47 Ronin: l’onore e la sua decadenza secondo Mike Richardson, Stan Sakai e Kazuo Koike

Il fumetto  nasce da un antefatto storico piuttosto interessante: i quarantasette ronin erano un gruppo di samurai al servizio di Asano Naganori, signore di Akō, città del Giappone situata nella regione di Kansai. Nel 1701 rimasero senza padrone (per questo divenuti ronin), dopo che il loro daimyō venne costretto a commettere seppuku per aver assalito il “maestro di protocollo” dello shōgun, Kira Yoshinaka, il quale lo aveva insultato. Vittima dei giochi di palazzo, Asano si vede negato un giusto processo e le attenuanti a cui avrebbe diritto ed è costretto a “sucidarsi” senza nemmeno poter rivedere la propria famiglia.

Gli autori di questa versione a fumetti sono  Mike Richardson, Stan Sakai e Kazuo Koike. E’ il 2013 quando Stan Sakai, con la consulenza di Kazuo Koike,   disegna su testi dell’editor Mike Richardson questa graphic novel basata sull’opera teatrale giapponese Chūshingura.

Mike Richardson  è un editore, scrittore e produttore americano  vincitore di diversi Emmy. Nel 1986 fonda Dark Horse Comics , pluripremiata casa editrice statunitense con sede a Milwaukie .  Richardson è anche il fondatore e presidente della catena di negozi Things From Another World e presidente di Dark Horse Entertainment , che ha sviluppato e prodotto numerosi progetti per film e serie Tv, oltre 47 Ronin ha scritto numerose visual novel e fumetti. 

Stan Sakai, leggenda del fumetto indipendente americano,  è noto per essere il creatore di Usagi Yojimbo.  Infine, come  consulente editoriale, ha partecipato al progetto il compianto   Kazuo Koike; mangaka e sceneggiatore ha  collaborato con i più importanti maestri  del panorama fumettistico giapponese, tra cui Gō Nagai, Kazuo Kamimura, Gōseki Kojima, e Ryōichi Ikegami.

La storia narra le vicende dei servitori  il cui scopo è organizzare la vendetta per il loro “padrone”; un uomo buono e onesto, ingiustamente punito con la morte da una burocrazia intransigente e legata ad un concetto di onore inutilmente rigido.

47 Ronin è  uno di quei rari casi in cui  un narratore statunitense (Richardson n.d.r.) è capace di raccontare la visione del mondo di un popolo straniero senza “americanizzarla”,  Stan Sakai in questo tipo di storia  è chiaramente a suo agio, ispirato da un’ottima sceneggiatura che omaggia una delle storie più belle della tradizione nipponica.

Richardson, Sakai e Koike, come era lecito aspettarsi,  realizzano un prodotto di altissima qualità  con un rispetto ammirevole senza costruire eroi né demonizzare gli antagonisti, narrando eventi  accaduti in un periodo storico in cui il Giappone visse una grande decadenza dei propri valori; un periodo però dove contavano  ancora i  legami personali, il proprio credo e la parola data. L’edizione di ReNoir è, come sempre, curatissima ed elegante, corredata da una  meravigliosa copertina realizzata dallo stesso Sakai.

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Danilo Battista
Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

GTA Online: grandi ricompense per chi ha una buona mira

Alzati in volo e ottieni ricompense triple in Salti di rigore di gruppo Grandi ricompense …