Monopattini elettrici: anche Napoli città dello smart mobility

Napoli, negli ultimi anni – prima che, ovviamente, tutto, a livello globale, subisse una battuta d’arresto per via della pandemia – ha conosciuto una vera e propria primavera in termini turistici. Persone da tutto il mondo sono accorse a visitare le tante e varie bellezze e a immergersi nei colori e nei sapori della città. Su questo circuito virtuoso che si è iniziato ad innestare, bisogna necessariamente continuare a credere, specie per il post Covid 19, quando investire sul rilancio turistico sarà di vitale importanza. In questi termini si muove pure una recentissima iniziativa, la quale, a ben guardare, oltre che per chi viene da fuori, si presta a essere utile e vantaggiosa anche per i cittadini residenti, i quali potranno appunto usufruire di una modalità di spostamento alternativa e a impatto zero. Ci stiamo riferendo al servizio di sharing per monopattini elettrici, per cui è stato indetto un bando di due anni dal Comune e la cui presentazione si è tenuta ieri a Palazzo San Giacomo. L’investimento è di circa un milione di euro e si prevede la creazione di almeno 30 posti di lavoro. Il progetto consta di 900 mezzi a due ruote, forniti da Helbiz, i quali verranno collocati per essere affittati nei punti nevralgici del centro partenopeo: Piazza del Plebiscito, Quartieri Spagnoli, Chiaia, Mergellina, Pallonetto Santa Lucia, Borgo Orefici.
I monopattini potranno circolare all’interno di un’area di circa 3 km quadrati, individuata su una mappa, da piazza Garibaldi a Mergellina.

Per quanto riguarda il finanziamento, ebbene, bisogna innanzitutto scaricare l’applicazione mobile gratuita di Helbiz; questa quindi provvederà a localizzare il mezzo più vicino, il quale potrà essere sbloccato attraverso la scansione di un codice QR situato sul manubrio. Il costo è di 1 euro per lo sblocco iniziale, mentre è di 20 centesimi al minuto per la corsa. A ciò, però, si aggiunge la possibilità di usufruire di una vantaggiosa offerta, al costo di 29.99 euro al mese, che permetterà di effettuare un numero di corse giornaliere illimitato della durata di 30 minuti – a patto che siano a distanza di almeno 20 minuti l’una dall’altra – e l’accesso al servizio anche da Telepass Pay con 30 minuti di corse gratuite.

Ovviamente, sono previste pure delle regole da rispettare tassativamente. Innanzitutto, la circolazione è ammessa, come si diceva, esclusivamente in ambito urbano, su strade urbane con limite di velocità di 50 km/h e su piste ciclabili e ciclopedonali alla velocità max di 20 km/h. Non si possono superare i 25 km/h quando si circola sulla carreggiata e i 6 km/h quando si circola nelle zone pedonali. L’utilizzo del monopattino, invece, è assolutamente vietato sui marciapiedi e poi sotto i portici, sulle corsie preferenziali e nelle gallerie pedonali. Il parcheggio è previsto in stalli destinati alle biciclette e in punti dove non ci siano interferenze con pedoni o veicoli e in altre aree di sosta che l’amministrazione individuerà appositamente. Dipoi, è vietato il trasporto di passeggeri; bisogna indossare il caschetto e non si deve procedere affiancati in numero superiore a due in modo da non essere da intralcio.

Dopo Roma, Milano, Torino, Bari e Pescara, anche Napoli, dunque, diventa la città dello smart mobilty. Non manca chi esprime perplessità e pure il solito disfattismo tipico di quando si parla del capoluogo campano, ma a noi pare che la notizia sia da accogliere con entusiasmo, in quanto essa guarda al futuro. Certamente, però, al tempo stesso, ci auguriamo che si vigili in maniera seria ed attenta al che tutto funzioni e non si verifichino eventi spiacevoli, come si sono avuti da altre parti.

 

 

Please follow and like us:

Biografia Angelo Potenza

Angelo Potenza
Nato a Potenza nel 1993. Dopo aver conseguito la maturità classica nella si è iscritto alla facoltà di Giurisprudenza della Università Federico II di Napoli, dove attualmente vive."La Storia, la scrittura e il mondo dell'informazione sono le mie passioni più grandi. E poi, naturalmente, c'è Napoli, insieme a tutta la nostra terra, a far da sfondo non solo agli occhi ma ad ogni pensiero."

Check Also

Accadde oggi: la scomparsa di Luciano Pavarotti

“Penso che una vita per la musica sia una vita spesa bene ed è a …