“LE MILLE LUCI DI NEW YORK”

(Pittsburgh, 1928 – New York, 1987) Vesuvius (rosso), 1985 serigrafia a colori su cartone, 78 x 97,5 cm Collezione Intesa Sanpaolo © The Andy Warhol Foundation for the Visual ArtsInc. by SIAE 2017

Un sottile fil rouge lega le città di Napoli e New York, comune denominatore è il rapporto culturale ed artistico delle due metropoli,  artisti del jet set internazionale giunti nel capoluogo campano nel decennio del 1980 hanno influenzato le leve emergenti e hanno reso l’ antica “Neapolis” l’ epicentro dell’ arte contemporanea. E per celebrare i fasti del periodo newyorkese e napoletano una mostra interessante è stata allestita fino al 5 novembre 2017 nelle sale di Palazzo “Zevallos-Stigliano” in via Toledo a Napoli, sede della Banca Intesa-Sanpaolo, intitolata “Le mille luci di New York”, tratto dal titolo del romanzo “Bright Lights, Bright City” pubblicato nel 1984 da Jay Mclnerney. Artefici di questo stimolante taglio internazionale furono i galleristi Lucio Amelio, Lia Rumma, Morra e Trisorio che intuirono e “veicolarono” Napoli verso le nuove correnti artistiche.

Andy Warhol (Pittsburgh, 1928 – New York, 1987) Vesuvius (nero), 1985 serigrafia a colori su cartone, 78 x 97,5 cm Collezione Intesa Sanpaolo © The Andy Warhol Foundation for the Visual ArtsInc. by SIAE 2017

Icona e guest star degli anni Ottanta è Andy Warhol che collaborerà con Lucio Amelio realizzando la serie “Vesuvius”, (Vesuvio) , considerato dall’ artista americano l’ immagine pop del paesaggio partenopeo e “Fate presto”, una serie di “headlines” che riprendevano il titolo del giornale “Il Mattino” inerente al terremoto dell’ Irpinia del 1980. Sono numerose le mostre e le incursioni degli artisti stranieri in Italia, a Napoli, a Roma e a Milano, Keith Haring è uno degli esponenti di spicco della cultura underground e della Street Art nelle metropolitane di New York, richiestissimo dai galleristi e dai critici passerà dal dipingere i muri e i vagoni della metro ai quadri esposti nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo, tre sono le sue opere visibili in mostra, in cui è evidente l’ utilizzo delle immagini stilizzate e bidimensionali, colori vivaci e l’ uso della linea di contorno che circoscrive le figure. Della stessa matrice “suburbana”, dal graffitismo ad una pittura decisamente aulica, fino a sfociare nell’ Espressionismo, a Picasso e all’ Art Brut è l’ arte di Jean Michel Basquiat, amico di Warhol, il suo stile è basato su immagini, colori, segni, parole, elementi che compongono una armonia ritmica, è presente in mostra con la tela intitolata “Skull”. Amico di Basquiat, invece, è l’ artista e regista Julian Schnabel, famoso per le tele di grandi dimensioni, per i ritratti e per il design,  eseguite con tecniche miste, sono visibili nel percorso espositivo due opere “Portrait of Gian Enzo Sperone” e “Fox Farm Painting XI” in cui mostra la sua passione per l’ energia materica e gestuale della pittura, affidando al colore il compito di trasmettere emozioni, una esperienza sensoriale che attinge dal neoespressionismo, da Pollock e dalla Transavanguardia, come regista, invece, realizzerà un film biografico sull’ amico Basquiat. In un periodo in cui New York è il centro culturale mondiale con i suoi artisti che “esportano” nuove influenze artistiche, emerge in terra partenopea l’ artista Francesco Clemente, esponente della Transavanguardia che riesce ad unire il linguaggio e le immagini del Sud Italia con uno stile decisamente più internazionale, volerà a New York dove realizzerà un affresco sul soffitto della discoteca Palladium e collaborerà con Andy Warhol e Basquiat alla realizzazione di un dipinto a “sei mani” commissionato da Bruno Bischofberger. Ben quattro sono le tele di Clemente in mostra che si trovano nell’ ultima sala dello storico edificio bancario, “Place of Power I”, e “Place of Power III”, pigmento su tela, un “Autoritratto” e “Up and Down”, tecnica mista su tela, in cui si evidenzia il carattere allucinatorio dei soggetti ritratti e alla percezione dei corpi informi in uno spazio non definito. Sedici opere che sintetizzano l’ evoluzione e il percorso artistico di autorevoli esponenti dell’ arte contemporanea, archetipi e fonte di ispirazione delle nuove generazioni.

 

Please follow and like us:

Biografia Luca Del Core

Ha scritto per alcune riviste di settore, tra cui "Arskey Magazine" e per alcune delle quali è ancora redattore, "Artslife" e "Art a part of cult(ure)". L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è. (Paul Klee)

Check Also

Divina Archeologia per le celebrazioni dantesche del 14 settembre, l’annuncio della mostra del MANN dal 29 ottobre al Museo

Divina Archeologia: in occasione del 700esimo anniversario dalla morte di Dante Il MANN traccia le …