NAPOLI FEMMINILE, A VERONA ARRIVA IL PRIMO PUNTO ESTERNO

VERONA-NAPOLI FEMMINILE 0-0

VERONA (4-3-3) Keizer; Ledri, Ambrosi, De Santis, Jelencic; Lotti (dal 35’ s.t. Dahlberg), Errico, Catelli; Pasini, Anghileri (da 18’ s.t. Rognoni), Cedeno (dal 18’ s.t. Nilsson) (Gritti, Meneghini, Marchiori, Oliva, Mancuso, Quazzico). All.: Pachera
NAPOLI (4-4-1-1) Aguirre; Imprezzabile, Garnier, Di Marino, Abrahamsson; Erzen (dal 40’ s.t. Penna), Sara Tui, Colombo, Toniolo (dal 13’ s.t. Porcarelli); Goldoni; Acuti (dal 30’ s.t. Kuenrath) (Chiavaro, Corrado, Capitanelli, Severini, Chatzinikolaou, Popadinova). All.: Pistolesi
MARCATORI:
Arbitro: Di Marco di Ciampino (D’Ilario-Arena/Aronne)
Note: si è giocato a Vigasio, calda giornata di sole. Amm.: Erzen, Abrahamsson, Sara Tui, Colombo (N), Errico, Lotti, De Sanctis (V). Rec.: 2’ p.t., 4’ s.t.

Primo pareggio stagionale per il Napoli Femminile, che in quel di Verona dà continuità di risultati al successo ottenuto contro la Fiorentina.
Con Blanco, Awona e Jaimes assenti (e Severini e Popadinova in panchina per onor di firma), Pistolesi ha optato per il 4-4-1-1 con Acuti nell’inedito ruolo di punta centrale vista – appunto – la penuria di attaccanti. A centrocampo – invece – Sara Tui ha preso posto vicino all’ex di turno Colombo. Il Verona – che ha provato inizialmente a fare la partita – ha invece affidato le chiavi del gioco all’ex di turno Errico. Molto caldo e poche emozioni per almeno mezz’ora, poi Goldoni di testa è andata vicino al gol su punizione mancina di Toniolo. In chiusura di frazione, primo pericolo per la porta azzurra con Aguirre brava a deviare una conclusione di Anghileri da buona posizione.
Ripresa al via con qualche velleità in più da parte delle due squadre ma senza parate dei rispettivi portieri fino all’ottimo intervento con i piedi di Aguirre su Pasini. Altro intervento importante del portiere azzurro su una volée di Rognoni al 26’. Il Napoli si è rivisto dalle parti di Keizer con un destro di Erzen non lontano dal palo. Senza punte titolari, Pistolesi si è giocato la carta Penna (classe 2005), attaccante della Primavera. Fino al triplice fischio non è accaduto più nulla ed alla fine il risultato è apparso giusto.

Please follow and like us:

Biografia Jacques Pardi

La laurea in ingegneria gli ha fatto perdere i capelli ma non le tante (troppe?) passioni, dallo sport (soprattutto il Napoli, calcio e basket, ma più che di passione qui parliamo di...malattia), al cinema, dalla musica alle serie tv, fino (inevitabilmente) ai fumetti. La moglie e le due figlie queste passioni spesso le supportano, altrettanto spesso le...sopportano. Un autentico e fiero "nerd partenopeo" insomma, incurante dell'età che avanza, con un sogno nel cassetto: scrivere di quello che ama

Check Also

NAPOLI BASKET, DOMANI ARRIVA TREVISO – SACRIPANTI: “SIAMO IN CRESCITA”

Torna in campo la Gevi Napoli Basket che affronta domani, nella gara valevole per la …