Gite e vacanze si, ma con rispetto ed educazione per flora e fauna

Ci sono tante location dove potete decidere di trascorrere le vacanze o di fare una bella scampagnata con amici o i pargoli al seguito: mare, montagna, fiumi, laghi, boschi, campagna.

Il contatto ed il ritrovo della vita rurale, naturale, campestre a contatto con la flora e la fauna in un contesto sano, rilassante, con ritmi scanditi solo dall’universo può essere sicuramente un’esperienza di vita arricchente ed importante che ci fa staccare dai ritmi ansiogeni e serrati della vita lavorativa e/o scolastica e cittadina, ma se l’obiettivo non è, come spesso accade, solo qualche selfie di circostanza, ma un pretesto per introdurre nella vostra vita una corretta educazione ambientale, ricordate di rispettare alcune semplici regole:

  • Non lasciate rifiuti in giro e se ne vedete cercate di raccoglierli e smaltirli nella misura corretta

  • Ricordate che siete “ospiti” e non padroni, quindi non cercate di modificare il territorio o disturbare chi ci vive con veri e propri“traslochi”

  • Gioiosi si, ma non chiassosi; potreste disturbare o spaventare la fauna del posto, immaginate se all’improvviso irrompessero in casa vostra delle scimmiette urlanti…

  • Non inquinate le acque, non utilizzate shampoo, non disperdete olio o altri liquami.

  • Se vedete una bella pianta o un bel fiore, non sradicatelo, non recidetelo, utilizzate il cellulare che avete sempre in mano per fotografarlo se volete serbarne il ricordo.

  • Non date da mangiare cibo non idoneo agli animali selvatici; se avete il dubbio che un cibo possa non andar bene, semplicemente evitate di offrirlo agli animali del posto, se si sente male in natura, allo stato brado, chi lo curerà?

  • Se siete fumatori portate sempre una “ceneriera portatile”, se ne trovano di economiche e piccole anche nei tabacchi; oltre al fatto che ha tempi lunghissimi di smaltimento e non è biodegradabile, la così detta “cicca”, costituirebbe un rischio per eventuali incendi.

  • Portate sempre qualche “busta” per raccogliere, differenziare ed accumulare la vostra eventuale spazzatura. Un frammento di vetro lasciato nell’ambiento può divenire una lente che potrebbe creare incendi.

  • Non portate cibi da “cucinare” evitate braciate improvvisate, lente e pericolose; con questo caldo, poi, avete il coraggio di stare accanto al fuoco?

Dopo questo breve elenco, che in realtà non sarebbe necessario se ci si affidasse semplicemente al buon senso, aggiungiamo l’ultima regola, ma non meno importante:

LASCIATE IN PACE GLI ANIMALI NEL LORO AMBIENTE!

Togliere un polpo o un granchio dalla propria tana solo per il gusto di vederlo lentamente morire o soffrire nel secchiello di nostro figlio, non solo è immorale, ma anche illegale.

Come per le piante, se riuscite a vedere un animale che vi affascina e vorreste tenerlo sempre con voi utilizzate il maledetto smartphon.

Lo stesso vale per stelle e cavallucci marini, o paguri che spesso vengono fatte “essiccare” e conservati come ricordo… il ricordo di una lenta e muta agonia!

Ricordate che solo uscendo dall’ottica antopo-centrica dove la natura è a nostro uso e consumo potremo migliorare e solo trasmettendo una corretta educazione ambientale potremo nutrire speranze nelle generazioni future; trasmettendo empatia ed amore per ogni essere vivente e cercando di vivere in armonia con la natura.

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

Cani: mai ciotole promiscue o acqua stagnante!

Da qualche anno si è diffusa la moda delle ciotole di acqua fresca in città …