S. Valentino bestiale: amiamo i nostri animali?

Secondo uno studio condotto qualche anno fa dal direttore del “Canine Science Collaboratory”, Clive Wynne, dell’Università dell’Arizona si.

Infatti negli animali che hanno vissuto una “coevoluzione” con l’uomo, e quindi sono stati “addomesticati” da più tempo si è creato un rapporto basato sull’accudimento e dalla nostra necessità e dipendenza del “prenderci cura”.

Secondo Wynne però, non si tratta di una relazione “parassitistica” univoca, ma più “simbiotica”di reciproche cure ed affetto, un soddisfacimento emotivo paragonabile a quello che si potrebbe avere con il partner ideale.

Oggi non possiamo dire, infatti, di amare gli animali perchè proteggono la “tana” o perchè necessari nella “caccia”, ed è proprio per questo che secondo lo studioso gli animali hanno perduto quello che era il loro ruolo meramente “utilitaristico” per ricoprire un ruolo “affettivo” sociale e biologico da attribuire principalmente anche ad alcune caratteristiche “neoteniche” proprie delle specie che maggiormente popolano le nostre case.

Altro studio determinante e validante la tesi che l’amore tra noi ed i nostri pet è ricambiato è quello condotto in Finlandia nell’Università di Helsinki dal Prof. Outi Vainio basato sui cani che monitora il rilascio di ossitocina durante l’amorevole sguardo cane-padrone, simile a quello tra madre e figlio.

L’essere umano è una macchina perfettamente programmata ad amare e, con l’animale, essere privo di tabù e sovrastrutture, questo avviene in tempistiche velocissime.

Importante e fondamentale è però che, questo incondizionato amore, non vada a sostituire le relazioni con gli altri esseri umani, ma che risulti un valore aggiunto ed arricchente nelle nostre vite.

Non difficilmente questo tipo di amore “tossico” e “morboso” potrebbe sfociare in serie psico-patologie e soprattutto fare solo il male degli animali.

Please follow and like us:

Biografia Nicoletta Gammieri

Nicoletta Gammieri
Nasce a Napoli il 29 agosto 1984, frequenta l'Università di Medicina Veterinaria, ma la lascia per seguire nel 2006 la sua vera strada “gli Interventi Assistiti con gli Animali”diventando coadiutore del gatto e del coniglio, del cane e dell'asino. Si Forma come Educatrice Cinofila. Partecipa a numerosi progetti in strutture socio-sanitarie: Scuole, Carceri, Ospedali, Case Famiglia. A gennaio 2014 apre un negozio di Mangimi ed Accessori per gli Animali, Il Bianconiglio (totalmente contrario alla vendita di animali).

Check Also

La Saiga dal grosso naso

La natura sa stupirci in tanti modi, ci sono esseri viventi che nemmeno la più …