martedì , 10 Dicembre 2019

Da Genova il bear model CRIS

Continuo con le interviste agli influencer, checché se ne dica rappresentano uno spaccato del nostro mondo, nel bene e nel male.

Incontro Cris, ha 28 anni e vive a Genova. un bel ragazzo per metà campano e metà veneziano, che si mostra sui social in tutto il suo metro ottantasette di bellezza e pelo. Detta stile e moda, è un influencer e modello, ha un buon seguito su Instragram ed molto fantasioso e particolare nella scelte delle foto da pubblicare. I suoi nudi non sono mai volgari e la sua fisicità accontenta una buona fetta di pubblico che appezza un uomo bello nella sua naturalezza e assolutamente fuori dai dettami restrittivi della moda che ci vorrebbe tutti depilati e magri.

Cris è se stesso, ed oggi per voi una chiacchierata allegra, colorata e …molto personale…

Bear model, esattamente cosa vuol dire?

Bear model é semplicemente un modello appartenente alla comunità ursina basata sull’orientamento sessuale, bisessuale o omosessuale, avente come canoni estetici: pelo, panza e barba!

Mica solo le “palestronze” possono fare i modelli!

Sei un influencer, è una scelta voluta oppure è nato tutto per caso?

Fare l’influencer è nato assolutamente per caso! Ricordo che con un gruppo di amici avevamo iniziato a creare eventi e serate LGBT nei centri sociali genovesi per informare e divulgare temi come l’orientamento sessuale le identità di genere. Facevano anche animazione e avevo cominciato a postare su Instagram foto di come mi travestivo e c’è stato il boom! Di li a poco una discoteca mi ha contattato per lavorare con loro (è stato un breve periodo) o partecipare a serate in altri locali. Le pagine hanno cominciato a chiedermi se potevano pubblicare le mie foto. E mi sono ritrovato a pubblicizzare delle cose tipo crema per la barba!

Trucchi per attirare i followers ?

Sicuramente fare foto osé aiuta! Ma non basta. Bisogna anche cercare di comunicare qualcosa! Fare selfie mezzi nudi in bagno o sempre la stessa identica espressione e posa renderebbe il tuo profilo spento e mediocre. Bisogna cercare di reinventarsi sempre e trovare e puntare su argomenti di interesse comune! Ad esempio io ho unito la mia sensualità delle foto osé alla mia professione di cuoco poiché cibo e sesso vanno sempre d’accordo! Da poco ho aperto anche una rubrica “l’angolo delle cose che non sapevi e che non frega un cazzo a nessuno” che tratta di piccole curiosità che la gente ignora perché si danno per scontato di sapere e su cui non ci interroghiamo. Ad esempio “perché i bar si chiamano così?” Oppure di curiosità locali che scopro viaggiando.

Come studi  e crei una foto da postare?

Tutto quello che posto e creo è legato alla musica! Io amo la musica e amo cantare. Non ho un genere specifico quindi ascolto veramente di tutto dalla lirica al metal e dalla tecno al reggae, chiudo gli occhi e mi arrivano delle immagini che trasformò in foto o storie. Quindi si posso dire che la musica è il mio catalizzatore.

Qual è il limite invalicabile tra te e i follower?

Il limite invalicabile tra me e i miei follower sono: la richiesta del mio numero di telefono che ovviamente non do mai. L’insistenza nel chiedermi foto di parti intime. E le videochiamate inattese in orari improbabili! Per questi motivi mi è capitato di bloccare o ignorare i follower. Per il resto sono molto aperto e mi piace conoscere gente nuova e stringere amicizia e se posso ,nel mio piccolo, dare supporto e consigli.

Si criticano spesso gli influencer, secondo te è invidia?

Oddio! Ammetto di non sopportare io per primo qualche influencer ma di base non c’è un vero motivo. È una sensazione a pelle oppure non condivido dei loro pensieri. Ovvio che mi limito a non seguirli e mi meraviglio invece di come esistano persone che si accaniscono a insultarli sotto ogni post, lo trovo ridicolo e senza senso. Penso che gli influencer vengano criticati per semplice gusto personale ma d’altronde è l’effetto collaterale di avere tanta visibilità, per quanto ci piaccia non possiamo conquistare tutti!

Ti ispiri a qualcuno?

Ispirarmi a qualcuno nello specifico: No! Posso dire di essere un minestrone di cose cool e buffe che il mio occhio e senso estetico hanno catturato nel corso della mia vita!

Il tuo tratto distintivo?

Per questa domanda ho dovuto fare un sondaggio su Instagram e a parte il culo ovviamente si può dire? In molti hanno risposto la mia simpatia, la mia sensualità, le mie doti canore o l’abilità in cucina, chi invece le mie foto semi nude. Io credo che il mio tratto distintivo sia a questo punto la mia versatilità.

Progetti futuri? Leggo “SINGER” nella presentazione…

Progetti futuri Ne ho “tanterrimi!” Inizierò un corso di recitazione e improvvisazione! A dicembre canterò all’inaugurazione di una Coop (e già mi vergogno!) e per quanto riguarda la mia professione sto pensando di aprirmi un locale tutto mio e spero davvero di riuscirci!

Grazie Cris, buona fortuna!

Le “palestronze” sono avvisate!

Instagram:  CRI_pi_08

Please follow and like us:

Biografia Carlo Kik Ditto

Carlo Kik Ditto
Autore dei romanzi "La pecora Rosa"e "Crazy Bear Love" e "A Destra dell'Arcobaleno",Carlo Ditto con la sua ironia e il suo tono sempre sopra le righe,riesce a raccontare in modo davvero unico,la quotidianetà.Nella sua rubrica "L'angolo della Pecora Rosa",accompagnerà i nostri lettori nel mondo LGBT.

Check Also

Hate Crimes No More: un questionario on-line, realizzato dal Centro Risorse LGBTI, per censire il fenomeno dell’omofobia, lesbofobia, bifobia e transfobia in Italia

Fino a dicembre si potrà contribuire, compilando il form dedicato, a quantificare la portata del …