GEVI NAPOLI, LYNCH SI PRESENTA: “PRONTO A DARE IL MIO CONTRIBUTO”

Si è tenuta questo pomeriggio nella sala stampa del PalaBarbuto, la conferenza di presentazione del nuovo giocatore della Gevi Napoli Basket Reggie Lynch.

Il centro della Gevi, insieme al Presidente Federico Grassi ed al Coach Stefano Sacripanti, ha risposto alle domande dei giornalisti presenti all’incontro di questo pomeriggio.

Dichiarazione Pres. Federico Grassi
“Innanzitutto ci tenevo a ringraziare l’Ambasciata italiana ad Atene ed il consolato di Salonicco che hanno permesso a Reggie Lynch di poter essere qui a Napoli nel più breve tempo possibile. Abbiamo inserito un altro tassello nella squadra dopo l’infortunio di Frank Elegar, purtroppo out per il resto della stagione. Abbiamo usato un extrabudget, ringrazio i miei soci Amoroso e Tavassi per questo ulteriore sforzo. Speriamo che con l’innesto di Lynch si possa raggiungere il nostro obiettivo, la salvezza tranquilla, nel tempo più veloce possibile. Siamo contenti di poter dare a Coach Sacripanti un ulteriore elemento che gli possa consentire di continuare nell’ottimo lavoro che sta svolgendo fino ad ora. Un grazie va a tutto lo staff, sia della prima squadra che delle giovanili, per l’ottimo lavoro che stanno svolgendo per l’EYBL. Quest’anno siamo diventati una grande famiglia, riuscendo a fare tutto nel miglior modo possibile con grande unità di intenti, in maniera serena.

Dichiarazione Coach Stefano Sacripanti
“Oggi è un giorno particolare. Per la prima volta dall’infortunio, Frank Elegar è venuto, con le stampelle, in palestra. Un pensiero va a lui, è stato davvero sfortunato. Il club ha dimostrato ancora una volta solidità ed idee chiare nell’intervenire subito per sostituire un giocatore fondamentale come è il numero 5 titolare. La società è stata tempestiva e ci ha fornito un’altra chance per poter fare qualcosa di più. Non ho ancora avuto modo di parlare con Reggie, avremo una settimana di tempo fino alla prossima partita . Il mercato dei lunghi è complicato, abbiamo preso quello che riteniamo essere il migliore possibile. Pensiamo che possa darci un mano ma, come detto con Pargo, Lynch dovrà essere bravo a poter dare un apporto importante ed aiutare i compagni. Dovremo essere bravi a far si che Lynch possa aggiungere qualcosa alla squadra. Passo dopo passo ci avviciniamo ad una gara durissima contro una formazione temibile come Cremona. Dobbiamo essere consapevoli che stiamo andando dritti verso l’obiettivo prefissato. Un piccolo ringraziamento va fatto anche al lavoro di tutti i giocatori che hanno sfruttato al meglio i minuti a disposizione dovuti alle assenze che abbiamo avuto in questo periodo. Stiamo facendo bene, abbiamo vinto partite importanti. Sto insistendo con i giocatori nel pensare partita dopo partita, ogni gara è fondamentale. Bisogna arrivare a 20-22 punti il prima possibile, da lì in poi possiamo giocare senza avere limiti, divertendoci nel nostro percorso. Noi sentiamo il calore dei nostri tifosi, vorremmo giocare sempre con lo stesso palazzetto visto con la Virtus, può darci un vantaggio importante. Vincere le partite in casa sarà fondamentale”.

Dichiarazione Reggie Lynch

“Buongiorno a tutti. Auguro un buon “giorno del ringraziamento” anche se in Italia non si festeggia. Ci tengo a ringraziare il Presidente, il Coach, e l’ambiente di Napoli perché hanno puntato su di me. Ho visto la partita di Sassari, sono stato molto contento per la vittoria, ho esultato guardando la gara, la squadra ha lottato fino alla fine, volendo fortemente i due punti. La squadra gioca nella mia maniera ideale. Spero di poter dare il mio contributo alla squadra per raggiungere gli obiettivi della stagione. Io mi descrivo come un giocatore con grande energia, che predilige la difesa e soprattutto la stoppata. Nelle stagioni che ho disputato ho sempre avuto ottime statistiche in questo fondamentale. Uno dei miei idoli è sicuramente Kobe Bryant ma in campo mi ispiro a Serge Ibaka, un grandissimo “stoppatore”, una delle parti del gioco che preferisco di più. Dei miei compagni di squadra conosco Marini, ho giocato contro di lui a Milano. Conoscevo di nome gli altri giocatori americani della squadra, ieri li ho incontrati per la cena del ringraziamento e mi hanno riservato un’ottima accoglienza. Sono molto contento di essere a Napoli, non vedo l’ora di poter esplorare la città e di gustare l’ottimo cibo napoletano di cui ho sentito parlare.”

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Jacques Pardi

La laurea in ingegneria gli ha fatto perdere i capelli ma non le tante (troppe?) passioni, dallo sport (soprattutto il Napoli, calcio e basket, ma più che di passione qui parliamo di...malattia), al cinema, dalla musica alle serie tv, fino (inevitabilmente) ai fumetti. La moglie e le due figlie queste passioni spesso le supportano, altrettanto spesso le...sopportano. Un autentico e fiero "nerd partenopeo" insomma, incurante dell'età che avanza, con un sogno nel cassetto: scrivere di quello che ama

Check Also

43°TASSO-S.GAETANO STARTUP DEL PADEL A SCUOLA

C’è chi le scuole le vuole chiudere a tutti i costi, chi vuole relegare tutte …