Ozanam e Nadji presentano una toccante graphic novel dedicata ad Anne Frank

Anna Frank è sicuramente un simbolo,  il suo celebre “Diario” è una delle testimonianze più importanti sull’Olocausto, lo sterminio degli ebrei in Europa, perseguitati dalla follia nazi-fascista durante la seconda guerra mondiale. Uno sterminio progettato in maniera scientifica da un regime efferato con la complicità però di tantissimi civili che hanno denunciato, segnalato o hanno semplicemente fatto finta di non vedere. Quella di Anna è una storia di adolescenza negata, di paura, di nascondigli,  ma anche di piccola quotidianità che si conclude improvvisamente quando la famiglia e gli altri coinquilini vengono scoperti, dopo una segnalazione anonima di un delatore, dalla Gestapo.

Anna muore a Bergen-Belsen tra il febbraio ed il marzo del 1945, un mese prima della liberazione del campo, quando l’ undicesima Divisione Corazzata dell’esercito britannico sotto il comando di Bernard Montgomery varcò i cancelli del campo di concentramento tedesco.

Gli autori Ozanam e Nadji hanno realizzato, con grande rispetto,  una graphic novel che ripercorre le emozioni, le sensazioni, il dolore e le speranze impossibili di una tredicenne alle prese con un mondo fatto di persone folli e crudeli . Conoscendo già il tragico finale la lettura è quasi devastante, ma aiuta a comprendere come si potesse vivere in quel periodo,  nascosti come topi, ascoltando in radio le barbarie che stavano accadendo in quel periodo.

Durante la reclusione forzata della durata di circa due anni la convivenza del gruppo non fu semplice; bisognava  rimanere in silenzio dato che il minimo rumore sarebbe potuto risultare fatale.  La situazione portava discussioni  banali come  le liti sul cibo o sull’uso del bagno. Gli autori descrivono Anne  come una giovane,  triste e desiderosa di libertà, a volte  capricciosa e in conflitto con i genitori, in pratica un’adolescente come tante. Probabilmente si è voluto trasmettere il messaggio che, malgrado tutto, i problemi degli adolescenti sono stati, più o meno, sempre gli stessi.

I disegni presentano tratti semplici e non troppo dettagliati con colori  freddi e cupi che tendono al blu ed al viola; quasi a voler sottolineare la fugacità della vita in quel periodo storico. I colori più accesi come il rosso e l’arancione vengono  utilizzati, invece,  per descrivere emozioni e stati d’animo più accesi come la rabbia. Questo genere di tonalità sono  presenti durante le liti a tavola oppure durante le discussioni tra coinquilini. Altro particolare che merita attenzione sono i volti dei soldati che non vengono mai raffigurati a simboleggiare il fatto che non ragionavano ma eseguivano semplicemente degli ordini che gli erano stati imposti. La parte conclusiva  del volume è particolarmente toccante: la sorte dei coinquilini viene illustrata da un’esaustiva appendice  ed una chiara infografica.

Questa versione a fumetti del celebre Diario di Anne Frank è un’opera imprescindibile, una lettura adatta a tutti che ha il pregio di poter far conoscere ai più giovani, con un linguaggio agile e moderno,   uno dei periodi più bui della storia dell’ umanità.

Come sempre l’editore StarComics dedica all’opera una PAGINA sulla propria home.

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

Leisure Suit Larry – Wet Dreams Dry Twice – è in arrivo su console a maggio 2021

Oh, comportati bene! L’avventura punta-e-clicca pluripremiata – Leisure Suit Larry – Wet Dreams Dry Twice …