Lungomare Napoli: vergognosa rissa tra minori

La frequenza con la quale si registrano episodi di violenza messi in atto da giovanissimi sta realmente diventando sempre più preoccupante, non solo a Napoli ma, in generale, anche nel resto del Paese. Basti pensare alla maxi-rissa sulla terrazza del Pincio a Roma che, a dicembre, ha fatto assai discutere.

Pure oggi, ancora una volta, purtroppo, ci vediamo costretti a raccontare di minori che si sono resi protagonisti di fatti assai incresciosi nel capoluogo campano. Due gruppi di ragazzini, ieri, verso ora di pranzo, infatti, si sono prima scambiati ingiurie e poi sono passati alla violenza fisica, dando vita a una rissa in via Partenope, sul lungomare della città, tra l’incredulità dei passanti che, per il Martedì Grasso, hanno affollato la zona -creando, peraltro, degli assembramenti prevedibili e quantomeno inopportuni -. A finire nel mirino dei balordi è stata pure un’ambulanza del 118, praticamente assaltata quando è sopraggiunta sul posto. Per giunta, i giovani in questione, a quanto pare, erano sprovvisti di mascherina, con tutto ciò che significa in termini di pericolo di diffusione del contagio. Nella vasta colluttazione, un 16enne è rimasto ferito, in maniera non grave, ed è stato medicato nell’ospedale Pellegrini. Ora le indagini sono condotte dalla Squadra Mobile.

Grandissimo è stato lo sapevento per i clienti che erano nei ristoranti del lungomare coinvolti dalla furia dei ragazzi. “I Re di Napoli”, per esempio, ha subito diversi danneggiamenti alla sua struttura. Sulla vicenda, quindi, è intervenuta anche Confesercenti che parla di gravi danni per l’economia, in quanto la lite ha svuotato i locali con le persone che sono fuggite. A tal proposito, con due lettere firmate dai presidenti di Confesercenti Napoli, Vincenzo Schiavo, e Fiepet Napoli, Antonio Viola e del vicepresidente Fiepet Roberto Biscardi, è stato chiesto un incontro urgente sia al prefetto, Marco Valentini, che al questore Alessandro Giuliano.

“Gli esercizi pubblici del lungomare non possono subire ulteriori danni oltre quelli che li hanno già messi in ginocchio, per cui richiediamo ancora maggiore vigilanza e presenza. Ai nostri occhi, lo Stato è assente, la città pare abbandonata al suo destino. Non è possibile che sul posto ci siano appena due volanti della polizia. È l’ultimo giorno di Carnevale, c’è il sole, è festa, era assolutamente scontato un assembramento di persone. I protagonisti di questa rissa sono delinquenti, gentaglia senza rispetto degli altri e della città. A pagare purtroppo sono sempre i ristoratori, già sommersi dai debiti, già vessati da un anno di Covid e dalle mille restrizioni.” Queste le parole di Schiavo, riportate dai vari canali di informazione.

Per quanto ci riguarda, non possiamo che restare sgomenti dinanzi a questo ennesimo e grave episodio di violenza e ci uniamo fortemente al coro di quanti chiedono maggiori controlli per garantire la sicurezza di tutti noi. La totale perdita di valori di civiltà e rispetto che interessa larghe fasce della popolazione giovanile, poi, è ormai sempre di più un’emergenza sulla quale non possiamo girare la testa e sulla quale le istituzioni dovrebbero davvero pensare di intervenire in maniera ampia e seria, cominciando, ad esempio, dal tasso elevatissimo della dispersione scolastica.

Please follow and like us:

Biografia Angelo Potenza

Angelo Potenza
Nato a Potenza nel 1993. Dopo aver conseguito la maturità classica nella si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza della Università Federico II di Napoli, dove attualmente vive."La Storia, la scrittura e il mondo dell'informazione sono le mie passioni più grandi. E poi, naturalmente, c'è Napoli, insieme a tutta la nostra terra, a far da sfondo non solo agli occhi ma ad ogni pensiero."

Check Also

La strada di Vairano Patenora intitolata a Giancarlo Siani

Il paese di Vairano Patenora, un comune in provincia di Caserta, di poco più di …