Tex #718 – La signora di Rancho Verde – Recensione

L’estate 2020 di Tex ha una fortissima firma impressa da Mauro Boselli, dal momento che accanto alla lunga storia ancora in corso sulla testata Tex Willer che ha portato il giovane futuro Ranger a combattere in Florida, sulla serie regolare non si è ancora conclusa l’avventura iniziata con il numero 716 Netdahe! e proseguita con Guardia Rural (qui e qui le due recensioni) per una sceneggiatura molto ampia ed articolata su oltre 400 tavole.

La terza puntata si intitola La signora di Rancho Verde ed è inclusa nell’albo 718: come le precedenti, è orchestrata con una sceneggiatura molto corale che non solo coinvolge tutti i pards, dando a ciascuno ruoli decisivi, ma fa anche riemergere dal passato alcuni personaggi rimasti bene impressi ai lettori.
Parliamo del Tenente Castillo della Guardia Rural in Messico, certo, ma anche dell’indiano Nantan e del Capitano Webster, già conosciuti in L’indomabile (Tex N° 643) o in Gli schiavisti (Tex N° 618).

Il Messico è da sempre terreno fertilissimo per ambientare avventure ricche di spunti con le sue atmosfere riarse dal sole e le continue guerriglie, e con la sua delicata posizione al confine, anche in termini di legalità.
In questo caso Tex ed i suoi pards sono giunti, dopo essere sfuggiti non senza difficoltà a un agguato dei Netdahe, a Campo Bonito, apparentemente un villaggio fantasma.

Per continuare nella loro caccia agli implacabili predoni hanno bisogno di nuovi cavalli, ma una volta ottenuti e raggiunta Canaan per richiedere l’appoggio della Guardia Rural scoprono quanto accaduto: il manipolo di soldati con a capo il Tenente Castillo è stato trucidato. I predoni intanto stanno organizzando proprio l’assalto finale alla cittadina per soggiogarla, metterla a ferro e fuoco e devastarla definitivamente grazie a strumenti e cavalli gentilmente offerti loro da… no, troppo semplice: lasciamo a voi il piacere di scoprirlo, o almeno di conoscerne le modalità.

Sappiate solo che La signora di Rancho Verde che dà il titolo all’albo, quella Ramona De Villafranca che nella parte iniziale dell’albo ha salvato la vita al Tenente Castillo conducendolo al suo ranch e lo ha sedotto con i suoi modi gentili e la sua avvenenza, ha un ruolo per nulla marginale che emerge vignetta dopo vignetta con gli indizi disseminati da Boselli e che solo un Castillo ancora intontito dalla brutta esperienza vissuta non riesce a comprendere subito.

La terza puntata di questa lunga storia scorre via in maniera molto più fluida rispetto alla precedente perché in questo segmento è concentrata molta più azione, con lunghi scontri tra i pards e le bande di predoni mentre i dialoghi si fanno più serrati. Tuttavia serve anche a fare da degna introduzione allo scontro finale che ci attende nel prossimo albo, perché Yavakai, il feroce capo dei Netdahe, ha un conto aperto con Aquila della Notte ed ha un solo desiderio, sfidarlo ed annientarlo.

Buona come sempre la prova di Ernesto Garcia Sejas, che asseconda con il suo tratteggio le scene di battaglia rendendole movimentate e spezzando spesso la visuale, dipingendo inoltre con estremo realismo gli scenari desolati e deserti e regalandoci anche sprazzi di sensualità senza mai eccedere con la figura della bella Ramona, la donna fiera e altezzosa verso la quale incede Tex nella copertina di Villa.

uscita: 07/08/2020
Formato: 16×21 cm, b/n
Pagine: 112
Soggetto: Mauro Boselli
Sceneggiatura: Mauro Boselli
Disegni: Ernesto Garcia Seijas
Copertina: Claudio Villa

Please follow and like us:

Biografia Christian Imparato

Christian Imparato
Classe '76, lettore compulsivo fin da bambino, ho maturato quella che si può definire, parafrasando De Crescenzo ed Eco, una libridine bibliofila. Nel frattempo ho fatto tante cose, dal precettore per liceali all'addetto vendite estere passando per il portiere d'albergo per finire con l'attuale ruolo di copywriter e operatore SEO. Se vi piace, chiamatemi Nemo.

Check Also

Joe Sacco e Zerocalcare, il fumetto per capire il mondo – ospiti del Festival Internazionale a Ferrara

Internazionale Ferrara: al festival Joe Sacco e Zerocalcare, il fumetto per capire il mondo A …