NAPOLI FEMMINILE SCONFITTO DALLA ROMA NEL PRIMO TEST STAGIONALE

NAPOLI FEMMINILE – AS ROMA 0-1
MARCATORI: Glionna (R) 23’ p.t.
NAPOLI FEMMINILE (4-3-3) Aguirre (dal 1’ s.t. Chiavaro); Imprezzabile (dal 32’ s.t. Botta), Garnier, Abrahamsson, Capitanelli (dal 14’ s.t. De Biase); Goldoni (dal 1’ s.t. Severini), Tui (dal 1’ s.t. Blanco), Colombo (dal 31’ s.t. Penna); Herzen (dal 24’ p.t. Porcarelli), Popadinova (dal 36’ s.t. Ferrara), Toniolo (dal 33’ s.t. Zavarese). All.: Pistolesi
AS ROMA: Caesar (dal 1’ s.t. Baldi); Di Guglielmo (dal 1’ s.t. Soffia), Swaby (dal 1’ s.t. Pettenuzzo), Linari, Bartoli (dal 24’ s.t. Vigliucci); Bernauer (dal 32’ s.t. Ciccotti), Giuliano, Greggi (dal 24’ s.t. Gallazzi); Glionna (dal 32’ s.t. Pacioni), Pirone, Serturini (dal 24’ s.t. Tall Khady). All.: Spugna

Prima amichevole stagionale per il Napoli Femminile contro la Roma di Spugna, un match condizionato dal fortissimo vento che ha spazzato il cielo di Rivisondoli dove le azzurre sono in ritiro. Pistolesi ha fatto ruotare quasi tutte le ragazze a sua disposizione, tenendo conto del fatto che gli allenamenti sono iniziati da poco più di una settimana.

Giallorosse in campo con il tridente titolare Glionna-Pirone-Serturini (quest’ultima tra le più pericolosose in avvio). Vantaggio ospite con Glionna al 21’: lancio di Swaby, uscita incerta di Aguirre e pallonetto vincente dell’ex empolese. Poco dopo Aguirre si riscatta proprio su Glionna, che da pochi passi si vede respingere un tiro a botta sicura. Aguirre si erge a protagonista anche su un colpo di testa di Giugliano dal centro dell’area e prima dell’intervallo Pirone sfiora il bersaglio grosso con una incornata delle sue. Per il Napoli poca produzione offensiva vista anche l’assenza di Deppy, che sta tornando alla condizione ottimale.
Ripresa più equilibrata, con qualche cambio e alcune situazioni interessanti da entrambe le parti senza però che i portieri venissero impegnati fino al destro di Popadinova al 24’ bloccato da Baldi. Nel finale è stata la Roma a certificare il successo sfiorando nuovamente il raddoppio con Vigliucci, la cui conclusione su assist di Pirone è finita fuori di poco.

Please follow and like us:

Biografia Jacques Pardi

La laurea in ingegneria gli ha fatto perdere i capelli ma non le tante (troppe?) passioni, dallo sport (soprattutto il Napoli, calcio e basket, ma più che di passione qui parliamo di...malattia), al cinema, dalla musica alle serie tv, fino (inevitabilmente) ai fumetti. La moglie e le due figlie queste passioni spesso le supportano, altrettanto spesso le...sopportano. Un autentico e fiero "nerd partenopeo" insomma, incurante dell'età che avanza, con un sogno nel cassetto: scrivere di quello che ama

Check Also

Secondo poker consecutivo, qual è la vera forza del Napoli?

Dopo Udine, anche la Sampdoria è annichilita dallo strapotere tecnico, tattico e fisico del Napoli, …