giovedì , 24 Gennaio 2019
Ultime Notizie

I FANTASMI DEI QUARTIERI. “DA DON PEDRO A ME”.

Nelle sale dello Spazio Martucci 56, a Napoli, è allestita la mostra personale di Rosario Mazzella,Da Don Pedro a me”, fino al 18 gennaio, curata da Simona Pasquali. Mazzella è un artista ed ex docente di discipline pittoriche presso l’Istituto d’Arte “Filippo Palizzi” di Napoli. Una delle principali caratteristiche del Professore è quella di aver instaurato con i suoi studenti un rapporto diretto, puro e sincero, basato sulla dialettica, di argomentare con logica serrata, in modo particolarmente abile e persuasivo qualsiasi tematica, attraverso un confronto costante, interessante e produttivo. E’ una figura poliedrica, insegnante, pittore e poeta, una fonte inesauribile di idee; una sensibilità e creatività artistica che trovano fondamento e terreno fertile nella sua pittura, tra il figurativo e l’informale, tra il cromatismo e i tratti grafici. Il titolo della mostra, “Da Don Pedro a me”, indica l’arco cronologico che va dal viceré Pedro Alvarez de Toledo y Zuniga nel settembre del 1532, che segnò una svolta fondamentale nella storia del Regno, con un riassetto politico-sociale e importanti mutamenti economici e urbanistici, con la costruzione  degli alloggi delle truppe spagnole a Napoli, i cosiddetti “Quartieri spagnoli”, alla rielaborazione in epoca contemporanea di questo microcosmo. I dipinti di Mazzella sono l’esito di una lunga e attenta osservazione  della realtà, delle strade, delle serrande, degli edifici, dell’illuminazione, delle persone e dell’atmosfera di questo quartiere. Opere caratterizzate da un certo virtuosismo stilistico ed estetico. Stemmi, architettura e toponomastica ricordano la presenza spagnola nella città partenopea.

Da Don Pedro a me”- Rosario Mazzella.

E’ una visione che segue un duplice binario, romantica e razionale, emotiva e critica, in cui la scomparsa delle botteghe e delle saracinesche abbassate, sono simboli di una attività o di un fermento svanito, ma che assumono una nuova valenza. Immagini creative e frasi offensive coprono le superfici metalliche, esprimono sentimenti, umori, pensieri, speranze ed esortazioni. I cumuli di spazzatura diventano fonte di ispirazione per Mazzella che nella materialità dei rifiuti intravede la possibilità di creare e realizzare nuove forme, nuove composizioni, sia in pittura, sia in scultura. Garze, reti squarciate, collage, colori vivaci e segni, restituiscono al fruitore un mosaico visivo, generano diversi spunti di riflessione: sono gli elementi di un teatro dell’anima, in cui i fantasmi, (soldati), ci proiettano in una nuova dimensione.

Fantasmi”- Rosario Mazzella.

Dai singoli dipinti emergono questi fantasmi, i soldati di Don Pedro, ospiti con le loro famiglie nel quartiere e custodi nella notte dei vicoli e delle piazze. Si assiste nelle sue opere ad una contaminazione fra antico e moderno, fra storia e attualità, in cui emerge una archeologia contemporanea, caratterizzata dalle sagome dei singoli condottieri e la voglia attuale di vivere in questo dedalo di strade strette, una ibridazione visibile in “Sentinella”, “Rievocazione di guerrieri”, “Gendarme”, “Gendarmeria spagnola”, “Fantasmi”, “Rievocazione degli spagnoli”, “Il re dei quartieri” e “Archeovicolo”. L’interesse per l’artista non è rivolto alla cronaca quotidiana, bensì all’atmosfera, ai fantasmi che vivono nelle strade e negli edifici, alle sentinelle spagnole armate di spade, scudi e corazze. Sono vicoli in cui si respira una atmosfera esoterica, magica e metafisica. Antichi e nuovi fantasmi dialogano, convivono e trovano “consistenza” nella materia. L’artista racconta e traduce visivamente ciò che vede e sente, con sensibilità e giudizio critico, utilizzando tele di iuta, libere dal telaio, che lui tiene sciolte mentre dipinge.

“Rievocazione degli spagnoli”- Rosario Mazzella.

Mazzella è un flaneur di “baudeleriana” memoria, un gentiluomo che vaga per le vie del quartiere, provando emozioni nell’osservare il paesaggio e l’architettura, riuscendo attraverso la sua produzione artistica a far emergere l’anima e la profonda umanità dei suoi abitanti. Consapevolezze che si riscontrano in una sua poesia:

Da Don Pedro a me“.

“I quartieri sono suggestivi palazzi puntellati, i balconi si baciano.

La vita si svolge nei bassi.

La storia degli spagnoli è ancora presente.

Stemmi e architetture ricordano la loro presenza.

Come fantasmi diventano nella notte custode dei vicoli.

Le serrande dipinte sono note di colori realizzate dai giovani

che trasmettono la loro libertà con segni e scarabocchi.

Sono vicoli misteriosi, le ombre coinvolgono forme annegate

nell’aria cupaLe pareti sono sepolcri con tanti scheletri nascosti,

coperti da lapidi e intonaci sbiaditi.

L’artista coglie queste memorie che diventano mete

letterarie e poetiche”.

                                                     Rosario Mazzella.

 

 

.

 

Print Friendly, PDF & Email

Biografia Luca Del Core

Luca Del Core
Appassionato di arte, approfondisce le conoscenze sulla materia studiando al corso di Laurea in "Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali" presso l' Università di "Lettere e Filosofia" della "Federico II" di Napoli. Ha collaborato come art writer presso "Arskey Magazine", scrive per "Artslife" e "Artapartofculture". La predisposizione ai viaggi, lo porta alla ricerca e alla esplorazione delle più importanti istituzioni culturali nazionali ed internazionali.

Check Also

INTENTART presenta PEZZI DI STORIA IN AVARIA di Fernando Pisacane

  INTENTART presenta PEZZI DI STORIA IN AVARIA Fernando Pisacane curatrice Simona Pasquali Spazio Martucci …