Dawson’s Creek spegne venti candeline

Vi sentite vecchi solo perché avete 30 anni ed ancora mille sogni da realizzare? E se vi dicessimo che la celeberrima serie tv DAWSON’S CREEK ha compiuto 20 anni?

Il 20 gennaio 1998 è andata in onda, negli U.S.A. (in Italia, però, la serie è arrivata qualche mese più tardi, in concomitanza con l’inizio dell’anno scolastico) la serie-tv che ha fatto breccia nei cuori di milioni adolescenti di tutto il mondo. Figlia di una seria cult degli anni 90, Beverly Hills 90210, che per lunghi anni ha accompagnato le nostre giornate, la nuova serie, con protagonisti 4 giovani attori in erba, ha ispirato l’esistenza di molti. Stavolta allontanandosi dalla Hollywood patinata, da giovani ricchi e viziati, ci siamo trasferiti nella “noiosa”, ma sempre amorevole Capesade.

 

Dawson’s Creek ha lasciato segni indelebili nelle nostre menti, per la prima volta non ci siamo sentiti troppo poveri, incompleti e sfigati, ci sentivamo corrisposti sotto ogni punto di vista. Ogni personaggio aveva un ruolo fondamentale anche nelle nostre vite e ci hanno segnato entrando dolcemente come solo un caro amico può fare. Non ci sentivamo più “nerd” se ci innamoravamo del nostro/a migliore amico/a e non venivamo corrisposti. Non ci sentivamo più soli perché dall’altra parte c’era una persona tanto simile a noi. Le lezioni di vita, inconsciamente concesse, ci hanno trasportato in esperienze nuove e risposto a domande che prima non riuscivano a rispondere.

La piccola Joey ci ha insegnato a stringere i denti e a non arrendersi mai. Un po’ come un mulo, delle volte anche troppo, è andata avanti ed ha raggiunto ogni suo scopo di vita. A tratti noiosa ma una spalla sicura su cui poggiarsi, la piccola Potter è cresciuta lasciandoci un sommo insegnamento: STUDIA E CONQUISTERAI IL MONDO.

 

Il tenero e combina guai Pacey  forse è stato l’unico personaggio che ha unito molti adolescenti. Non sentirsi mai adeguato, non essere mai abbastanza e non aver capito cosa voler fare della propria vita. Un dilemma persistente che si colmerà solo dopo tante battaglie perse e cuori spezzati. Pacey ci fa sentire meno soli!

Jen, la super bionda, super bella e super “ragazza facile” ha fatto breccia nei nostri cuori e fatti in mille pezzi nell’ultimo episodio. Ma lei è stata una delle protagoniste in assoluto di scandali adolescenziali. Eppure, col tempo, l’abbiamo sempre più apprezzata, l’abbiamo sentita sempre più vicina a noi e la sua fragilità ci dimostrava che, chi vuol apparire forte in realtà è il più fragile. Colei che ci ha fatto capire la libertà e gli eccessi, l’importanza del sesso in un rapporto e soprattutto della sua assenza. La ribellione.

 

Quando si parla di Jen, non può non esser citato il timido ed affascinate Jack. In questo caso le lezioni imparate sono molteplici, ma quella che  ci ha segnato a vita è una, AMATI E SARAI AMATO. Solo dopo tanto dolore, con l’aiuto di amici fidati e con costanza, Jack ha fatto passi da gigante e forse noi non smetteremo mai di ringraziarlo perché non si è arreso alle avversità, ma ha lottato e ha rischiato, ha gridato al mondo la sua omosessualità ed ha capito, ci ha fatto capire che non dobbiamo vergognarci di ciò che siamo.

 

Ultimo, ma non per importanza, Dawson. Si, piagnone e logorroico, sempre serio e tanto orgoglioso, ma l’abbiamo amato proprio per questo, ogni suo difetto, errore o turbamento rifletteva il nostro e si è comportato come uno specchio adolescenziale dove tutti lo giudicavano, ma in realtà giudicavamo noi stessi. Si cresce, si cambia, si matura e si, un tassello alla volta tutto torna al posto giusto. Ci ha insegnato a sopravvivere, come Joey, alla perdita di un genitore. Ci ha insegnato ad amare più della nostra vita gli amici ed esser come fratelli per loro. Ci ha insegnato la lealtà, la giustizia e a piangere, si perché anche i più forti piangono. Ci ha insegnato a non demordere e a realizzare i nostri sogni. Infondo tutti abbiamo nel cuore un nostro Steven Spielberg.

 

 

 

 

Impossibile non aver gridato a squarciagola, tutto d’un fiato, almeno una volta la sigla “Adouonoueiii”, struggendoci ogni volta che uno dei protagonisti ne combinava una delle sue. Troppi ricordi, e per questo, per i nostalgici come voi, proponiamo il primo spot pubblicitario italiano . . .

 

“Come tutto ebbe inizio”

Grazie al creatore Kevin Williamson tutto ebbe inizio. Non molti sanno che la storia si basa su sue vicende personali. Cresciuto in una cittadina di provincia, proprio come i protagonisti, passava buona parte della sua giornata con la sua migliore amica, proprio come Dawson e Joey. Lui già appassionato di cinema da molto piccolo, amava profondamente il regista Steven Spielberg.

In 20 anni sono cambiate tante cose, gli attori sono cresciuti e ci hanno fatto ancora sognare, stavolta in ruoli diversi, diventando genitori ed anche per le diverse love story.

Vediamo come sono cambiati in 20 anni, dal 1998 al 2018 (giusto per farvi sentire più vecchi):

 

Ci sono alcune curiosità su Dawson’s Creek che non tutti sanno:

  1. Odi et amo. Tra la piccola Joey (Kate Holmes) e Jen (Michelle Williams) davvero non correva buon sangue. Le due infatti, non passavano mai del tempo insieme, si evitavano durante le riprese e, terminato il telefilm, non hanno più avuto rapporti.
  2. Ve lo ricordate il bacio tra Jack (Kerr Smith) e Ethan (Adam Kaufman) nel finale della terza stagione? Bene, quello in realtà è stato il primo bacio gay andato in onda, in prima serata, sulla TV nazionale americana.
  3. True Love. Tra Kate Holmes e Joshua Jackson (Pacey) vi è stata una vera storia d’amore sul set, ma il tutto si concluse tempo dopo.
  4. La piccola Kate, essendo minorenne e frequentando ancora il liceo, non riuscì a presentarsi al provino. Per questo inviò una videocassetta dove la mamma recitava la parte di Dawson. Deve aver impressionato questo suo provino, poiché il ruolo divenne subito suo.
  5. James Van Der Beek e i Meme. Qualunque attore ne avrebbe abbastanza, ma lui si diverte a vedere il suo personaggio icona di meme drammaticamente adolescenziali. Sicuramente sa ridere si se stesso!
  6. Alcune scene finali sono state tagliate nel telefilm, come il ritorno di Andie per dire addio a Jen in fin di vita. Ma questo solo nella messa in onda televisiva, infatti in dvd è inserita questa scema.
  7. La passione di Dawson per Steven Spielberg deriva sempre da Williamson. Un giorno, Van Der Beek ha rivelato che, dopo aver incontrato Spielberg a una partita dei Lakers, quest’ultimo, scherzando, gli abbia detto: “Mi piacciono i poster della tua stanza”. Simpatico il regista!
  8. Un finale alternativo. . . Dawson inizialmente doveva essere la scelta di Joey, ma il regista ritenne il finale troppo scontato, quindi cambiò idea. L’altro finale, quello meno attendibile, ma che avrebbe riscosso sicuramente più critiche era far morire Dawson nell’ultimo episodio e non Jen. Ma questa teoria, per molti, lascia il tempo che trova.

Ad oggi si vocifera una reunion e la possibile creazione di un film o di una nuova stagione, ma sicuramente nulla sarà più lo stesso senza Jenny. Non ci resta che attendere.

 

 

 

Dawson’s Creek, il teen drama autoriflessivo che ci ha sconvolto la vita, Buon ventennale!

 

 

Please follow and like us:

Biografia Maria Rosaria Ianniciello

Maria Rosaria Ianniciello
Lettrice patentata, scrittrice e ricercatrice di sogni perduti. Ho conosciuto il mondo del lavoro, quello vero, già dall’adolescenza; ma la scrittura, quella profonda, da molto prima. Amo viaggiare e scoprire tutto ciò che mi circonda. Mi cibo di arte, musica e lettura. Ma venero la buona cucina, non solo “chell’ e mammà”, ma di tutto il mondo.

Check Also

DISNEY+ | DAL 24 LUGLIO ARRIVA LA SERIE ORIGINALE “TURISTI CURIOSI CON BOB E MACK”

 La serie originale Disney+ Turisti curiosi con Bob e Mack arriverà con tutti gli episodi da venerdì …