Dirt Rally 2.0 [PLAYSTATION 4 – RECENSIONE]

Codemasters, una storia più che trentennale

La britannica Codemasters è una storica azienda operante nel mondo dei videogiochi dal lontano 1986. Inizialmente molto attiva nel produrre videogiochi per gli home computer dell’epoca (ZX Spectrum, Amstrad CPC, Commodore 64, Amiga, Atari ST), nel tempo ha saputo ritagliarsi una buona  fetta di mercato ed ha saputo rinnovarsi nel tempo, fino ad arrivare ai giorni ai nostri riconosciuta come come massima esponente nella programmazione e pubblicazione di racing game, tra cui Dirt Rally 2.0uscito pochi giorni fa per le maggiori piattaforme. La tradizione di Codemasters nell’ambito dei giochi di corsa è una delle più radicate tra quelle presenti nell’intera industria videoludica moderna,  i primi titoli sviluppati dal team inglese risalgono infatti alla fine degli anni ’80,  i meno giovani si ricorderanno di Grand Prix Simulator o del più “recente” Colin McRae Rally. Codemasters ha sempre saputo accontentare un po’ tutti i gusti: da chi cerca un’esperienza arcade a quelli che cercano un approccio più simulativo e DiRT Rally 2.0 è l’ennesima conferma della filosofia della software house inglese.

Iniziamo!

Prima di tuffarci nella carriera di Dirt 2.0 potremo partecipare  a eventi di vario tipo legati  al rally tradizionale e al rallycross. E’ una gradita aggiunta dato che a livello di licenze DiRT Rally 2.0 non può contare su quella del campionato ufficiale WRC, nelle mani di Kylotonn Games , mentre possiede quelle legate al  FIA World Rallycross Championship. La carriera principale si articola  attraverso queste due discipline, presentando nel caso del rally classico sei ambientazioni che contano un totale di oltre settanta percorsi, mentre le sfide di rallycross si svolgeranno sulle otto piste ufficiali.  Completando eventi all’interno di quest’ultima il giocatore potrà acquistare nuove automobili tra le oltre cinquanta che il gioco mette a disposizione e potrà potenziare il proprio team, per fare in modo che ingegneri e copilota diventino più efficienti nel loro lavoro.

Simulazione con moderazione

Anche se i programmatori hanno pensato ad un’esperienza di guida di tipo simulativo sarà possibile attivare diversi “aiuti” che renderanno la nostra esperienza discretamente arcade.  Chi è già abituato al modello di DiRT Rally si troverà a suo agio, con notevoli miglioramenti in termini di grip dei vari pneumatici in diverse  situazioni. In futuro saranno aggiunto alcuni contenuti  (ahimè a pagamento) ambientati anche sulla neve, grande assente di questo episodio. Interessante la gestione della fisica, e l’impossibilità di effettuare un riavvolgimento  in caso di errore. Questo ci porterà ad affrontare con grande concentrazione l’intera gara, valutando attentamente ogni particolare. DiRT Rally 2.0 è un gioco da non prendere sotto gamba, ma mai punitivo, anche grazie alla I.A.  adattiva.

Tecnicamente parlando

Anche se meno sorprendente rispetto al suo predecessore, questo nuovo capitolo si fa apprezzare su PlayStation 4 grazie ad un framerate granitico anche grazie a qualche compromesso nella vegetazione e nei modelli delle auto, il tutto si è reso necessario per mettere a suo agio un Ego Engine ormai prossimo al pensionamento. Il sonoro è  efficiente a mantenere alto il livello di coinvolgimento, grazie a un copilota molto chiaro (disponibile anche in italiano).Ottimo anche il lavoro sugli effetti sonori del motore.

Concludendo

DiRT Rally 2.0 è la migliore simulazione di rally di questa generazione. Codemasters migliora sotto tutti i punti di vista il suo predecessore, non includendo però moltissimi contenuti. Qualche tracciato aggiuntivo non avrebbe guastato, c’è da sorvolare anche su qualche limitazione del suo motore che ormai è stato spremuto fino in fondo. Resta il fatto che anche così il gioco non mancherà di divertire gli amanti del genere.

PRO

  • Incredibile equilibrio tra simulazione e arcade
  • Impegnativo, ma mai punitivo
  • Comparto tecnico di ottima fattura
  • Licenza Ufficiale FIA World Rallycross Championship

CONTRO

  •  l’Ego Engine inizia a mostrare i sui anni
  • Non ci sono tantissimi contenuti….
  • …e ne arriveranno TROPPI a pagamento
  • Manca la licenza ufficiale WRC

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

DRAGON BALL – ANIME COMICS PACK E ONE PIECE – ANIME COMICS PACK: SCENDONO IN CAMPO I BIG!

Dal 28 ottobre saranno disponibili in versione pack gli anime comics dei film cinematografici di due dei …