One Piece: Pirate Warriors 4 [PLAYSTATION 4 – RECENSIONE]

Di cosa si tratta?

One Piece, l’opera nata dal genio di Eiichirō Oda   intrattiene il  pubblico da oltre due decadi con storie profonde,  personaggi iconici  e ambientazioni frutto di minuziose ricerche. Ovviamente, grazie al successo e alle dinamiche dell’opera  i media derivati sono tantissimi, videogiochi inclusi. Tra di essi la saga Pirate Warriors , conosciuta in Giappone con il nome One Piece: Kaizoku Musō.  Omega Force, la sussidiaria Koei Tecmo che ha creato il genere, ci farà rivivere le folli e appassionanti imprese dei Mugiwara con il nuovo One Piece: Pirate Warriors 4.  Il genere musou è uno dei  migliori per portare sui nostri schermi l’essenza dell’opera di Oda, e questo gioco ne è l’esempio lampante, infatti sarà divertentissimo affrontare le avventure sia in singolo che multiplayer.

All’arrembaggio!

One Piece: Pirate Warriors 4 è il quarto capitolo dell’omonima saga e racconta le vicende di Monkey D. Rufy, soprannominato da tutti  Cappello di Paglia“. Il gioco racconta velocemente le  prime fasi della storia per poi concentrarsi sugli eventi più recenti caratterizzati da un balzo temporale ed dal cambio del design dei personaggi. La storia arriva fino al Wano Country Arc,  il trentunesimo arco narrativo della serie e il quarto nella Yonko Saga (con tanto di finale alternativo n.d.r.). Come tutti i musou One Piece: Pirate Warriors 4 propone fin da subito un’elevata quantità di personaggi giocabili, divisi sostanzialmente in 4 macro categorie: Volante, Veloce, Potente o Tecnico. Ciascuna delle quattro tipologie ha caratteristiche base uniche. Sono presenti anche molti costumi, peccato però che  personaggi come Rufy abbiano una quantità enorme di  varianti, mentre altri personaggi avranno un numero di “ricambi” estremamente limitato.

Modalità

One Piece: Pirate Warriors 4 propone tre modalità di gioco che hanno caratteristiche leggermente differenti fra loro:

  • Diario Narrativo

E’ la modalità principale del gioco che vedrà il giocatore affrontare  diversi capitoli, divisi a seconda dell’isola. Una volta selezionato l’episodio  e dopo aver scelto i personaggi disponibili dovremo affrontare una fase di preparazione nella quale si potranno leggere informazioni sullo scontro,  migliorare le abilità del   protagonista  sfruttando tre percorsi di potenziamento ed iniziare la partita. Il gameplay rispecchia chiaramente il genere musou, con qualche novità: in One Piece: Pirate Warriors 4 non ci saranno più le basi da conquistare,  sostituite da  aree di gioco la cui  conquista non sarà fondamentale per finire il capitolo. Quella che  sembra una modifica marginale è in realtà cambia radicalmente l’approccio di gioco. Eliminando il concetto di “base” di è potuto  dare vita ad aree più grandi e variegate e limitare, seppur in parte, la ripetitività del genere.

  • Diario Libero

Diario Libero  può essere considerata una variante della precedente. In questa modalità potremo affrontare i capitoli già completati utilizzando tutti i personaggi sbloccati.

  • Diario del Tesoro

In questa modalità il giocatore dovrà affrontare una serie di capitoli completamente scollegati dalla trama principale. A differenza delle precedenti  modalità non sarà possibile selezionare il livello di  difficoltà. Naturalmente la difficoltà è destinata a salire, questa modalità è decisamente più complessa rispetto alle altre due.

Grinding che passione!

One Piece Pirate Warriors 4 presenta  un basilare ma efficace sistema di progressione che permetterà di incrementare le statistiche dei personaggi e aggiungere nuove abilità Per ottenere questi potenziamenti dovremo sfruttare le  monete si otterranno alla fine di ogni mission. Alcune di potranno essere riutilizzate a piacere, altre invece dovranno essere grindate.

Multiplayer

One Piece Pirate Warriors 4 include una modalità multigiocatore che permetterà di partecipare ad una sessione  di un altro giocatore, o fare in modo che un altro giocatore entri nella nostra.  In termini di giocabilità  non cambia nulla, anche perchè non ci sono interazioni fra i partecipanti . In alcuni casi  si perde un pò di  coerenza narrativa, ma chiaramente giocare in compagnia ha come unico scopo quello di divertirsi assieme. Anche se non arricchisce l’esperienza  risulta una piacevole alternativa a finire da soli la campagna principale.

Tecnicamente parlando

Sotto il profilo tecnico One Piece Pirate Warriors 4 mantiene stabilmente i 30 fps,  anche nelle situazioni più concitate. Rimane, come sempre,  problematica la gestione della telecamera  che rende l’azione confusionaria. Le ambientazioni sono rese meglio  rispetto al passato: più curate e ricche di elementi distruttibili, i caricamenti sono abbastanza fastidiosi.

Pregi e difetti

One Piece: Pirate Warriors 4 possiede un  gameplay  diverso rispetto gli altri giochi del genere e copre un arco narrativo piutttosto ampio  Purtroppo non mancano i difetti: i tempi di caricamento sono eccessivamente lunghi, capaci di raggiungere anche il minuto. La gestione dei costumi è sbilanciata, il puntamento mirato tende a non essere molto preciso e le varie modalità di gioco sono molto simili, in pratica si può avere la sensazione di una bassa varietà generale. Infine gran parte della narrazione non è lineare e salta svariati eventi. Sarebbe stata gradita una maggiore continuità narrativa;  se non state seguendo il manga/anime di One Piece aspettatevi di usare la galleria per comprendere al meglio gli eventi narrati.

Concudendo

One Piece Pirate Warriors 4 è al momento  il miglior musou in commercio grazie ad una narrazione che permette di godersi al meglio le avventure del capolavoro di Eiichirō Oda. E’ un prodotto che lima la ripetitività strutturale  del franchise in un genere nel quale è difficile svecchiare la formula senza snaturarla. Se  siete appassionati della serie  troverete un’esperienza spensierata e divertente in grado di intrattenervi ben oltre le venti ore della campagna principale; questo  grazie anche alla fedeltà da parte del team di sviluppo verso l’opera del maestro.

Pro

    • Longevo e ricco di contenuti
    • Roster molto ricco 
    • Molto divertente

Contro

  • Caricamenti eccessivamente lunghi
  • Ripetività strutturale
  • Gestione della telecamera

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

GTA Online: grandi ricompense per chi ha una buona mira

Alzati in volo e ottieni ricompense triple in Salti di rigore di gruppo Grandi ricompense …