Intervista a José Andés Tarifa Pardo: emozioni uniche italiane

Classe ’91, di Mantova, José Andrés Tarifa Pardo, autore a tutto tondo. Influenzato da vari generi musicali (folk, rock, cantautorato) è riuscito a fondere tutti questi generi, dando vita alla sua arte, che non rientra in un genere ben preciso, ma che è un connubio di sonorità e parole ricercate, che rende la sua musica unica.

Tarantella de’ briganti è il nuovo singolo accompagnato dal videoclip ufficiale uscito nell’aprile 2020, tratto dal suo ultimo album Meltin Pot. Questa, è una tarantella di denuncia: “Il maxi processo di Palermo e il Bel Paese, sono partito da questi due punti. Quante persone morte, quante persone abbandonate da uno Stato e da una parte di popolo omertoso. Bada ad essere una canzone politica, ma sociale e ripercorro veramente tutte le stragi e disastri avvenuti in italia dal dopoguerra ad oggi.” ha dichiarato il cantautore. Melting Pot vuole essere la continuazione del progetto precedente intitolato “La Sagra del buio” pubblicato nel 2015.

Ne abbiamo parlato proprio con lui.

Ciao José, benvenuto! Sei un cantautore a tutto tondo: in te rivedo molte influenze folk e cantautorali. Da quali artisti ti senti più coinvolto?

Ciao a tutti .
Ho avuto tante influenze musicali e tanti artisti che da cui mi sento coinvolto, negli anni sono cambiati , sono mutati cercando nuove sonorità e modi di scrittura diversi.
Battisti, De André, Tenco, Petrolini, Gaber come tutti i grandi cantautori dai primi anni del ‘900 ad oggi.
Ma anche la musica rock e hard rock, il punk hanno influito nel mio modo di volere far nascere una canzone.
Come dicevo sono sempre alla ricerca, e scopro ogni giorno generi, gruppi, cantanti nuovi che possono lasciare in me un qualcosa.
La musica Andina, o balcanica, la musica popolare russa o della grecia.
Se devo scegliere un artista sicuramente Vinicio Capossela racchiudere nella suo stile tutti questi generi.

Ti sei avvicinato molto al teatro: quanto sono importanti la mimica, la memoria, la dizione anche in campo musicale?

Premetto che nel tipo di Teatro che faccio per lavoro, non è fondamentale l’uso della dizione.
Mi spiego, la dizione è fondamentale in molti ambiti dello spettacolo.
Ma io faccio parte di una compagnia teatrale di ricerca , d’avanguardia che usa molto il corpo,la visione e sfrutta i pregi e difetti dei vari performer, compresi quelli di pronuncia.
Nell’ambito musicale, personalmente, penso che la dizione non sia importante, perché l’importante è quello che trasmetti al pubblico e quindi in questo caso la mimica gioca un ruolo fondamentale.
Come dovrei muovermi  sul palco? Cosa dovrei fare sul palco mentre c’è l’assolo? Queste sono le domande che mi pongo sempre, e faccio una ricerca.
La memoria è puro allenamento.
“Melting Pot” è stato definito il prosieguo de “La sagra del buio”. In che senso il tuo secondo lavoro dà continuità al primo?
La Sagra del buio, voleva essere una visione allegorica dell’inferno dantesco, e, tra miti  e  problemi reali della società, mi sono creato un mio personale inferno.
Melting Pot vuole essere l’uscita è quindi una sorta di cammino nel Purgatorio.
Ho voluto avvicinarmi e soffermarmi di più sui problemi della società, intervallandoli  a situazioni più personali.
Musicalmente ho voluto dare un’impronta diversa per ogni canzone  cercando di creare un ossimoro  tra musica e parole.

 A quale tuo brano sei più legato?

Un conte al piano è la canzone a cui sono più legato, perché è stata una delle prime che ho scritto del progetto MELTING POT.
Come è nata nella mia testa così voi la sentite oggi.
E poi perché vuole essere un omaggio al grande Maestro Paolo Conte

 Quale personalità artistica ti ha più “guidato” nel tuo percorso di studio?

Come ho detto precedentemente, sono tanti gli artisti che mi hanno “guidato” e a cui mi sono ispirato.
Il quartetto Battisti, De André, Tenco e Gaber è sempre stato il mio punto di riferimento quando non trovavo la strada giusta.
“Melting pot”: cosa significa?
Melting Pot,  calderone, al cui interno vivono e si fondono generi diversi , per creare un’identità condivisa e unica
Questo è il Melting Pot, sette canzoni, sette stili musicali diversi ,sette storie diverse, racchiuse in un unico progetto.
 Quali sono i tuoi progetti futuri?
Sto già iniziando a lavorare ad un terzo progetto , in cui saranno presenti collaborazioni con altri artisti , che ho conosciuto in questi anni in giro per l’Italia.
Se volete rimanere aggiornati potete trovare le informazioni sulla mia pagina Facebook e Instragram digitando il mio nome e cognome.
José Andrés Tarifa Pardo
Please follow and like us:

Biografia Bianca Gammieri

Bianca Gammieri
Laureata in filosofia nel 2006 lavora come consulente matrimoniale per l'agenzia "legami di vita e non solo". È presidentessa dell'associazione culturale "jailbreak" di San Nicola La Strada.

Check Also

Ivan Granatino e Clementino in radio dal 23 ottobre con il singolo “DINERO”

Ivan Granatino e Clementino in radio dal 23 ottobre con il singolo “DINERO” Dopo i …