la motivazione nonché il
percorso migliore per trovare una soluzione definitiva con la
psicoterapia EMDR. L’EMDR (desensibilizzazione e rielaborazione
attraverso i movimenti oculari) è un trattamento psicoterapeutico
validato da più ricerche. Particolarmente indicato nella cura dei
traumi, l’EMDR è un approccio complesso e globale non solo per
rielaborare i traumi del passato ma anche per potenziare le risorse
individuali e l’autostima efficaci per risolvere i sintomi, spesso
cronici, dei disturbi alimentari.

BIOGRAFIA. Marina Balbo è direttore del Centro di psicoterapia EMDR di
Asti, in cui svolge l’attività di psicoterapeuta. Nell’ambito
dell’Associazione Italiana per l’EMDR è socio fondatore, vicepresidente
del Consiglio Direttivo Nazionale, supervisore e co-trainer. E’
co-autore di numerose ricerche scientifiche, docente e supervisore
AIAMC. Con McGraw-Hill ha pubblicato EMDR: uno strumento di dialogo tra
le psicoterapie, con Giunti EMDR e Disturbi dell’Alimentazione. Tra
passato, presente e futuro.

Titolo: Cibo amico, cibo nemico. Un interminabile conflitto. EMDR: la
soluzione possibile.
Autore: Marina Balbo
Genere: Psicologia e Scienze dell’Educazione
Casa Editrice: Mimesis
Pagine: 163
Prezzo: 14,00 €
Codice ISBN: 9788857560359

CASA EDITRICE. La casa editrice Mimesis nasce come associazione
culturale nel 1987, su iniziativa di Pierre Dalla Vigna, con lo scopo di
raccogliere e diffondere le idee che animano la riflessione italiana ed
europea. Nel 2006 Luca Taddio affianca Pierre Dalla Vigna nella
direzione editoriale e nella nuova compagine sociale. Assieme danno vita
a MIM edizioni srl, attuale detentrice del marchio “Mimesis”. Pur
mantenendo la sua attitudine filosofica, Mimesis espande presto i
confini dei propri interessi alle scienze umane e alla letteratura. Lo
stretto rapporto con il mondo universitario e la costante esplorazione
di nuovi ambiti d’indagine hanno garantito alla casa editrice un
catalogo sempre più vasto: 4.000 titoli, una programmazione di 300
novità all’anno organizzate in 140 collane, e sottoposte alla
valutazione dei direttori e dei comitati scientifici, con oltre 6000
docenti coinvolti nei diversi comitati e una trentina di riviste. Oltre
a garantire una produzione editoriale di valore scientifico, la
vocazione di Mimesis per il pensiero libero e indipendente si esprime
anche attraverso la più completa autonomia dei propri autori. Oggi il
Gruppo Mimesis riunisce realtà culturali diverse: sul versante italiano
fanno parte del Gruppo la casa editrice Jouvence, dedita alla storia,
alla letteratura e alla riflessione interculturale e la casa editrice
Meltemi Srl da poco rinata con un catalogo dedicato in particolare
all’antropologia, sociologia e nuovi media. Sul piano internazionale ci
sono Editions Mimesis e Mimesis International, attive rispettivamente
sul mercato francese e anglosassone (UK/ USA). Mimesis Verlag è invece
il nuovo marchio pensato per il mercato editoriale di lingua tedesca. Il
Gruppo si caratterizza e concretizza all’interno di un progetto europeo
di programmazione editoriale in particolare nel settore umanistico in
stretta collaborazione con i principali centri di ricerca universitari.
Sempre in questo spirito europeo, nel 2015 Mimesis ha inaugurato una
nuova sezione dedicata alla progettazione europea, MIM EU, pensata per
accogliere gli stimoli della realtà socio-economica odierna, sempre più
dinamica e globale. Dalla sua nascita, Mimesis ha vinto due progetti
europei dedicati alla letteratura. L’offerta culturale della casa
editrice comprende la piattaforma Scenari, settimanale online dedicato
all’approfondimento di temi politici, economici e culturali.

Please follow and like us:
fb-share-icon0

Biografia Redazione

Avatar

Check Also

“Non c’è niente che cambierei” Massimiliano Campanile si racconta nella sua biografia

Ci  sono dei momenti della vita in cui le persone hanno la necessità di fare …