Strade di Napoli: Via Nazario Sauro a luci rosse

 

Parte del nostro splendido e scenico lungomare, Via Nazario Sauro, ha un’invidiabile posizione di fronte al mare. Ma il motivo di notorietà di questo scorcio di paradiso, non è legato all’impagabile vista, ma a un motivo singolare. Prima del secondo conflitto mondiale e anche negli anni successivi, Via Partenope e Via Nazario Sauro videro un fiorire di bar, locali, e luoghi d’intrattenimento. Proprio in Via Sauro ricordiamo un locale dal nome Shaker, che ospitò le esibizioni di numerosi cantanti allora esordienti come: Peppino di Capri, Fred Buongusto, Renato Carosone. Nella Primavera del 1959, tra il clamore e lo scandalo, si esibì la cantante e attrice transessuale soprannominata Coccinelle. Coccinelle era diventata donna dopo un’operazione a Casabalanca. A Napoli la sua esibizione destò tanto scalpore e sorpresa, che un noto transessuale del quartiere Sanità, Antonio di Martino, volle rinominarsi Coccinella italianizzando il vezzeggiativo. Strano destino portò questi due personaggi a morire a poche ore di distanza anche se uno a Napoli e l’altro a Parigi. Altro episodio singolare, legato a questa strada, fu che al civico numero 4 venne creato un altro locale, il Trocadero. Anche in quest’ultimo si esibivano travestiti e spogliarelliste, si dice che il locale fosse gestito da una delle principesse della famosa Famiglia Pignatelli, la quale scandalizzò non poco la sua nobile famiglia per aver intrapreso questa singolare professione.

Please follow and like us:

Biografia Carmelita de Santis

Carmelita de Santis
"Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo" così è iniziata l’avventura di Senzalinea. Tra i quattro amici, sfortunatamente, ci sono anch'io e le idee peggiori di questa pagina vengono da me. Amo e odio la mia città, mi appassiona la sua storia e le sue tradizioni.

Check Also

PALAZZO PIGNATELLI DI TORITTO E IL SUO MAGICO GIARDINO

Un luogo oltre che ricco di mistero, carico di storia, è Palazzo Pignatelli di Toritto …