elton john

L’intervista cosplay della settimana: Lady Murasaki

– ENGLISH VERSION HERE! – 

– 日本語版はこちら!- 

Iniziamo subito con le presentazioni!

Ciao a tutto il mondo magico dei cosplayer, mi chiamo Catia Fucci in arte Lady Murasaki , poiche’ insegno danza giapponese e faccio esibizioni da ben 14 anni.

Da quanto fai cosplay?

Faccio cosplay da circa 5 anni, quindi pochissimo, all’inizio devo essere sincera, mi vergognavo, e non capivo il significato, ma poi frequentando le fiere ho capito che mondo magico fosse, e mi e’ presa una smania incredibile jajaja 😉

Come hai scelto il tuo nickname?

Lady Murasaki l’ho scelto per via della danza giapponese, era una famosa scrittrice del periodo Heian ( tra i suoi libri piu’ famosi Genji monogatari e il diario di Lady Murasaki), successivamente, ho scoperto che voleva dire viola che è il mio colore preferito.

Che cosplay hai realizzato fino ad oggi?

Da quando ho iniziato ho fatto alcuni cosplay, pochi come dicevo all’inizio, fra i miei preferiti c’e’ ovviamente La regina Anna Bolena, poi l’ultimo Elton John vestito col chiodo bianco e le piume di struzzo che nessuno ha ancora mai realizzato.

Crei da sola i tuoi cosplay o li compri/commissioni?

Cerco di realizzare quanto piu’ possibile da sola, io e mio marito con l’oggettistica e gioielli  ce la caviamo bene, per il resto mi affido ad una brava sarta; non comprerei mai articoli in plastica da 30 euro.

Hai un  “dream cosplay” o un progetto che hai particolarmente a cuore che non hai ancora realizzato?

In realtà ne ho 6 da realizzare, ovvero gran parte degli outfit che indossava Taron Egerton, quando interpretava Elton John.

In quale cosplay invece, non ti vedresti proprio?

Oddio io il cosplay devo sentirlo, ci deve sempre essere una parte di me. C’è bisogno che lo sappia interpretare, altrimenti sei solo una bella figurina da guardare che stai lì solo  per farti fare i complimenti.

Secondo te che impatto hanno avuto i social network nella diffusione del cosplay?

Positivo e negativo perchè dipende dalla gente. Chi guarda il tuo lavoro deve usare il cervello , non tutti lo fanno dato che guardano per primo il fisico( tette, gambe  e posteriore) e solo dopo poi cosa indossi. Chi come me ha
problemi di salute e non riesce ad essere 50 kg, viene  fin troppe volte offeso. Ricordo che per il miei 50 anni, portai Harley Quinn, non mi erano arrivati i pantacollant lunghi blu e rossi,  e fui costretta ad optare per uno nero.

Sui social la maggior parte delle ragazze o signore della mia eta’ furono  entusiaste per il  mio coraggio, ci furono però alcuni che misero l’ emoticom della risata. Addirittura   un ragazzo mi disse che non mi ci vedeva e che se si era dimostrato gentile e non offensivo  solo perchè avevo chiesto di essere “clemente”. Un’altra persona  mi paragonò a
Chuky la bambola assassina…evidentemente non si è mai vista senza trucco (ahahah). Mi chiedo perche’ certe persone devono offendere quando potrebbero dare consigli o fare critiche costruttive. Da queste cose si vede la natura di una persona e quindi  del cosplayer.

A quali eventi hai partecipato fino ad ora?

Il Romics che devo dire è la fiera che mi entusiasma di piu’:  e’ tutto contenuto, non e’ dispersivo. Lucca per me è mal gestita, troppo cara e  troppa gente “se la tira troppo”. Mi piace Volterra Mistery e fantasy dove io e mio marito abbiamo vinto come coppia con Anna Bolena e Enrico VIII, poi  il festival dell’unicorno a Vinci e il
S. Vincenzo Comics dove fecero solo 1 edizione dove però vincemmo anche li come coppia. Poi ho partecipato a MassaE TenebriS e Scandicci Comics vestiti da Steampunk.

La tua fiera preferita?

Romics per sempre 🙂

Hai qualche aneddoto particolare che ti è successo in ambito cosplay che vuoi raccontarci?

Un aneddoto simpatico fu’ quando io e mio marito Cristiano interpretammo Frida Kahlo e Diego Rivera (nessuno li ha mai portati). Quando ci hanno riconosciuto frotte di ragazzine di hanno riconcorso e abbracciato; e’ stato molto emozionante.

Da diverso tempo ti occupi di danza tradizionale giapponese, puoi parlarci di questa tua passione?

Danzo da 14 anni, continuo a studiare sia qui che in Giappone dove ho 2 sensei (maestri n.d.r.). Ho avuto il privilegio di conoscere vere MaikoGeisha e ho avuto l’onore di danzare con loro: un ricordo ed esperienze meravigliose!

Nel 2020 hai partecipato al programma televisivo Italia’s Got Talent, come reputi questa esperienza?

Per me Italia’s Got Talent e’ uno show da cestinare  perchè  è fatto per umiliare le persone, soprattutto quando non si capisce l’esibizione che un concorrente porta. Non mi sarei mai aspettata che  Joe Bastianich e Federica Pellegrini fossero cosi’ cattivi, un’esperienza da cancellare.

 Quali sono i tuoi prossimi progetti?

Continuare a portare  la danza sui palchi dei teatri, e nelle fiere  dove  posso fare workshop e mostrare questa arte bellissima.

Ecco, infine, gli spazi social dove è possibile seguire Catia:

I diritti delle foto appartengono ai rispettivi fotografi, per essere aggiunti ai photo credits contattateci su

cosplay@senzalinea.it

Our Friends:

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

EVOCA IL LORD OF LIGHT E SCONFIGGI IL MALE SU ACTRAISER RENAISSANCE, ORA RIMASTERIZZATO PER LE PIATTAFORME MODERNE

Il classico per Super Nintendo è ora disponibile per Nintendo Switch, PlayStation®4, PC e dispositivi …