Tex #729 – Rapina a Nogales – Recensione

L’albo numero 729 della serie mensile regolare di Tex, con il titolo di Rapina a Nogales, conclude la storia doppia iniziata il mese precedente con Una Colt per Manuela Montoya. La particolarità sta nell’ideazione del soggetto da parte di Carlo Monni, il quale lo ha poi affidato per la sua sceneggiatura a Mauro Boselli, sempre a suo agio quando si tratta di ripescare personaggi rimasti impressi nei ricordi dei lettori come nel caso della bella ranchera Manuela che ha fatto breccia nel cuore di Kit Willer.

Se il primo albo sviluppava quasi per intero la vicenda legata al loro nuovo incontro, nella seconda metà della storia si cambia completamente registro, e come declamato dal titolo al centro dell’attenzione passa il piano ordito da Tex e Kit Carson per incastrare non solo i banditi ai quali stanno dando la caccia, ma anche lo spietato Don Domingo che vuole costringere Manuela a sposarlo per mettere le mani sui suoi possedimenti.


La macchinosa strategia vede i due ranger infiltrarsi nel suo ranch Luna Doble proprio per farlo uscire allo scoperto, e per l’occasione non mancano dei passaggi particolarmente esilaranti grazie ai loro scambi di battute che stemperano in parte i toni più drammatici del resto dell’avventura, concepita come un sano e tradizionalissimo western a base di sparatorie con banditi, duelli e scazzottate.
Stiamo parlando comunque di un albo di Tex per cui il canovaccio non è per nulla obsoleto, ed anzi rispecchia in pieno la lunga tradizione western pur introducendo nella narrazione alcuni elementi sperimentali.

Boselli costruisce come sempre dialoghi molto curati ed articolati che non appesantiscono la narrazione ed anzi ci accompagnano, insieme alle tavole disegnate da Mauro Laurenti, per rendere più chiare le diverse circostanze, e si concede in più la costruzione dei siparietti tra Kit e Manuela fino alla conclusione in parte inattesa e che lascia spiragli aperti su dei futuri sviluppi.

Lo stile delle tavole di Laurenti si conferma molto realistico e guadagna anche in incisività nella seconda parte della storia, come se lavorandoci su il disegnatore avesse carburato limando qualche difetto e calandosi meglio nell’atmosfera western con la realizzazione di tavole, anche se atipiche, del tutto convincenti.
C’è infine la bella e dinamica copertina di Claudio Villa che per questo mese propone Tex voltato quasi di spalle me sempre riconoscibilissimo.

Per il mese di luglio, inoltre, Bonelli ci ha proposto anche un Tex mensile 729 bis, con il titolo Agente indiano, per celebrare gli 80 anni di storia editoriale con un’avventura che racconta come Tex sia diventato agente indiano dei Navajo. Presto ne parleremo qui nella nostra sezione dedicata ai fumetti!

Uscita: 07/07/2021
Formato: 16×21 cm, b/n
Pagine: 112
Soggetto: Mauro Boselli, Carlo Monni
Sceneggiatura: Mauro Boselli
Disegni: Mauro Laurenti
Copertina: Claudio Villa

Please follow and like us:

Biografia Christian Imparato

Classe '76, lettore compulsivo fin da bambino, ho maturato quella che si può definire, parafrasando De Crescenzo ed Eco, una libridine bibliofila. Nel frattempo ho fatto tante cose, dal precettore per liceali all'addetto vendite estere passando per il portiere d'albergo per finire con l'attuale ruolo di copywriter e operatore SEO. Se vi piace, chiamatemi Nemo.

Check Also

SUMMER TIME RENDERING n. 13: UN FINALE CON I FUOCHI D’ARTIFICIO

Il tanto atteso ultimo volume, disponibile a fine ottobre   “Mai giudicare un libro dalla …