giovedì , 5 Dicembre 2019

Influencer :scopriamo il mondo di ROCCIASOLIDA

Nel nostro gergo quotidiano il termine Influencer è entrato nel dire comune, persone virtuali ma reali che con le loro idee e tendenze ispirano la nostra vita stimolandoci con il loro personale stile.

Il biglietto da visita primario è la bellezza, l’essere accattivanti. Il mezzo con il quale si crea il legame tra loro e noi sono i social network, in particolare Instagram. Pian piano, tramite la sua patinata immagine l’influencer si fa conoscere e, catturando l’attenzione dei followers, spicca il volo.

Nulla è lasciato al caso.

Incontriamo oggi RocciaSolida, Ettore è il suo nome nella vita reale. L’ho conosciuto a Bologna in occasione di una presentazione di un libro. Bello, barbuto, colto, simpatico “irrimediabilmente” alto, ha inevitabilmente attirato la mia attenzione.

RocciaSolida, sta spiccando il volo su Instagram ed io ho molte curiosità da soddisfare sul suo mondo.

Chi è RocciaSolida?

Rocciasolida è un uomo che ha superato gli ”anta”, ex sportivo, ex indossatore, laureato, dinamico, socievole, artista e creativo.

Da dove nasce questo nome?

La scelta del nick nasce dalla necessità di dare al profilo un nome che in una sola parola racchiudesse l’immagine di me. Rappresenta la ‘corazza’ che solo le esperienze negative sanno costruire. Nella vita mi sono lanciato con entusiasmo in numerose avventure, ovviamente, non tutte sono state facili, ma quelle meno riuscite, sono state capaci di rafforzarmi come una roccia solida.

Sei un influencer, è una scelta voluta oppure è nato tutto per caso?

Ho aperto il profilo quattro anni fa ma per i primi tre anni non davo alcuna importanza. Consideravo Instagram il profilo dei selfie e dei VIP; ogni tanto pubblicavo un selfie ma le foto più o meno erano tutte uguali, i followers crescevano molto lentamente e aspettavo i (pochi) like, senza ricevere né stimoli né soddisfazioni. Poi un giorno d’estate ho avuto l’incontro con un fotografo di moda che mi scattò una foto. Da quel momento improvvisamente i followers e i like esplosero numericamente. Seguirono così una serie di foto attrattive, e si aprì davanti ai miei occhi una opportunità.

Trucchi per attirare i followers ?

A differenza di Facebook che è un social ‘statico’, Instagram è nato come social ‘dinamico’. Ci sono diverse funzioni all’interno del programma e la possibilità di intrecciarle tra di loro. In più esistono delle app.esterne che interagiscono potenziando le possibilità di aumentare i likes e i followers. Un consiglio: siate finalizzati. Esprimete attraverso le foto i vostri interessi e ‘siate voi stessi’. Il pubblico ama sapere chi siete, cosa fate, con chi lo fate e dove andate. Ad esempio, se il vostro interesse è la musica, pubblicate tutto intorno a questo mondo. Anteprima dei concerti, foto del biglietto, foto di gruppo e nelle storie i video dei concerti. In ogni foto è importante aggiungere 20 Tag e 30 Hashtag. Così facendo aumentate di 50 volte la vostra visibilità. Inoltre le foto del profilo devono avere un filo logico; un profilo con una foto scollegate tra loro, esempio: un panorama, un fiore, una moto, una torta e un selfie, risulta noioso, inutile, confusionario e il visitatore non si riconosce e vi abbandona.

Ti piace Chiara Ferragni?

Chiara Ferragni la ammiro professionalmente. Una Barbie italiana vivente. alta, snella, bionda, occhi azzurri, denti bianchi, bella e intelligente, ha capito prima di tanti, le potenzialità di questo social. Ha saputo creare un impero economico attraverso una figura professionale che prima non esisteva, senza investimenti, partendo solo con foto e sorrisi. Il suo successo è meritato, riconosciuto dalle grandi menti del marketing mondiale. Non si è mai proposta come diva eppure diva è diventata. Un grande risultato che molti, pur imitandola, non raggiungono. Chiara Ferragni è la Barbie italiana, Fedez (ora biondo) il suo Ken e insieme al piccolo, creano nell’immaginario collettivo, il quadretto della famiglia perfetta del Mulino Bianco. 30 e lode a Chiara Ferragni!!

Il tuo account è solo per uomini, perché?

Poco prima ho consigliato:”siate voi tessi”, ebbene, il mio account rispecchia ciò che sono, il mio universo e i miei interessi ruotano intorno al mondo maschile, sono gay e sono consapevole di saper interagire meglio con ciò che mi appartiene, piuttosto che con un universo a cui non sono interessato. 

Come studi  e crei una foto da postare?

Utilizzo diversi sistemi, uno di questi è concentrarmi sulla ritmica dell’immagine d’insieme del profilo ad esempio dopo qualche foto a colori ne pubblico una in bianco e nero, oppure dopo alcune foto in cui sono completamente vestito, ne pubblico una senza maglia o in costume da bagno, così da tenere sempre viva l’attenzione del visitatore.

Qual è il limite invalicabile tra te e i followers?

Nel corso degli anni, più crescevano i followers, più aumentavano le proposte indecenti. Ho ricevuto richieste di qualunque tipo: materiale spinto, appuntamenti, viaggi, proposte di fidanzamento e di matrimonio. Porre un limite a tutto questo, per me è stato semplice; non ho fatto altro che restare con i piedi per terra, seguire le limitazioni imposte da Instagram e applicare del buon gusto e il concetto educativo familiare che mi appartiene.

Ti ispiri a qualcuno?

Generalmente mi ispiro alla visione dell’universo maschile. Un mondo essenziale, quasi selvaggio, un occhio attento alla forma fisica ma senza estremismi, alimentazione sana, non vegetariana. Mi ispiro a diversi profili sportivi internazionali, ad alcuni stuntman e icone del mondo bears, truckers, workers, leathers e bikers e al mito del ‘Kouros’ greco. Pubblico foto evocative, mi dedico alla celebrazione del vedo-non-vedo, stimolo l’immaginazione e mi fermo sempre 10 centimetri prima della volgarità.

Che immagine o tipo di  “influenza” vuoi dare?

Vorrei influenzare il pubblico a tenere lontano gli eccessi, ad essere originali nella propria semplicità, ad avere cura e attenzione nei dettagli senza essere fashion-victims. Indossare con eleganza anche i capi sportivi o casual. Continuare a coltivare gli interessi, la musica, l’arte e la cultura in generale, intrecciare con essi i nuovi linguaggi di comunicazione. Seguire le mode, divertirsi a fonderle e interpretarle attraverso i propri occhi, per non cadere nella massificazione

Il tuo tratto distintivo?

Il tratto distintivo è dato da una citazione latina ‘Hic et Nunc” (qui e ora), che ci indica la consapevolezza della contemporaneità. Continuo spesso a dare uno sguardo al passato, non per continuare a vivere nei ricordi ma solo per sapere dove questo ci ha lanciati e in che realtà stiamo vivendo. Assorbo i cambiamenti evolutivi e accetto il presente con entusiasmo e maturità.

Progetti futuri?

Ho intenzione di continuare le collaborazioni nella moda, attualmente avviate, ho in programma di aprirne di nuove, nel campo degli accessori e del turismo, alcune attualmente sono inerenti a IG e altre che pur partendo dal social entreranno in altri campi di applicazione, come ad esempio un progetto nel mondo del Beauty Wellness e successivamente un altro progetto editoriale, (IN COLLABORAZIONE CON LO SCRITTORE CARLO DITTO!!! Che forse conosci…..!!!) in cui IG si fonderà alla vita reale.

Please follow and like us:

Biografia Carlo Kik Ditto

Carlo Kik Ditto
Autore dei romanzi "La pecora Rosa"e "Crazy Bear Love" e "A Destra dell'Arcobaleno",Carlo Ditto con la sua ironia e il suo tono sempre sopra le righe,riesce a raccontare in modo davvero unico,la quotidianetà.Nella sua rubrica "L'angolo della Pecora Rosa",accompagnerà i nostri lettori nel mondo LGBT.

Check Also

“Onlyfans” il porno fai da te raccontato da G.

Oggi il porno è fai da te, tutti abbiamo una cellulare e quelli di nuova …