Dopo 11 anni torna il Napoli Strit Festival

Torna dopo undici anni lo “Strit Festival“, manifestazione nata nel 1999 e che ha raccolto a sè ottimi consensi e un gran pubblico, oltre l’entusiasmo di circa un milione e mezzo di spettatori. Il nome, “Strit“, riecheggia il tipico lessico napoletano, cioè strada, sia la fonetica inglese, strada stretta, ed in questa semplice parola è racchiuso tutta la filosofia di quest’evento. Nelle passate edizioni le collaborazioni sono state oltre 500, fra Associazioni, Istituzioni pubbliche, Agenzie sociali, Istituti culturali e Ambasciate, il risultato è sempre stato straordinario,magico,unico!
Immaginate una strada, che d’improvviso si trasforma in un film di Fellini, fra artisti di strada e musica, fra i colori della magia e il silenzio malinconico dei mimi, tutto molto semplice, genuino, un ritorno al passato, quando bastava poco per essere felici. Lo Strit Festival, nelle precedenti edizioni, ha portato in strada, solo nella città di Napoli, oltre duemila artisti, che hanno raggiunto la città da tutto il mondo,ma la vera forza di questa manifestazione è stata quella di non staturarsi mai, ma di tenere sempre fede ai propri obiettivi, cioè riavvicinare il pubblico all’arte, in tutto le sue espressioni, cercando di creare una forte sinergia fra gli artisti e le persone, coinvolgendole sia fisicamente che emotivamente. Ed infatti, spesso, il rapporto che si è venuto a creare, ha sviluppato una festa nella festa, con le strade che ospitavano lo Strit, che si trasformavano, si modellavano, ritornavano a vivere, per uno spettacolo unico e festoso a cielo aperto.
Questa decima edizione dello Strit Festival, che come abbiamo ricordato è sempre stato caratterizzato dai suoi chiassosi, sarà dedicato al silenzio. Il silenzio non proprio naturale sia per il Festival che per la città di Napoli, nota proprio per il musicale rumore che invade giorno e notte le sue strade. L’idea nasce dalla necessità di porre la parola “fine” al magico potere delle parole, parole troppe volte sopravvalutate e utilizzate a vanvera, parole che hanno perso la forza della persuasione ma che scorrono incontrollate nelle strade della città, parole spesso violente e cariche di odio, parole che meritano solo silenzio! Quindi questa decima edizione celebrerà, a modo suo, il “Funerale delle parole” e lo farà attraverso una serie di attività e azioni artistiche che, ne abbiamo la certezza, vi lasceranno a bocca aperta e soprattutto senza parole.
Info:
Please follow and like us:

Biografia Redazione

Avatar

Check Also

Senzalinea media partner ufficiale dell’ Online Cosplay Challange organizzato dal Fantasy Day!

    Il Fantasy Day è sicuramente uno degli appuntamenti più attesi per i  nerd …