Strade di Napoli:Via Domenico Capitelli e l’ottico che fece cantare Napoli

 

In Via Domenico Capitelli, nel cuore del centro storico,un negozio di ottica ricorda una delle canzoni più belle scritte nel panorama della canzone napoletana. Al civico 35 campeggia una targa che riporta l’iscrizione: “questa sua onorata bottega Raffaele Sacco,ottico poeta scienziato accademico inventore allietò del canto di “te voglio bene assaje e tu non pienz’a me” la prima canzone che, con melodie di Gaetano Donizetti, muovendo l’estro popolare, fece della tradizionale Piedigrotta la festa di Napoli canora fascinosa nel mondo”.  Raffaelle Sacco, nel 1835 scrisse la nota “Te voglio bene assaje” presentata al Festival di Piedigrotta era considerata come una contaminazione tra l’opera lirica e la canzone popolare.

index

Un personaggio come il Settembrini, ricorda che durante la sua prigionia presso il carcere di Santa Maria Apparente lo confortavano tre cose “la ferrovia,l’illuminazione a gas e la bella te voglio bene assaje”. Ancora più strano un ulteriore aneddoto su questa canzone.Ci fu in quel periodo, un uomo di chiesa, che visto l’enorme successo riscosso dalla canzone ebbe l’idea di modificarla dandole un argomento religioso il titolo diventò “l’uomo e Dio” è inutile riferirvi che il pezzo non ebbe molto successo.

Please follow and like us:

Biografia Carmelita de Santis

Carmelita de Santis
"Eravamo quattro amici al bar che volevano cambiare il mondo" così è iniziata l’avventura di Senzalinea. Tra i quattro amici, sfortunatamente, ci sono anch'io e le idee peggiori di questa pagina vengono da me. Amo e odio la mia città, mi appassiona la sua storia e le sue tradizioni.

Check Also

LO TZUNAMI CHE DISTRUSSE NAPOLI NEL 1343

Era il 1343 un fortissimo terremoto scosse lo Stromboli, fu così violento da fare crollare …