GeVi Napoli, il cuore è più forte della sfortuna: Tortona battuta al Palabarbuto

GeVi Napoli – Bertram Tortona 82-79 (23-12; 39-36; 60-50)

Vittoria eroica della GeVi Napoli, che gioca in 7 e riesce ugualmente a vincere lo scontro salvezza con l’altra neopromossa, l’ambiziosa Bertram Tortona.

Sacripanti, già privo di Pargo in attesa del visto e di Parks febbricitante, deve rinunciare anche ad Elegar, vittima di un infortunio nel riscaldamento: Napoli parte quindi con Velicka, Rich, Marini, Lombardi e Zerini; Ramondino schiera Sanders, Daum, Wright, Mascolo e Cain.

Napoli parte comunque forte con la vecchia guardia: Lombardi e Marini firmano l’11-3 iniziale, insieme a due liberi di Velicka, e quando Rich deposita il sottomano che regala la doppia cifra di vantaggio a Napoli (13-3) Ramondino è costretto al timeout.

Napoli però non si ferma, come a voler reagire alle avversità: la difesa degli azzurri è feroce, con Zerini sugli scudi, e gli esterni trovano penetrazioni efficaci con continuità.

Tortona invece, forse condizionata dalle assenze di Napoli, gioca col freno a mano tirato, ma due triple nell’ultimo minuto consentono alla Bertram di limitare i danni: si arriva al primo intervallo con la Gevi avanti 23-12.

Tortona entra definitivamente in partita con un’altra tripla di Filloy, e  Sacripanti non può che chiamare timeout quando il tiro in allontanamento di Daum riporta gli ospiti sul -4 (23-19) con un tremendo parziale di 12-0.

Filloy continua a colpire dalla distanza, e il gioco da tre punti di Daum riporta le squadre in parità a quota 27; è l’ex napoletano Mascolo a firmare il sorpasso ospite, mentre Napoli appare già in debito di ossigeno per le rotazioni cortissime cui è costretto Sacripanti.

Lombardi con la tripla e Velicka con la schiacciata in contropiede guidano la reazione dei padroni di casa: Zerini firma il nuovo vantaggio azzurro (34-32), e il primo tempo si chiude con il contropiede di McDuffie che vale il 39-36.

Il match prosegue sul filo dell’equilibrio ad inizio ripresa, con mani piuttosto fredde in attacco: Rich pesca bene due volte Zerini sul pick&roll per il +4 Napoli (47-43), mentre McDuffie e Velicka dalla lunetta firmano il +8 (53-45), approfittando del fatto che la Bertram ha esaurito il bonus.

La GeVi torna a difendere con grande intensità, e la tripla di Rich regala nuovamente la doppia cifra di vantaggio agli azzurri (56-45), obbligando Ramondino ad una nuova sospensione; si arriva all’ultimo intervallo sul 60-50 grazie ad altri due liberi di Velicka.

L’agonismo e la stanchezza si fanno sentire all’inizio dell’ultima frazione, con soli due punti segnati dalle due squadre nei primi 2′; la tripla di Marini sblocca Napoli, che continua a difendere in modo commovente, e il libero di McDuffie vale il nuovo +12 (64-52).

L’ex Piacenza risponde alla tripla di Cannon, Rich dalla media sigla il + 14 (69-55), ma Tortona è ancora viva, piazza un parziale di 6-0, e Sacripanti decide di chiamare sospensione sul 69-61 a poco più di 3′ dalla fine.

Il finale è infuocato: Velicka risponde a Daum, Marini replica alla tripla del solito Filloy, ma i liberi di Cain riportano gli ospiti a sole 5 lunghezze di distanza (73-68) a 1′:30″ dalla conclusione.

Velicka fa solo 1/2 dalla lunetta, Filloy è una sentenza da 3, ma Rich sfrutta ancora il bonus con due liberi che ricacciano indietro la Bertram (76-71).

Filloy, indemoniato, segna ancora da 3 con il fallo, e a 38″ dal termine il match è di nuovo in bilico (76-75).

Cannon però commette antisportivo sulla successiva rimessa: Velicka segna entrambi i liberi, ma Napoli non sfrutta il possesso; Tavernelli fa 1/2 dalla lunetta, ma Tortona disturba la rimessa napoletana commettendo fallo su Zerini.

Il lungo azzurro, autore di una partita straordinaria, è però freddissimo: non lo è altrettanto Cain che fa 0/2, ma Tortona recupera il pallone e Filloy, sempre lui, sigla la tripla del -1 (80-79) a 6″ dalla sirena.

Stavolta la GeVi non sbaglia la rimessa: Rich subisce fallo, segna i due liberi e sigla il successo della GeVi, che vince con merito 82-79.

Straordinari tutti gli azzurri, in particolare Velicka, autore di 26 punti, Rich (18), e Zerini, autore di “soli” 9 punti ma in grado di reggere da solo la lotta sotto i tabelloni.

A Tortona non è bastato un monumentale Filloy, autore di un irreale 7/9 da 3 punti.

Napoli proverà ad ottenere la sua prima vittoria in trasferta sabato prossimo a Pesaro, sperando di recuperare gli infortunati e di poter accogliere finalmente Jeremy Pargo.

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Jacques Pardi

La laurea in ingegneria gli ha fatto perdere i capelli ma non le tante (troppe?) passioni, dallo sport (soprattutto il Napoli, calcio e basket, ma più che di passione qui parliamo di...malattia), al cinema, dalla musica alle serie tv, fino (inevitabilmente) ai fumetti. La moglie e le due figlie queste passioni spesso le supportano, altrettanto spesso le...sopportano. Un autentico e fiero "nerd partenopeo" insomma, incurante dell'età che avanza, con un sogno nel cassetto: scrivere di quello che ama

Check Also

Cinquanta sfumature di azzurro, il Napoli schiaccia la Lazio e va al comando da solo

Mancavano pochi minuti alla fine dell’emozionante posticipo serale tra il Napoli e la Lazio: ancora …