L’INCAZZATA TECNOLOGICA E LA MASTERCLASS DELLE POLEMICHE

Qualche giorno prima di Natale Chiara Ferragni, social-onnipresente fashion blogger, ha annunciato una masterclass di bellezza, coadiuvata dal makeup artist e amico Manuele Mameli.

I biglietti per l’evento, che vanno da 350 a 650 euro, sono andati subito a ruba, lasciandosi dietro una scia di critiche e polemiche

3 tipi di ticket per assistere all’evento che si terrà il 9 febbraio, con replica il 10 per accontentare parte delle 37mila persone rimaste in coda (fonte de “Il Giornale”), al Teatro Vetra di Milano, dalle 14.30 alle 19.

Regular ticket: 350 euro per assistere all’evento dai posti situati nel terzo settore del teatro, poter accedere al Californian buffet e ricevere una Make Up Beauty Bites bag con prodotti del valore di 150 euro.

Exclusive Ticket: 450 euro per sedere nel settore centrale del teatro, avere l’accesso al buffet e ricevere una Make Up Beauty Bites bag del valore di 350 euro.

Vip Ticket: 650 euro con l’accesso al buffet, la Make Up Beauty Bites bag del valore di 500 euro e la possibilità di sedere nelle prime file, praticamente in braccio a Chiara.

Ogni persona riceverà un attestato di partecipazione, ma coloro che acquisteranno il Vip Ticket “d’oro e tempestato di pietre preziose”, avranno la possibilità di entrare  nel teatro prima e andare via dopo, incontrare l’amata fashion blogger e il makeup artist, farsi un selfie con loro e postarlo subiterrimo su Instagram per rendere verdi d’invidia i followers. Dulcis in fundo avranno la possibilità di farsi truccare dai professionisti Sephora, con prodotti Lancome (unica cosa per cui varrebbe la pena di andare…).

Il corso sarà diviso in due parti: la prima dedicata ai consigli beauty, di stampo più tecnico, per i professionisti del settore che, secondo me, neanche hanno preso in considerazione di partecipare all’evento, preferendo corsi ben più seri e la seconda parte sarà un tutorial, come quelli facilmente reperibili, gratis, su YouTube. Ma in questo caso la stessa Chiaretta si cimenterà in una prova di trucco: vuoi mettere questa fantasmagorica differenza del valore di 350-650€?!

Le critiche sono piovute quasi istantaneamente sul profilo Instagram della Ferragni, accusata di non saper fare nulla e di truffare delle povere fesse con la falsa speranza di carpire i suoi segreti di bellezza in un corso di sole 4 ore, dove mostrerà come sentirsi più belle per affrontare con ottimismo le sfide di ogni giorno… Credo che col suo conto in banca, le sue numerose case e le persone al suo servizio, un po’ tutti affronteremmo le avversità della vita col sorriso sulle labbra, dall’unghia scheggiata alle calze smagliate.

Questa masterclass copia quella più celebre che si è tenuta in USA ad opera di Kim Kardashian (altro mostro di arguzia) e il makeup artist Mario Dedivanovic, quindi niente di nuovo sotto il cielo milanese.

Probabilmente al 90% delle iscritte, non gliene sbatte una beata cippa dell’attestato di partecipazione, non gli servirà assolutamente a nulla; gli importa solo postare millemila foto su Instagram e alimentare così il loro esibizionismo feroce. È per questo motivo che sono andati subito a ruba i biglietti più costosi, perché davano la possibilità di stare sotto al palco, in bocca alla Ferragni, scattando le foto più congeniali alla pubblicazione sui social network, altro che attestato di partecipazione. Buon anno a tutti!

Please follow and like us:

Biografia Maggie Lee

Anche se non sembra sono nata a Milano, ma sono di origini siculo-calabresi: da lì derivano i miei colori poco “nordici”. Sono laureata in Psicologia e sto frequentando la magistrale. I miei amici sostengono che ho un sesto senso innato per capire le persone, soprattutto quelle cattive, cosa che talvolta è più una maledizione che un dono. Cerco di interessarmi a po' di tutto, ho una passione per Wikipedia e mi diletto di cucina e fai da te. Sono il tuttofare tecnologico della famiglia, per qualsiasi cosa abbia dei pulsanti o, ultimamente, uno schermo touch. Amo le tecnologie semplici che semplificano la vita. Viaggio parecchio per amore, i mezzi di trasporto tedeschi non hanno più segreti per me, adoro la loro puntualità, ma odio la loro mancanza di elasticità e, naturalmente, la maggior parte del loro cibo.

Check Also

A settembre ritorna il Comicoff!

Quest’anno il Comicoff guarda alla seconda metà del 2021 in maniera innovativa: è in fase …