L’ intervista cosplay della settimana: Ladaffyy

– ENGLISH VERSION HERE! – 

– 日本語版はこちら!- 

Parlaci di te

Mi chiamo Dafne, vivo ad Ancona, ho 24 anni e mi occupo dell’estetica, principalmente ricostruzione unghie e nails art/micropittura da ormai 5 anni. Sono sempre stata appassionata di make-up, amo variare spesso il mio look, e vedermi sotto diverse forme. Anche se non si direbbe sono molto timida e non amo dare nell’occhio, credo che il lato estetico sia quello che riesco a sfruttare al massimo per esprimermi come vorrei.

Da quanto tempo fai cosplay e quali hai realizzato fino ad ora?
Non è da troppo tempo, ho iniziato a fare progetti e frequentare qualche fiera nell’inverno 2016. Ho indossato ufficialmente il mio primo cosplay (realizzato a mano) nel 2017. Ne ho fatti numerosi specialmente all’inizio perché è una passione che mi ha preso fortemente e non mi sono data freni.

Tra i miei cosplay ci sono:
-Ciel Phantomhive
-C.C. da Code Geass
-Sheego da Kim Possible
-Lamu la ragazza dello spazio
-Mavis di Hotel Transylvania
-Icy dalle Winx
-Bruno Bucciarati da JoJo
-2B e A2 da Nier Automata
-Akali e Xayah da League of Legends
-Touka da Tokyo Ghoul
-Tae Takemi da Persona 5
-Violetta degli Incredibili
-Raven dei Teen Titans
-002 da Darling in the Franxx
-Shutendoji da Fate Go
-Chloe da Life is Strange
-Mikasa da Attack on Titan

Come hai scelto il tuo nickname?

Sui social nel profilo che uso per i miei cosplay mi chiamo “Ladaffyy”, in realtà è semplicemente il mio nome con un articolo davanti, questo è perché reputo il mio nome già abbastanza particolare, non mi andava di metterne uno di fantasia, vorrei che la gente mi ricordasse e mi chiamasse col mio vero nome.

A quale cosplay che hai realizzato sei più legata?

Decisamente Lamu perché e stata un simbolo della mia infanzia è tuttora il mio amore per lei è invariato. In realtà sono davvero affezionata a tutti i cospaly che ho realizzato perché in un modo o nell’altro, rappresentano momenti della mia vita speciali ed importanti.

Realizzi da sola i tuoi cosplay o preferisci comprarli/commissionarli?

Quasi tutti son fatti a mano, mi è capitato di comprarli online quando non ho avuto tempo di cucirli oppure quango magari per complessità dell’abito, lo ritenevo più economico.

Cosa pensi di chi ha fatto una scelta diversa dalla tua?

Io sono stata aiutata da un’amica e ho fatto dei corsi di cucito, credo che sia un’arte davvero difficile e tuttora nonostante il corso io non sono il massimo, quindi credo che chi non sappia cucire fa più che bene a comprarli, il cosplay è una passione per tutti, grandi e piccini, non ci sono delle regole per esprimersi o fare qualcosa di bello che non nuoce la salute di nessuno.

Hai un “dream cosplay” o un progetto che hai particolarmente a cuore?

Icy delle trix (Winx) era un dream che ho realizzato, per ora quasi tutti i personaggi che amo li ho già interpretati, mi piacerebbe sperimentare qualcosa di più complesso, con ali o armature ma ancora non ho trovato un personaggio che mi ha spinto a farlo. Mi piacerebbe molto portare un gruppo completo di Inuyasha perché è uno degli anime che più amo.

In quale cosplay invece, non ti vedresti proprio?

Sicuramente non mi vedrei bene in cosplay eccessivamente mascolini, oppure personaggi femminili troppo “volgari” e formosi, essendo io di corporatura abbastanza esile credo mi stonerebbe.

Secondo te è giusto guadagnare con il cosplay?

Secondo me si, per quanto riguarda la realizzazione di un personaggio credo che sia una passione molto costosa e richiede anche tanto tempo. Poi se sei un po’ popolare sui social devi anche trovare il tempo di rispondere a chi ti segue e chi magari ti prende come ispirazione e ti chiede consigli, per poter star dietro a tutto questo secondo me un minimo di compenso dovrebbe esserci. Io facendo un lavoro a parte non riesco mai a dedicarmi al cosplay come vorrei, proprio perché comunque non mi paga nessuno per farlo quindi lo faccio solo quando e se posso.. spesso e volentieri mi tocca rinunciare per questo.

 Secondo te ci sono dei casi dove non lo sia?

È un discorso delicato, io credo non sia giusto che un cosplayer debba pretendere di essere pagato magari per fare due foto, oppure ci sono persone che, tramite delle app, credo, si comprano i followers su Instagram per farsi notare e magari farsi invitare come ospiti ad eventi dove magari vengono pure pagati, mi sa molto di truffa, però è un pensiero mio e non mi sento di puntare il dito su nessuno.

Ultimamente si parla molto degli original, secondo alcuni snaturano il senso del cosplay, tu come la pensi?

Io penso che fare cosplay sia fare arte, e come tale non ha limiti ne parametri. Quindi sono pro agli original e spero presto di realizzarne uno mio.

Secondo te che impatto hanno avuto i social network nella diffusione del cosplay?

Secondo me super positivo, molti ancora non sanno nemmeno cosa sia un “cosplay”, però grazie ai social secondo me si è diffusa in maniera davvero sana e bella, permettendo a chi ha questa passione di conoscersi a vicenda e incontrarsi, eccetto a chi ne fa abuso ma ovviamente quello è un discorso che può valere per qualsiasi persona.

A quali eventi hai partecipato fino ad ora?

Più o meno tra gli eventi principali li ho fatti quasi tutti: Festival del fumetto Novegro, Cartoomics, Romics, Lucca Comix, Rimini Comix, Bologna nerd show, Modena nerd, San Marino Comics, Comicon di Napoli, Ancona Comics and Games.

Qual’è la tua fiera preferita?

Credo sia Rimini Comix perché raduna gente da un po’ tutta Italia, ed essendo un po’ più “piccolo” come evento rispetto Lucca, riesci a incontrare molti più amici, e la sera finito l’evento si esce tutti insieme sul lungomare.

Hai qualche aneddoto particolare che ti è successo in ambito cosplay che vuoi raccontarci?

In realtà da quando ho iniziato, mi sono successe tante cose belle e anche qualcuna meno bella, tra le cose carine, una che mi è rimasta impresso è quando l’UCI Cinema di Ancona ha contattato me ed una mia amica per presentarci in cosplay de “Gli Incredibili” all’uscita dell’ultimo film, per fare le foto con i bambini che entravano o uscivano dalla sala.

Hai mai partecipato a qualche contest cosplay? 
Soltanto una volta, ma non amo molto la competizione e come ho detto anche prima sono molto timida, però se un gruppo di amici me lo proponesse non rifiuterei.

Hai mai partecipato come giuria a qualche manifestazione?
Si, sono stata ospite in giuria alla seconda edizione Ancona Comics and Games 12-13 ottobre 2019 organizzata dai BHC. È stato molto bello e gratificante, ma sopratutto divertente.

Hai mai presentato un evento cosplay?

No, ma credo mi piacerebbe farlo, magari affiancata da qualcuno che già lo ha fatto ed ha esperienza.

Hai mai partecipato ad eventi all’estero?

No, ma mi piacerebbe tantissimo.

Hai un profilo Patreon (o simili) dove offri materiale a pagamento?

Niente di tutto questo, per ora ciò che faccio è semplicemente mostrare i miei make-up ed i miei costumi, ed è tutto pubblico e gratuito.

Le foto sono di:

  • Federica Vinci Photography
  • Ozz_the_wizard
  • Alessio Ruggieri
  • Nausicaa Rondina
  • Lex Elle Polidori
  • Sphinx Photography
  • Mauro Petrolati
  • Fabio Valenti

Ecco infine i profili social di Dafne:

Our Friends:

Please follow and like us:

Biografia Danilo Battista

Appassionato sin da piccolo della cultura giapponese, è stato rapito tanti anni fa da Goldrake e portato su Vega. Tornato sulla Terra la sua viscerale passione per l'universo nipponico l'ha portato nel corso degli anni a conoscere ed amare ogni sfumatura della cultura del Sol Levante. Su Senzalinea ha cominciato a scrivere di tecnologia e di cosplay. Da diverso tempo gestisce la sezione "Nerdangolo" ma ha promesso che un giorno, neanche tanto lontano, tornerà su Vega...

Check Also

Hemingway raccontato da Topolino

Un Topolibro speciale disponibile dal 23 giugno che raccoglie dieci imperdibili storie ispirate all’opera di Ernest Hemingway, …