Eventi Napoli e Campania: Agenda della settimana dall’8 all’ 11 aprile 20191

Anche questa settimana Senza Linea ha selezionato per voi gli eventi più interessanti della settimana. Vediamo cosa ci offre la nostra bella Campania.

White Rabbit Red Rabbit / Lara Sansone

lunedì 8 aprile

Napoli

369gradi, in collaborazione con Teatro Bellini di Napoli,  e con la complicità di Teatro Sannazzaro 

White Rabbit Red Rabbit con Lara Sansone di Nassim Soleimanpour, traduzione Marina Dammacco, produzione 369gradi.

Dopo il Teatro Sala Molière /Art Garage di Pozzuoli con Carmine Borrino, il Piccolo Bellini, con Vincenzo Nemolato, il Nest Napoli est Teatro con Ernesto Lama, il TAN con Lello Serao, IL Nuovo Teatro Sanità con Riccardo Ciccarelli, il progetto diffuso di WHITE RABBIT RED RABBIT di 369gradi dir.gen. Valeria Orani, in collaborazione con il Teatro Bellini, arriva al Teatro Sannazzaro con la meravigliosa Lara Sansone.
Da novembre ad aprile, sette appuntamenti in sei teatri cittadini, disegnano una mappa di Conigli Bianchi Conigli Rossi, interpretati da attori e attrici scelti per il loro forte legame con il teatro, il quartiere e il pubblico di volta in volta coinvolto in questo esperimento.

WHITE RABBIT RED RABBIT è infatti un esperimento sociale in forma di spettacolo prodotto in Italia da 369gradi. L’attrice o l’attore che lo interpreta per un’unica volta, senza regia e senza prove, apre la busta sigillata che contiene il testo già sul palco e ne condivide il contenuto con il pubblico. Una sedia, un tavolo, due bicchieri, gli orpelli concessi. Il qui e ora nella sua massima espressione. Ci sono delle regole da rispettare per chi accetta la sfida: chi decide di portarlo sulla scena non può averlo visto prima.

WHITE RABBIT RED RABBIT è un testo teatrale scritto dall’iraniano Nassim Soleimanpour nel 2010, all’età di 29 anni, in un momento in cui non aveva possibilità di comunicare con l’esterno del suo Paese.

WHITE RABBIT RED RABBIT è prima di tutto il sogno realizzato di un dialogo impossibile, un gioco teatrale contro ogni censura e ogni distanza geografica e culturale, un incontro ravvicinato che lascia tracce profonde, perché mette sullo stesso piano emotivo autore, attore e spettatore.

Lara Sansone attrice di teatro e regista attenta al sostegno ed alla tutela del repertorio classico del teatro partenopeo, ha fatto parte di storiche formazioni teatrali con registi come: Armando Pugliese, Gennaro Magliulo, Giuseppe di Martino, Lamberto Lambertini, Francesco Saponaro, Peppe Barra, Claudio di Palma.
È protagonista in testi di Viviani, Scarpetta, Petito, Aristofane, Plauto, Cechov, Moscato, Bovio, Di Giacomo, Patroni Griffi. Ha collaborato con Teatro Stabile di Napoli, Fondazione Campania dei Festival, Ente per il Turismo Napoli, Regione Campania, Comune di Napoli. E’ stata Direttore Artistico del Festival per le Tradizioni che fanno Turismo nel Mondo finanziato UE e Regione Campania. Ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti per la sua attività svolta nel settore dello spettacolo tra cui la Grolla d’Argento Saint Vincent per il Teatro 2004, Premio Oplonti di Corallo, Premio Masaniello, Napoletani Protagonisti
Premio Capri, Premio Cirò Arte XXII edizione, Premio Guglia, Premio Partenope, Premio Arcobaleno Napoletano, Premio Eccellenze Campane. Ha progettato e realizzato le iniziative culturali “Piedigrotta, dentro La Festa, Oltre la Festa, Storie e Rituali di una delle più celebri Feste della Campania” nell’ambito di “Quartieri di vita” del Napoli Teatro Festival 2017 e la mostra sul “Teatro di Tradizione ed i suoi Protagonisti” per la Regione Campania. Nipote d’arte (sua nonna era Luisa Conte prima donna di Eduardo De Filippo e storica fondatrice del Teatro Sannazaro), ha assunto il delicato incarico di direttore del Sannazaro alla morte della nonna nel lontano 1994, apportando un cambiamento radicale nella programmazione e nelle produzioni del teatro.

 

Beer tour experience | Alla scoperta della birra

lunedì 8 aprile

Napoli

Spotted Community, in collaborazione con Loop Officina della Birra, organizza un viaggio nel mondo della birra in tre incontri!

Un esperto birraio ti accompagnerà per tre serate (1-8-15 aprile) alla scoperta delle caratteristiche delle birre. Gusti, colori e gradazioni saranno i protagonisti degli incontri che ti faranno conoscere (e assaggiare) gli ingredienti e i vari metodi di lavorazione; per ogni sera sono previste quattro degustazioni di birra partendo dalla bassa ed alta fermentazione fino alle fermentazioni spontanee ed ibride.

Info: 3395676515 (anche Whatsapp), Il costo per persona è di € 49,00, https://bit.ly/2HfE6Xs


 

Due mostre sul Femminismo alla Biblioteca Nazionale

da lunedì 8 aprile fino al 26 aprile

Napoli

“RIVOLTA NELLA RIVOLTA” è percorso espositivo che la Biblioteca Nazionale di Napoli propone per illustrare, attraverso testi, documenti, articoli, immagini, riproduzioni multimediali, lo svilupparsi del femminismo e del movimento delle donne.

‘Fotografia di una storia, 1968-2018, femminismo e movimenti delle donne a Napoli e in Campania’, mostra fotografica a cura di Luisa Festa, promossa dal Consiglio Regionale della Campania, Commissione Pari Opportunità, Consulta Regionale per la condizione della Donna, Osservatorio sul Fenomeno della Violenza sulle Donne.

 

  • Luogo:  Biblioteca nazionale di Napoli, sala delle esposizioni, Piazza del Plebiscito, 1, 80132 Napoli NA
  • Orario: 9.00 – 19.00
  • Info: Fondo Soggettività Femminile

Mousike In Magna Grecia: Il Caso Di Poseidonia-Paestum

lunedì 8 aprile 

Napoli

Lunedì 08 aprile alle ore 18.00 presso la nostra sede si terrà la conferenza “Mousikè in Magna Grecia: il caso di Poseidonia-Paestum” a cura di Laura Noviello, Marco Martinelli e Marco Sciascia con la collaborazione di Francesca Magliulo.

Nell’antica Grecia la musica occupava un ruolo di grande rilievo nella vita sociale e religiosa. Per i greci la musica era un’arte che comprendeva, oltre alla musica stessa, anche la poesia, la danza, la medicina e le pratiche magiche. L’importanza della musica nel mondo greco è testimoniata da numerosi miti che la riguardano. Uno è quello di Orfeo, l’inventore della musica, che riuscì a convincere gli dei dell’Ade a restituire alla luce la scomparsa sposa Euridice.

Alla musica i greci attribuirono una funzione educativa perché la ritenevano in grado di arricchire l’animo delle persone. Secondo Platone la musica doveva servire per arricchire l’animo umano come la ginnastica serviva per irrobustire il fisico. Questo discorso si amplia con la dottrina dell’ethos per la quale ogni modo ha un suo ethos specifico e può incidere positivamente o negativamente sull’animo delle persone

Mousikè in Magna Grecia: Il caso di Poseidonia-Paestum.
‘’In Grecia la musica fiorì, e tutti la imparavano, e chi non la conosceva non era considerato abbastanza colto’’ ci dice Cicerone nelle sue Tuscolane, ma com’era la situazione in Magna Grecia?
In questo secondo incontro cercheremo di rispondere a tale interrogativo, esponendovi la nostra ricerca in corso, dedicata alla documentazione iconografica e agli strumenti musicali rinvenuti nella città di Poseidonia-Paestum; testimonianze esigue, ma di straordinario interesse per la ricostruzione di un contesto socio-culturale e di un ‘’paesaggio sonoro’’ in una città magnogreca tra VI sec. e II a.C.
La ricerca, iniziata nel 2018, si avvale di un approccio multidisciplinare che abbraccia il campo archeologico, scientifico e musicale. Ma grande attenzione viene data anche all’aspetto sperimentale, con la ricostruzione dei singoli strumenti musicali, che esporremo e suoneremo durante l’incontro.
Crediamo, infatti, che l’approccio alla musica antica non debba limitarsi alla sola teoria, e che si possano tentare ipotesi ricostruttive anche nel campo sonoro, grazie ancora una volta, all’ausilio di reperti, fonti iconografiche e letterarie.

Con interventi di:
Laura Noviello, studentessa di ‘’Civiltà antiche e Archeologia’’ presso l’Università ‘’L’Orientale’’ di Napoli, che approfondirà il ruolo della Mousikè nel contesto socio-culturale pestano, attraverso l’analisi di fonti archeologiche, iconografiche e letterarie.

Marco Martinelli, dottore in Scienze Naturali, che si concentrerà sulla scelta dei materiali utilizzati per la costruzione di strumenti musicali, in rapporto alla disponibilità del territorio e all’ecologia. Inoltre mostrerà in che misura gli studi scientifici possono accostarsi a quelli archeologici nell’ambito della suddetta ricerca, attraverso le analisi delle fonti, l’approccio visivo e gli studi di tassonomia, fisiologia, biologia e botanica.
Si aggiungerà un breve intervento a cura di Eleonora Manzo, dottoressa in Scienze Naturali, sulle tecniche molecolari e di microscopia che vengono utilizzate per le analisi dei reperti archeologici di derivazione organica.

Marco Sciascia, impegnato nella ricostruzione di strumenti musicali antichi dal 2013 per conto del progetto EMAP (European Music Archaeology Project) esporrà le ipotesi ricostruttive degli aerofoni e dei cordofoni ritrovati nelle tombe di Paestum, dopo analisi autoptiche condotte in situ sugli strumenti musicali e le iconografie.
Alla fine degli interventi seguirà l’esposizione di tutti gli strumenti musicali ricostruiti, con spiegazioni a cura di Francesca Magliulo, studentessa di ‘’Civiltà antiche e Archeologia’’ presso ‘’L’Orientale’’ di Napoli.


“Nel Castello delle Fiabe”

lunedì 8 aprile

Caserta, Casagiove

La prestigiosa cornice del Quartiere Borbonico di Casagiove ospiterà la nostra terza edizione. Racconteremo attraverso la musica il meraviglioso Singspiel di Mozart ” Il Flauto Magico” e come sempre a seguire ci saranno laboratori per tutti i bambini… Vi aspettiamo numerosi…dall’8 al 14 Aprile 2019…La magia della musica continua..

  • Luogo: Quartiere Militare Borbonico, via quartiere nuovo, 81022 Caserta
  • Orario: 9.30 – 12.30
  • Info e Prenotazioni: “Associazione Musicale Johannes Brahms” 3881266906– elyluy@gmail

 

Luciano D’Inverno “quattro tempi”

dall’8 aprile al 5 maggio

Caserta

Presso le retrostanze del ‘700 degli appartamenti storici della Reggia di Caserta, sarà inaugurata la mostra fotografica di Luciano D’Inverno Quattro tempi, con il Patrocinio della Reggia di Caserta. La mostra, da un progetto di Luciano D’Inverno e a cura di Gabriella Ibello, racconta il paesaggio del parco e del giardino inglese della Reggia di Caserta stavolta attraverso il diverso sguardo della fotografia contemporanea. Un progetto corale, quello di Luciano d’Inverno, che mostra come il suo interesse per il paesaggio sia parte integrante della trasformazione della natura in perfetta armonia con il divenire interiore.

“La fotografia come immagine visiva – spiega la curatrice – non si limita solo a rappresentare ciò che è mondo visuale, essa è il luogo di inserzione della memoria, il punto in cui si condensa la nostra mentalizzazione del mondo e dell’esperienza soggettiva. Partendo da questa estensione del concetto di immagine fotografica, il lavoro 4 Tempi di Luciano D’Inverno ci fa sentire la preminenza di uno sguardo che oltrepassa le categorie della percezione visiva disperdendo il peso del soggetto nelle profondità del divenire della natura e dell’uomo nel tempo [….] L’aura memoriale delle fotografie di Luciano D’Inverno, non è semplice ricordo ma il risultato dell’intera storia di un individuo, essa ravviva di nuova luce la fotografia di paesaggio, mette in relazione la sfera dell’immagine con l’aspetto dell’esperienza estesa del mondo, allarga il confine della fotografia dal senso della vista a quello delle esperienze mentali ed emotive generate dalla memoria, dall’immaginario, arricchendo così di altri significati il reale.”

Catalogo Arte’m a cura di Ennery Taramelli con testi critici di Gabriella Ibello, Sabrina Raffaghello, Ennery Taramelli, in collaborazione con SR Contemporary Art Berlin e con il contributo del Centro d’Arte orafa Il Tarì.
Ufficio stampa: Viviana Passaretti
Re-ce@beniculturali.it
press@srcontemporaryart.de

 


Fabian Albertini – Linee a cura di Domenico Maria Papa

lunedì 8 aprile

Avellino

La fotografia è un’invenzione moderna. Nasce agli inizi dell’Ottocento, ma la sua diffusione segue l’evoluzione delle tecnologie dell’immagine che alla modernità restituiscono una fisionomia. Fabian Albertini è un’artista poliedrica che lavora sul tema dell’immagine, a partire dalla fotografia, approfondendone la consistenza, nel dialogo tra osservatore e immagine. Da un lato, infatti, l’artista indaga il soggetto che vede e osserva quanto del mondo restituisce l’immagine. Dall’altro, osserva il mondo che si offre allo sguardo, nel riflesso di un’immagine.
Nell’assottigliarsi della materia dell’immagine, nel farsi questa sempre più evanescente, Albertini analizza i processi percettivi che ne sono alla base e lo fa con grande eleganza. Per esempio, nella serie delle Light Perceptions, dove mette in scena superfici metalliche tridimensionali attraverso piani bidimensionali luminescenti, oppure nella serie Risveglio, dove la veduta di un panorama essenziale viene interrotta e costretta a riconfigurarsi per integrare delle superfici specchianti. Nel progetto per lo spazio Nuvole Arte, Albertini riprende un tema caratterizzante la sua ricerca: presenta alcune vedute nelle quali si innesta il segno astratto di una linea.
Albertini, rimarca visivamente uno scarto, quello appunto tra geometria dell’idea, il concetto e la consistenza dell’immagine, la sua dimensione naturale.
Il tema del supporto greve in opposizione alla levità della luce, alla pura definizione mentale dell’immagine ritorna in un altro percorso di ricerca, quello del Bianco deserto, con fotografie che si adattano alla superficie materica della pietra e del cemento.
Fabian Albertin ha svolto una lunga residenza in Brasile, interessandosi dei mutamenti naturali e della foresta amazzonica. Spesso torna nei luoghi ai quali la porta la doppia domanda del destino dell’uomo e delle sue immagini. La serie di lavori, sviluppati in collaborazione con Juliana Curvellano, nel corso della Labverde Artist Residence in Amazonia, portano il titolo X. Si tratta di fotografie che mettono in campo, ancora una volta, costruzioni astratte e registrazioni di percezioni spesso inconsapevole. In altri termini, fatto naturale e prodotto culturale, per opposizione e compenetrazione. X è, infatti, incrocio, connessione, ma anche il segno dell’elisione, della rinuncia, del rifiuto. Ambivalente è il titolo come lo è il nostro atteggiamento di fronte alle urgenze del nostro tempo, per le quali chiediamo ancora a immagini prive di consistenza di assolvere il loro compito. Di ricordarci quanto poco tempo rimanga prima dell’irrimediabile perdita.


🎞 Cineforum in lingua originale CLA

martedì 9 aprile

Napoli

Siamo lieti di informarvi che riprende l’appuntamento con il cineforum in lingua originale, organizzato dal Centro Linguistico di Ateneo in collaborazione con il COINOR, il Goethe Institut, l’Instituto Cervantes, il Corso di Studi in Lingue, Letterature e Culture Moderne Europee e il Dottorato di Studi in Mind, Gender and Languages.

Tutti i film sono sottotitolati in italiano, in modo da consentirne la visione anche a chi non ha alcuna conoscenza della lingua originale del film.

Le proiezioni sono GRATUITE, aperte agli studenti e alla cittadinanza.

L’appuntamento è di martedì alle 18.00 al cinema Academy ASTRA.

Noi del team AEGEE-Napoli vi aspettiamo per vederci un bel film in compagnia!


🎞 Germania pallida madre – per la rassegna Film und Drang

martedì 9 aprile

Napoli

GERMANIA PALLIDA MADRE
(Deutschland bleiche Mutter, 1980, vers. it., 123’)
di Helma Sanders-Brahms

Un film di grande impatto, che ricostruisce le vicende di una famiglia tedesca a cavallo della seconda guerra mondiale. Il titolo deriva da una poesia di Bertolt Brecht, declamata all’inizio della pellicola dalla figlia del drammaturgo tedesco. È un film duro, sui limiti della famiglia tradizionale, sugli sconvolgimenti che hanno prodotto il razzismo e la seconda guerra mondiale sulla vita delle persone.

Per il ciclo:
Film und Drang – Der Neue Deutsche Film
Rassegna di film sul Nuovo cinema tedesco

La rinascita del cinema tedesco, dopo l’asservimento hitleriano a fini propagandistici, è fatta da registi, produttori, attori, che, a ben vedere, hanno poche caratteristiche comuni.
Nel Manifesto di Oberhausen del 1962, che è spesso stato identificato come atto di fondazione del Nuovo cinema tedesco, si legge: «Questo cinema ha bisogno di nuove libertà. Deve essere liberato dalle convenzioni abituali. Liberato da qualsiasi tentativo di commercializzazione. Liberato da ogni tutela finanziaria».
Alla fine del 1970 viene fondata la Filmverlag der Autoren, casa di produzione e distribuzione cinematografica, che diffonde il nuovo cinema sul territorio tedesco. Ben presto l’attività di produzione della Filmverlag viene meno, ma fino alla metà degli anni Ottanta la casa, seppur cambiando spesso nome e sigla, continua la sua attività di distribuzione.
«Con la sua sola esistenza il Filmverlag ha costituito il germe di tutto il Nuovo cinema tedesco», dirà Wim Wenders.

Qualche informazione in più

All’Asilo i concerti, gli spettacoli, le proiezioni, gli incontri sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale avviata all’Asilo.

Qui il programma completo:
http://www.exasilofilangieri.it/film-und-drang-ii-ciclo/

 

  • Luogo: l’Asilo
    vico Giuseppe Maffei 4, 80138 Napoli
  • Orario: 20.30 – 23.30
  • Info: https://www.facebook.com/events/2270979212922377/

Torba! Sto Pub aspetta a te. Serata sul Whisky Torbato

martedì 9 aprile

Una serata in compagnia di Fabrizio Mosto Ferretti del Mosto – birra & distillati che ci racconterà le meraviglie della Scozia e dei whisky torbati.

Prenotazione obbligatoria
Posti limitati

Nei prossimi giorni pubblicheremo il menu con le birre in abbinamento e il whisky in degustazione!


Toutes les nuits di Eugène Green

mercoledì 10 aprile 

Napoli

Presentazione del libro
IL MONDO VIVENTE. CONVERSAZIONE CON EUGÈNE GREEN
di Federico Francioni (Artdigiland 2017)

A seguire
Proiezione del film
TOUTES LES NUITS (2001, 112’, v.o. sott. it.)

Incontro con Federico Francioni

Estate 1967. Henry e Jules, amici d’infanzia, trascorrono le loro ultime vacanze insieme. Jules resterà al suo paese, mentre Henry verrà mandato a Parigi. Durante l’autunno che segue, entrambi si innamorano: Henry diviene amante di Emilie Renaud, la moglie del suo insegnante, mentre Jules s’invaghisce di Lucie, giovane attrice di una compagnia di teatro itinerante. La passione di Jules è presto tradita. Henry invece parte con Emilie per New York. Jules, arrivato a Parigi durante i primi moti del ’68, si confida attraverso le lettere al suo amico. Emilie, toccata dal dolore del giovane, gli risponde, stabilendo una relazione epistolare che non finirà mai. Durante gli anni che seguono, i tre incroceranno i loro destini…

Ispirato a “L’Educazione Sentimentale” di Gustave Flaubert e trasposto nella Francia del 1968, il film ha vinto il premio Delluc per l’opera prima, guadagnandosi la stima del maestro francese Jean-Luc Godard.

Regia: Eugène Green Interpreti: Christelle Prot, Alexis Loret, Adrien Michaux Sceneggiatura: Eugène Green Fotografia: Raphaël O’Byrne Musica: Vincent Dumestre, Le Poème Harmonique Montaggio: Emmanuelle Baude Produzione: Ellabel Productions
Premio Louis Delluc miglior opera prima

Qualche informazione in più

All’Asilo i concerti, gli spettacoli, le proiezioni, gli incontri sono ad ingresso libero. È gradito un contributo a piacere che serve ad abbattere le spese minime e a dotare gli spazi dei mezzi di produzione necessari ai lavoratori dello spettacolo, dell’arte e della cultura per portare avanti la sperimentazione politica, giuridica e culturale avviata all’Asilo.


Figlie Di Eva

da mercoledì 10 al 12 aprile

Caserta

Mariagrazia cucinotta, Michela Andreozzi, Vittoria Belvedere in ”Figlie di Eva”

Tre donne sull’orlo di una crisi di nervi sono legate allo stesso uomo, un politico spregiudicato, corrotto e doppiogiochista, candidato premier delle imminenti elezioni. Un po’ Pigmalione, un po’ Club delle Prime Mogli, un po’ Streghe di Eastwick, FIGLIE DI EVA è la storia di una solidarietà ma anche della condizione femminile, costretta a stare un passo indietro ma capace, se provocata, di tirare fuori risorse geniali e rimontare vincendo in volata.


Ciro Ceruti in “La Tempesta Perfetta”

martedì 10 aprile

Napoli

Ciro Ceruti in “La Tempesta Perfetta” ultima commedia scritta e diretta da Ciro Ceruti. Con: Enzo Varone, Paco De Rosa, Feliciana Tufano, Piera Russo
e con: Simona Ceruti, Adriana Di Vaio, Esmeraldo Napodano, Angelo Pepe, Mario De Prisco.


Cena con Delitto tra le rovine del tempio di Amon-Ra

martedì 10 aprile

Napoli

CENA CON DELITTO TRA LE ROVINE DEL TEMPIO DI AMON RA alla Taverna Spettacolo Vic’ Street di via Giuseppe Martucci 44 Napoli

Serata all’insegna del Giallo. Il professor Marco Iannelli noto archeologo italiano è stato ritrovato morto nella sua villa proprio durante i festeggiamenti per il ritrovamento del famigerato libro dei morti chi ha ucciso il professore? e soprattutto perchè ….

Menù disponibili:
MENU DRINK
Drink +Snak e Spettacolo € 5,00
MENÙ FOOD
Bevanda + sfizioserie e Spettacolo € 10,00

solo su prenotazione allo 081662423

PREMIO
GIOCO CLUEDO
ATTESTATO MIGLIOR DETECTIVE
BOTTIGLIA PER BRINDISI A TAVOLO

TRAMA:
Nella Valle dei Re, lungo il fiume Nilo il Professor Archeologo Marco Iannelli e la sua troupe
Federica Iao: la biologa
Randa Nur : l’antropologa
Michele Troisi: il Geologo
ritrovano un’antica “Tomba sconosciuta”
l’iscrizione in geroglifico al suo ingresso diceva :
“PROFANA LA TOMBA SACRA OH VIAGGIATORE, OSSERVA I RESTI NOBILI DEPOSTI CON CURA CHE SFIDANO IL TEMPO, BRAMA GLI ORI E I PREZIOSI PORTANDOLI VIA PER UN TUO PREGIO MA, BADA NON LASCIARTI CHE LA TUA MENTE SIA VIZIATA DAL PORTAR VIA IL LIBRO SACRO DI THOT ESSO CONTIENTE SI LA FORMULA PER LA VITA DOPO LA MORTE MA CELA TRA LE SUE PAGINE UNA TERRIBILE MALEDIZIONE,
PROFANA LA TOMBA SACRA OH VIAGGIATORE MA RISPETTA LA MORTE CHE IN ESSA VIVE!”
Increduli e sopraffatti dalla possibilità di riportare in vita con il libro dei morti la squadra del professor Iannelli porta a casa l’Antico Manufatto.
Tornati in Italia il professore inviata i colleghi ad una festa stile egizio con l’intenzione di proporre al gruppo un macrabo rituale, intende uccidersi per farsi riportare in vita dal Libro…. ma qualcosa o qualcuno anticipa le sue mosse e il professore Marco Iannelli viene ritrovato morto nella sala da pranzo mentre aspettava i suoi ospiti … CHI HA UCCISO L’ARCHEOLOGO MARCO IANNELLI?
possibile che la maledizione sia cominciata??

  • Luogo: VIC’ STREET
    Via G. Martucci, 44, 80121 Napoli
  • Orario: 21.00
  • Info: telefono 081662423
    cell.:3356215087
    cell.:3387981020
    sito.:www.vicstreet.it

 


🎤 VERVE SESSION JAM

mercoledì 10 aprile

San Marzano sul Sarno

Ogni mercoledì, Verve offre a tutti la possibilità di mostrare in pubblico il proprio talento. Apertura Jam alle ore 21.30.

Qualche informazione in più

Guido Ferra: Conduction
Ben Romano: Guitar
Flippettone Fluzzotti: Drums
Giuseppe Desiderio: Bass
Alfonso Marra: Piano

La Jam verrà gestita con un’iscrizione per singolo strumento (chitarra, basso, batteria, voce, piano) e con un sorteggio per formare piccoli dialoghi tra musicisti (max 6 min).
Il locale metterà a disposizione il seguente setup:

BATTERIA (cassa, hi-hat, ride)

*È obbligatorio per i batteristi dotarsi di bacchette*
AMPLI BASSO + ME-50B
SR B10 – http://bit.ly/2Bhctb8
ME-50B – http://bit.ly/2UDieZK

AMPLI CHITARRA (X 2) + ME-70
Valvolari Clemente – http://bit.ly/2Ef0sWV
ME-70 – http://bit.ly/2LeCaOf
Kustom – http://bit.ly/2UGydq7

PIANO ELETTRICO
MICROFONO voce
IMPIANTO cassa + mixer


Ri-Puliamo VILLA LAURO

giovedì 11 aprile

Napoli

Il mare é il più fondamentale dei beni comuni a nostra disposizione. Eppure l’attenzione e il rispetto che noi cittadini gli dedichiamo spesso non é sufficiente a salvaguardarlo.
Come ogni anno, in preparazione della stagione estiva, i tanti litorali inaccessibili via terra della nostra città hanno bisogno di tutta la nostra azione e partecipazione per poter essere recuperati dalla situazione di incuria in cui versano, ricoperti come sono da rifiuti (soprattutto plastici) che noi disperdiamo e che il mare puntualmente ci restituisce.

Quest’anno, in occasione della “Giornata nazionale del Mare”, ufficialmente indetta per il giorno 11 Aprile, Kayak Napoli e Retake Napoli organizzano un intervento di pulizia della spiaggia di Villa Lauro, una piccola gemma che avremo modo di raggiungere via mare lungo la meravigliosa costa di Posillipo.
L’evento sarà posto all’interno di una più vasta cornice di manifestazioni sportivo-culturali dedicati alla diffusione della sensibilizzazione al mare come preziosa risorsa del nostro territorio, e patrocinate dal Servizio Tutela Mare del Comune di Napoli.

Dalle ORE 12 di GIOVEDÍ 11 APRILE, aspetteremo tutti i partecipanti interessati sulla spiaggia del lido Sirena. Da lí, tutti insieme, ci avvieremo pagaiando in direzione della caletta di Villa Lauro, grazie alle canoe gentilmente messe a disposizione per l’occasione da Kayak Napoli.
Arrivati a destinazione ci attenderà un’opera di pulizia della spiaggia, in cui rimuoveremo i tanti rifiuti arrivati durante le mareggiate invernali, per trasportarli di nuovo con noi e smaltirli in modo differenziato una volta tornati a terra.
L’attrezzatura necessaria alla pulizia (guanti, buste, rastrelli e retini) sarà messa a disposizione dai cittadini volontari di Retake Napoli. Basterà quindi la vostra grinta e determinazione per esprimere un gesto d’amore nei confronti del nostro mare!

Sarà questo un primo importante e simbolico evento per richiamare l’attenzione di cittadini ed istituzioni sull’adeguata preservazione che la spiaggia di Villa Lauro e tutta la costa di Posillipo meritano.

Ci teniamo a ringraziare l’indispensabile supporto del Lido Sirena, le cui strutture di appoggio permetteranno ai partecipanti un altrimenti difficile accesso al mare.

  • Luogo: Lido Sirena,80123 Napoli
  • Orario: 11.30 – 15.30
  • Info: prenotazioni tramite messaggio Facebook sulla pagina di Retake Napoli oppure tramite un messaggio Whatsapp al numero 3387145536, per aiutarci a stimare la disponibilità dei kayak.

Sciue’ per SoS Santobono

giovedì 11 aprile

Napoli

SCIUE’ per SoS Santobono:
una cena per raccogliere fondi e un panino dedicato

Giovedì 11 Aprile nel nostro burger loft avrà luogo una cena speciale che inaugura la collaborazione tra Sciuè il panino vesuviano e l’Associazione SOS Sostenitori Ospedale Santobono ONLUS.
Il fine sarà il finanziamento del progetto Sogni D’oro destinato ai reparti di degenza della A.O.R.N. Santobono Pausilipon, ospedale pediatrico di Napoli.
Per la causa è stato creato un nuovo panino, la nostra personale rielaborazione del classico cheeseburger.
Lo abbiamo chiamato Cheeseburger Vesuviano, entrato ufficialmente nella nostra “scuderia”, sarà presente in menù e sosterrà il progetto con la donazione fissa di una parte dell’incasso , assieme alla cena di giovedì di cui l’intero ricavato sarà destinato all’associazione.

Come funziona la donazione:
Durante la cena il menu prevede due antipasti, 3 mini bun, dolce birre in abbinamento.
Per partecipare si donerà 30 euro direttamente al personale dell’ associazione.
L’intero ricavato sarà destinato al progetto sostenuto.

Inoltre da giovedì 11 aprile ogni volta che i clienti ordinano il Cheeseburger vesuviano Sciuè devolve una parte dell’incasso all’associazione.


Intime camere ecoiche | #MadreTerra

giovedì 11 aprile

Napoli

Io sono Felice!, il progetto didattico dedicato all’integrazione sociale ideato dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee, prosegue con “Intime camere ecoiche” con gli artisti Neal Peruffo e Massimo Scamarcio.
Quarto appuntamento del ciclo #MadreTerra, organizzato in collaborazione con TANA Terranova Arte Natura e l’associazione Artstudio ’93 , il workshop è in programma nei giorni 7, 8, 10, 11 aprile dalle ore 15.00 alle ore 18.00, presso la Biblioteca del #museoMadre.

L’attività è dedicata a ragazzi dai 14 ai 18 anni, e prevede la creazione di una nuova installazione condivisa. Il tema centrale sarà l’acqua, e sarà esplorato il rapporto che i partecipanti hanno con questo elemento, richiamando memorie e ricordi anche attraverso oggetti di uso comune. Gli oggetti saranno riempiti di liquido, assemblati in una composizione che riprende la struttura geometrica della molecola d’acqua e i suoi legami, e vi saranno applicati dei trasduttori che li faranno risuonare. Le tracce audio potranno essere di diversa natura: non solo il rumore effettivo dell’acqua, ma anche poesie, canzoni o testimonianze dirette. Il risultato finale consisterà in un’installazione visivo-sonora in cui il visitatore potrà immedesimarsi e rievocare i propri ricordi.

  • Via Luigi Settembrini 79, 80139 Napoli
  • Orario: 15.00  – 18.00
  • Info: Prenotazione obbligatoria
    T. +39.081.197.37.254

Priscilla – Il Musical at Teatro Augusteo – Napoli

giovedì 11 aprile

Napoli

MANUEL FRATTINI, MIRKO RANÙ , CRISTIAN RUIZ ED IL CAST IN ” PRISCILLA LA REGINA DEL DESERTO – IL MUSICAL ” @ TEATRO AUGUSTEO – NAPOLI DAL 5 AL 14 APRILE 2019

  • Luogo: Teatro Augusteo
    Piazzetta duca d’Aosta 263, 80132 Napoli
  • Orario: 18.00
  • Info: Prezzi dei biglietti:
    POLTRONA € 51,00 (Preventita incl.)
    POLTRONCINA € 41,00 (Preventita incl.)
    A tali prezzi vanno aggiunti i diritti di agenzia.
  • Recensione: https://www.senzalinea.it/giornale/priscilla-la-regina-del-deserto-allaugusteo/Pagina Ufficiale —> Priscilla La Regina Del Deserto – Il Musical
    Pagina Ufficiale Location —> Teatro AugusteoMC Revolution prevendita biglietti autorizzata situata in Via Giulio Palermo, 124 – 80131 Napoli – Arenella/Vomero zona Rione Alto (a 120 mt dalla metropolitana Linea 1 – Rione Alto) Uscita Tangenziale Camaldoli o Zona Ospedaliera. Per info 0815456196 mail infomcrevolution@gmail.com

 


Scene da un matrimonio

giovedì 11 aprile

Napoli

Il non detto di Marianne e Johan, una coppia apparentemente felice, finisce con l’esplodere con violenza in seguito alla decisione di lui di abbandonare moglie e figlie per una studentessa. Johan si rivela però come una persona estremamente fragile, vittima delle proprie pulsioni e di un perbenismo fino a quel momento autoimposto. Chi in definitiva riesce ad avere una tenuta più a lungo termine (nonostante l’ansia, le suppliche e gli incubi) finisce con l’essere Marianne nei confronti della quale l’ormai ex marito vorrebbe continuare a mantenere una forma assurda di possesso non concedendole il divorzio ed essendo geloso dei rapporti con altri uomini da lei a sua volta instaurati.


🍝 AperiZia – Neapolitan Traditional Food

giovedì 11 aprile

Napoli

E se vi dicessimo che per mangiare qualcosa di old school, di napoletano verace, di unto come la tradizione comanda non dovete più aspettare il pranzo dalla nonna?

Al Bar dell’Ostello, ogni giovedì, tutte le pietanze tipiche napoletane, dalla pasta e fagioli alla parmigiana di melanzane, da salsicce&friarielli alle polpette al ragù…

Insomma, ci sarà da leccarsi i baffi, parola di una chef che cucina con amore da una vita: La Zia!

Reading Letterario “A luci spente”

giovedì 11 aprile

Aversa

READING LETTERARIO di “A LUCI SPENTE”
un libro di Carla Caputo

Un incontro unico che permetterà di entrare all’interno delle poesie attraverso una lettura a due voci. Alla fine reading seguirà l’incontro con l’autrice.


Gaveli d’Essai dal 13 febbraio al 17 Aprile 2019

giovedì 11 aprile

Benevento

Ritorna anche per il 2019 la rassegna di cinema d’autore “Gaveli d’Essai”. Al Multisala Gaveli ogni mercoledì dal 13 febbraio al 17 Aprile 2019 (proiezioni ore 18:30 – 20:30) si svolgerà la rassegna cinematografica “Gaveli d’Essai” a cura di Velia Giannuzzi e Donato Cella, giunta alla sua sesta edizione. La programmazione mira a un’offerta ampia che abbraccia diversi generi con dieci pellicole d’autore in prima visione per la città di Benevento.

Si inizia Mercoledì 13 Febbraio con “Quasi nemici – l’importante e’ avere ragione”, una commedia francese agrodolce di Yvan Attal sul problema dell’integrazione nella Parigi dei nostri giorni, e Mercoledì 20 Febbraio con “Santiago, Italia” il documentario diretto da Nanni Moretti che racconta il Cile di Allende, il golpe di Pinochet e il ruolo dell’Italia nell’accoglienza dei rifugiati politici cileni. Mercoledì 27 Febbraio “Colette” regia di Wash Westmoreland, un biopic sulla celebre scrittrice francese con protagonista Keira Knightley. Mercoledì 6 Marzo “Old Man & the Gun” di David Lowery, l’addio alle scene di Robert Redford che ha ottenuto la nomination come Miglior attore ai Golden Globes 2019. Mercoledì 13 Marzo “Lontano da qui” il secondo lungometraggio della regista italoamericana Sara Colangelo che ha vinto al Sundance Film Festival 2018 il Premio per la Miglior Regia. Mercoledì 20 Marzo “Ippocrate” regia di Thomas Lilti, un ritratto del lavoro e della vita in un ospedale pubblico dipinto attraverso lo sguardo di un giovane tirocinante, tra speranze, difficoltà, dubbi e conflitti. Mercoledì 27 Marzo “L’incredibile viaggio del fachiro”di Ken Scott, una commedia brillante e colorata girata tra l’India, la Libia e l’Europa che offre spunti su i temi contemporanei dell’immigrazione clandestina, dei migranti e dell’accoglienza. Mercoledì 3 Aprile “La donna elettrica” il secondo lungometraggio del regista islandese Benedikt Erlingsson, un dramma grottesco sull’attivismo ecologico vincitore del Premio Lux 2018 assegnato dal Parlamento Europeo. Mercoledì 10 Aprile “Troppa grazia” regia di Gianni Zanasi, una commedia surreale con Alba Rohrwacher ed Elio Germano che ha vinto il premio Label Europa Cinema come miglior film europeo nella sezione Quinzaine des Realisateurs del Festival di Cannes 2018, e si concluderà Mercoledì 17 Aprile con la commedia francese “Il complicato mondo di Nathalie” diretta da David e Stéphane Foenkinos .
E’ possibile acquistare (anche con la Carta del Docente e 18App) l’abbonamento a 10 film al costo di €30,00 o a 5 film al costo di €17,50. Il biglietto per la singola proiezione è di €4,50.

Vi ricordiamo anche:

Please follow and like us:

Biografia Giovanna Attruia

Giovanna Attruia
Appassionata di cinema, cucina e serie TV. Creare e sperimentare sono alla base di tutto quello che faccio. Costruire mi rilassa, parafrasando Archimede, datemi un avvitatore e vi costruirò una cattedrale. Per questo mi rifugio dietro le quinte di un teatro appena posso. Contribuire a creare la magia di uno spettacolo é qualcosa di unico. Adoro cucinare. Dalla pizza al sushi, la cucina per me non ha segreti.

Check Also

Grande successo per il San Gennaro Day che, sfidando pioggia e Covid, ha premiato le eccellenze in nome del santo Patrono!

Nonostante il Covid e l’allerta meteo con annessa bufera che si è abbattuta su Napoli …