Napoli-Sampdoria 4-2: doppietta di Higuain

C_29_fotogallery_1009478__ImageGallery__imageGalleryItem_2_image

Missione compiuta per il Napoli. Al San Paolo la squadra di Benitez batte 4-2 la Samp e si porta a ridosso di Roma e Lazio in classifica. Prova di forza per gli azzurri, che dopo il vantaggio blucerchiato (autogol di Albiol al 12′), ribaltano il match con Gabbiadini (papera di Viviano al 31′) e Higuain. Nella ripresa Insigne firma il tris al 47′ e il Pipita cala il poker su rigore all’80’. Di Muriel, all’89’, la rete del 4-2 finale.

La partita

Napoli sogna. In tre settimane la banda di Benitez ha cambiato passo e ora tutto è possibile. In Europa League, certo. Ma anche in campionato. Roma e Lazio adesso sono a tiro (giallorossi a +2, biancocelesti a +3), soprattutto perché il calendario lascia ancora aperti i giochi per la lotta al secondo posto. In questo finale di stagione il Napoli corre. Lo dicono i numeri e la convinzione della squadra, che ha ritrovato gol, fiducia e alcuni uomini chiave. Insigne è tornato dall’infortunio più forte di prima e potrebbe essere davvero l’arma in più per Benitez in chiave Champions. Soprattutto perché il feeling con Higuain e Gabbiadini è perfetto. Una macchina da gol, che può colpire in molti modi. Lo sa bene Rafa, che si coccola i suoi gioielli e punta in alto con realismo e concretezza. Il secondo posto è solo a tre punti e con lo scontro diretto all’ultima giornata con la Lazio non è detto che non ci scappi anche il colpaccio.
Al San Paolo in palio c’è l’Europa. E si vede. Napoli e Samp si studiano, poi la squadra di Benitez guadagna campo e Higuain fa reparto da solo. Arretra, imposta, fa la sponda e va anche al tiro. Davanti il Napoli fa paura, ha tante opzioni e qualità. Gabbiadini e Insigne attaccano lo spazio, con Callejon sempre pronto a inserirsi. Gli uomini di Rafa macinano gioco, ma è la Samp a sbloccare il match al 12′, colpendo in velocità. Un lampo che sorprende tutti: al 12′ Soriano verticalizza per Eder, che costringe Albiol al più classico degli autogol. Cambia il risultato, ma non l’inerzia del match. Il Napoli continua a creare e a essere pericoloso. Prima ci prova Callejon, ma Viviano è attento, poi tocca a Higuain e David Lopez. Al 20′ è già un assedio azzurro. La Samp si difende soltanto e anche Eto’o si sacrifica in copertura. Ma non basta. In quattro minuti il Napoli ribalta tutto. Il gol del pari lo regala Viviano a Gabbiadini (papera e palla sotto le gambe), poi l’ex blucerchiato e Higuain deliziano il San Paolo e il Pipita piazza il colpo del 2-1 al 34′. Roba da top player. Roba da Champions League, a dirla tutta. Il Napoli sente il profumo dell’Europa che conta e contro la Samp non c’è storia.

Nella ripresa, dopo solo due minuti, tocca subito a Insigne chiarire il concetto e far esplodere il San Paolo. Lorenzo parte palla al piede da centrocampo, firma il tris con una splendida perla a giro di destro e poi scoppia in lacrime sotto la curva. Anche a Mihajlovic viene da piangere, ma per altri motivi. La sua Samp, infatti, prova a onorare il match, ma sembra senza forze e idee. Eto’o e Duncan provano a guidare la reazione, ma il Napoli è padrone del campo, difende con ordine e gestisce il risultato senza rischiare. Jorginho e Lopez addormentano il gioco in mezzo al campo e abbassano il ritmo, cercando le imbucate in verticale e le sponde di Higuain. Con le spalle al muro, Sinisa passa al 4-2-4 e tenta il tutto per tutto. Ma è sempre il Napoli ad essere pericoloso. Hamsik imbecca Higuain, ma la mira questa volta è sbagliata. Poi De Silvestri atterra Hamsik in area e Higuain cala il poker dal dischetto (50.mo gol). Nel finale poi c’è ancora tempo per ammirare una perla di Muriel, che all’89’ trafigge Andujar con un missile dal limite. Ma è solo il gol della disperazione. Per la Samp è una serata da dimenticare. Questo Napoli è troppo forte. Lazio e Roma avvertite.

Il Tabellino

NAPOLI-SAMPDORIA 4-2
Napoli (4-2-3-1): Andujar 6; Henrique 6, Albiol 5,5, Britos 6, Ghoulam 6,5; Jorginho 6, D.Lopez 6 (32′ st Gargano sv); Callejon 6, Gabbiadini 7 (21′ st Hamsik 6,5), Insigne 7,5; Higuain 8 (36′ st Zapata sv) .
A disp.: Rafael, Colombo, Strinic, Mertens, Mesto, Koulibaly, Inler. All.: Benitez 7
Sampdoria (4-2-3-1): Viviano 4,5; De Silvestri 5, Silvestre 5,5, Romagnoli 6, Mesbah 5,5; Palombo 5 (18′ st Duncan 6), Obiang 5,5; Soriano 6 (31′ st Bergessio 5,5), Eder 6 (44′ Muriel 6,5), Eto’o 5,5; Okaka 5.
A disp.: Romero, Correa, Regini, Munoz, Rizzo, Coda, Acquah, Marchionni, Wszolek. All.: Mihajlovic 5
Arbitro: Doveri
Marcatori: 12′ aut. Albiol (N), 31′ Gabbiadini (N), 34′ Higuain (N), 2′ st Insigne (N), 35′ st rig. Higuain (N), 44′ st Muriel (S)
Ammoniti: Britos (N); Mesbah, Muriel (S)

Espulsi:

Please follow and like us:
fb-share-icon

Biografia Enrico Pentonieri

Check Also

Napoli squadra vera, resistere in attesa che torni il sereno

La sconfitta interna di sabato contro l’Atalanta ha fornito una serie di aspetti interessanti su …