GLI ANTICHI MESTIERI NAPOLITANI “O MUZZUNARO”

O Muzzunaro,ovvero il raccoglitore di mozziconi. Potremmo dire che questo sia stato il più povero tra gli antichi mestieri di Napoli.

O Muzzunaro, di solito girava per tutta la città, prediligendo la notte fonda, munito di un lanternino e una cesta. Ispezionava tutte le strade di maggior passeggio ed in special modo tutte le strade davanti ai teatri e a tutti i locali pubblici. Per il suo mestiere utilizzava un bastone dove sulla punta era posizionato uno spillo. Camminava curvo e con gli occhi sempre bassi rivolti al terreno, raccoglieva tutti i mozziconi che trovava sul selciato.

In quegli anni le sigarette erano prive di filtro, per cui il mozzicone aveva una quantità maggiore di tabacco  A lavoro finito, o,muzzunaro, lavorava tutto il “raccolto”che veniva selezionato e sbriciolato, recuperando la parte di tabacco non bruciato, il suo lavoro consisteva nell’aprire i mozziconi raccolti per recuperare tutto il tabacco non bruciato. Veniva poi diviso in due categorie: quello bruciato detto MULATTO che era, per così dire, il meno pregiato e quello non bruciato, quindi più buono,chiamato Biondo. Lo sistemava in barattoli di latta ben divisi per poi rivenderlo, per pochi centesimi, a ditte che lo lo avrebbero riutilizzato per la produzione di sigarette di infima qualità ma molo più economiche destinate proprio al mercato dei ceti più poveri.

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Luciana Pasqualetti

Fiorentina di nascita ma napoletana con il cuore. Appassionata di cucina, storie e racconti su Napoli. Entusiasta per tutto ciò che è antico, non disdegnando il nuovo. Ama la puntualità e non sopporta l'approssimazione.

Check Also

LA STORIA DELLA TARGA DELL’OSPEDALE DELLA PACE

Dio m’arrassa da mali vicine, d’arraggia canina,e d’a buscìa e ommo da bbene!” Cioè: “Dio …