lunedì , 30 Marzo 2020

“TENSIN E L’ORCHESSA” DI PIERRE BERTRAND E CHEN JIANG HONG. RECENSIONE UNDER 11

 

 

Trama: Sulle alte montagne dell’Himalaya, nel monastero in cui vive il piccolo monaco Tensin, l’unica fonte d’acqua si è prosciugata. Tensin si offre allora di andare alla lontana fonte della Roccia Forata ma il Grande Lama lo mette in guardia: «… a volte gli spiriti maligni vagano per la montagna. Spesso assumono un aspetto umano per sedurci e divorarci in un boccone». Tensin promette di stare attento e parte con nella mente le parole del Buddha: “Chi è padrone di sé stesso è più grande di chi è padrone del mondo”. Un’incredibile avventura lo aspetta ma quelle parole, insieme a un prezioso dono ricevuto lungo la via, salveranno la vita a lui e all’intero monastero. Le illustrazioni potenti di Chen Jang Hong dialogano magistralmente con la storia e la arricchiscono di suggestivi dettagli.

Babalibri Edizioni

 

Recensione: Un albo illustrato che con le sue tavole coloratissime ci trasporta in Tibet.

E’ stato bello spiegare ad A. & R. alcuni usi e costumi di questo paese lontano: la loro religione, che il Lama è diverso dal lama, che quello tra le mani di Tensin non è un sonaglio ma una ruota di preghiera, che quel “toro peloso” è uno yak ed è normale che sia addobbato a festa. Un racconto di tradizioni e leggende, avventuroso e poetico.

Il viaggio del giovane Tensin sarà insidioso proprio come era stato predetto dal Lama, una metafora sul percorso di vita, su quanti pericoli travestiti da tentazioni ci saranno sul nostro cammino e quanto a volte possa essere insidioso raggiungere un obiettivo. Durante il suo breve viaggio, il protagonista cresce, matura, riesce in tempo a discernere di chi può fidarsi e di chi no sebbene, inizialmente, il pericolo sia travestito da gentilezza e bellezza . La saggezza e la lungimiranza vestono i panni del Lama e di una vecchia signora: due adulti che dalla vita hanno imparato e fatto tesoro.

Una storia resa ancora più avvincente dalle illustrazioni, soprattutto quelle che riguardano l’orchessa: spaventosa, colorata e ricca di dettagli. Non solo una favola pregna di significato e morale, ma un viaggio in luoghi distanti dal nostro per cultura e tradizione.

 

                  

 

 

Pierre Bertrand. Nasce nel 1959 a La Rochefoucauld. A ventiquattro anni decide di diventare educatore specializzato ed è proprio lavorando con bambini con disturbi psichici, che comincia a utilizzare le storie come strumenti terapeutici. Diventa poi un cantastorie e attraversa la Francia affascinando, con le sue narrazioni, grandi e piccini.
Chen Jiang Hong. Pittore, illustratore e autore di libri, ha studiato Belle Arti a Pechino. Dal 1987 vive a Parigi. Utilizza spesso tecniche pittoriche tradizionali come inchiostro di china e colori su seta e su carta di riso. Il risultato sono libri molto raffinati che invitano al viaggio e al sogno.
Please follow and like us:
fb-share-icon0

Biografia Cristiana Abbate

Cristiana Abbate
Veterinaria pentita e mamma convinta.Si ritiene propositiva e per nulla diplomatica .Grande appassionata di viaggi e divoratrice di libri. Malata di shopping e con il conto in banca fisso sul rosso.

Check Also

“Non c’è niente che cambierei” Massimiliano Campanile si racconta nella sua biografia

Ci  sono dei momenti della vita in cui le persone hanno la necessità di fare …