Killer Loop’S – un progetto vincente sulla cresta dell’onda

Killer Loop’S, la storia nata dalla fervida mente di Stefano Labbia (“Gli Orari del Cuore” – Leonida Editrice;“I Giardini Incantati” – Talos Edizioni; “Vivo!!!” – Tempra Edizioni; “Bingo Bongo & altre Storie” – Il Faggio Edizioni, “Piccole Vite Infelici” – Elison Publishing / Maurizio Vetri Editore, “Super Santa for Peace” – Aster Academy Edizioni), giovane autore, sceneggiatore e produttore romano, non è ancora sul mercato ed ha già raccolto consensi di pubblico e di critica. Tantissime le interviste, le segnalazioni e gli articoli dedicati all’epopea di Kimberly, ovvero Stuart Whitman: mercenario USA dalla lingua lunga, egli è alle prese con il sindacato criminale Pauraz a cui ha pestato i piedi e che gli sguinzaglia contro nientepopodimenoche quattro-assassini-quattro, abili almeno quanto lui. Non si sa bene come finirà la lotta che gioca al rialzo ad ogni pagina, con ogni dialogo e situazione imprevedibile. Un mondo feroce, dalla tricromia – bianco nero e scala di grigi – accesa che rispecchia bene una storia che definire al cardiopalma è poco. È stato inquadrato nel genere noir – gangster.

Gli è stato affibbiato il marchio del pulp… in realtà, Killer Loop’S è tutto questo e molto di più: action, crime e donne. Già, non manca l’altra metà del cielo, nella vita di Kimberly, che è presente, un po’ in stile Diabolik, con il volto di una donna per ogni storia. Mai vittime, le donne partorite dalla penna di Stefano Labbia, sono vere, reali, sofferenti ma anche tigri pronte a lottare per non perire contro gli uomini che vorrebbero averla vinta su di loro. Donne pronte a lottare per se stesse e per coloro che amano. Donne pronte ad agire / a reagire.

Qual’è la forza di Killer Loop’S? Sicuramente il fatto che è un comics che va oltre la rappresentazione grafica perché la storia, di per sé, presenta già elementi vincenti: un citazionismo da gourmet (scommettiamo che i lettori faranno a gara per indovinare ogni indizio, ogni citazione, ogni battuta presente quasi in ogni pagina dell’avventura shakerata, mixata e gettata violenta sul piatto dal buon Labbia?), personaggi efficaci e l’imprevedibilità delle azioni degli stessi che stravolgono la storia ad ogni vignetta, cambiandone spesso direzione ed alzando il tiro ad ogni inquadratura.
Un po’ Lupin III, un po’ The Mask, un po’ Ryo di City Hunter. Ma anche un po’ Bugs Bunny, un po’ Jigen ed un po’ Deadpool. Anti eroe per eccellenza, Kimberly (alias de Stuart Whitman) ha un potenziale incredibile e Killer Loop’S, grazie anche alla resa grafica, si presta benissimo ad una serie animata dedicata agli over 18, così come ad un lungometraggio in live action, tutto dialoghi ed azione.

Il primo volume sarà edito da LFA Publisher nella collana LFA Comics nel 2019. Non ci resta che attendere…

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

GIOCA ATTRAVERSANDO 5 ERE DELL’UMANITA’ NELLA CLOSED BETA DI HUMANKIND

Per la prima volta, gioca fino a 200 turni in HUMANKIND™, incluse 10 nuove culture …